garibaldi-5-300x200

Presentata la nuova programmazione della Fondazione Teatro Garibaldi di Modica

MODICA (Di Elisa Montagno) – Tante novità, grandi ospiti, attesi ritorni, concerti e spettacoli di successo per due stagioni, di teatro e di musica, assolutamente straordinarie. Presentata stamani a Modica la nuova programmazione per il Teatro Garibaldi di Modica, messa a punto dall’omonima Fondazione, con la sovrintendenza di Tonino Cannata e con il patrocinio del Comune di Modica e di vari sponsor privati. Una trentina gli appuntamenti in programma che si preannunciano già dei grandi eventi per un’offerta culturale davvero eccelsa, ormai punto di riferimento autorevole per tutta la Sicilia Sud Orientale. Presenti i direttori artistici delle due stagioni, Carlo Cartier per la prosa, che inizierà il 24 novembre con “Il Cavaliere Pedagna” con un bravissimo Tuccio Musumeci, e Giovanni Cultrera per la musica, il cui cartellone precedente sta per concludersi per poi ripartire con la nuova programmazione 2017-2018 con il consueto e attesissimo, concerto di Capodanno. Presenti anche il sindaco di Modica Ignazio Abbate, presidente della Fondazione, e l’avv. Giuseppe Polara, vicepresidente.
Svelati dunque i vari appuntamenti con ospiti illustri, tra attori, registi, cantanti e musicisti. Per la prosa si inizia il 24 novembre con Tuccio Musumeci ne “Il Cavaliere Pedagna” e si arriverà fino ad aprile con nove spettacoli in programma. Tra gli ospiti Gaia De Laurentiis, Maurizio Micheli, Nini Salerno, Andrea Tidona, Sebastiano Lo Monaco, Ugo Dighero, Gianna Giachetti, Paolo Triestino, Roberto Alpi, Antonella Elia e tanti altri grandi interpreti: “Sono molto soddisfatto delle proposte contenute nella prossima stagione – commenta il direttore artistico del cartellone teatrale Carlo Cartier – che certamente incontreranno il favore del nostro pubblico che ci ha mostrato grande apprezzamento in questi mesi e che da tempo era in attesa di scoprire i nuovi spettacoli. Il grande teatro sarà ancora una volta il protagonista indiscusso della prossima stagione grazie ad un’offerta variegata nei generi, commedia, prosa e non solo, con bravi interpreti e registi e grandi autori storici, come il nostro Luigi Pirandello e Luigi Capuana. Inoltre torna anche il progetto scuola”.
Dal 1° gennaio riparte la nuova stagione musicale con il consueto Concerto di Capodanno, con la Civica Filarmonica di Modica. La stagione musicale, novità recente della Fondazione Garibaldi, ha finora ottenuto un successo straordinario con continui sold out, anche per gli spettacoli fuori spettacoli. Quattordici i concerti che accompagneranno il pubblico del teatro modicano per tutto l’anno 2018: “Ci attendono nuove serate all’insegna della più bella musica internazionale – spiega il direttore artistico della stagione musicale, Giovanni Cultrera – classica, lirica, jazz e tanto altro, con ospiti di fama mondiale. Ma c’è anche il grande ritorno del balletto, quest’anno con “Sheherazade” con il Balletto di Milano ma anche con Raimondo Todaro e la sua compagnia. In programma anche l’operetta con due serate con il grande Umberto Scida, che porterà in scena “Cin Ci La” e “La Vedova Allegra”. In scaletta c’è pure una straordinaria “La Bohème” con la regia di Antonino Interisano; “Pagliacci” con Marcello Giordani, Daniela Schillaci e Carmelo Corrado Caruso con la regia di Lino Privitera. E poi il ritorno dell’Orchestra del Teatro Massimo Bellini di Catania, dei Chroma Ensemble e dei Percussio Mundi, che già lo scorso anno avevano riscosso grande successo”.
“In queste settimane in tanti ci hanno chiesto la possibilità di abbonarsi – commenta il sovrintendente della Fondazione Teatro Garibaldi Tonino Cannata – a dimostrazione dell’attenzione della città e di tutta la provincia alle proposte teatrali e musicali di qualità che abbiamo offerto in questi mesi e che attenderanno il nostro pubblico anche per le prossime stagioni. Si riconferma così il ruolo di promotore culturale assolutamente di primo piano del nostro teatro in tutta la Sicilia sud orientale”. Sostenitori della programmazione della Fondazione Teatro Garibaldi sono Gruppo Minardo, Gruppo Zaccaria, Acqua Santa Maria, Conad, Bapr.
Leggi tutto
nico arezzo

X Factor: Nico Arezzo fuori, Lorenzo Licitra concorrente ufficiale

RAGUSA (Di Elisa Montagno) – Un pezzo di Bruno Mars è stato assegnato a Nico Arezzo che ha tirato fuori tutto il suo funk. Purtroppo, però, non è stato sufficiente ed è stato eliminato. Termina così l’impresa del cantante ragusano che è stato giudicato da Fedez e da Francesca Michelin tra gli Under Giovani di X Factor su Sky Uno.
Passa però, l’altro ragusano, Lorenzo Licitra, che è ufficialmente uno dei dodici concorrenti che dalla prossima settimana si sfideranno ai live. E’ stato scelto dal giudice Mara Maionchi nella puntata riguardante gli Home Visit.
Leggi tutto
Giovanni-Caccamo2

Giovanni Caccamo sarà uno dei “preparatori” di Amici di Maria De Filippi

MODICA (Di Elisa Montagno) – Novità in arrivo per la diciassettesima edizione di ‘Amici’ di Maria De Filippi. Dopo Giusy Ferreri e Paola Turci tra i professori, il ritorno della diretta e i cambiamenti che riguardano squadre e direttori artistici, Davide Maggio annuncia che Annalisa, Michele Bravi e Giovanni Caccamo entreranno a far parte del cast in veste di “preparatori”. I tre artisti dovrebbero guidare gli allievi durante il loro percorso, sostenendoli ed aiutandoli a mettere in pratica ciò che viene richiesto dai professori, che quest’anno saranno quindi più concentrati sulle valutazioni.
Leggi tutto
Pisani_domenico

“Ode alle dodici terre” per le serate kasmenee

COMISO (di Elisa Montagno) – Il Presidente del Caffè Letterario Quasimodo di Modica, Domenico Pisana, sarà ospite, mercoledì 18 ottobre alle ore 18,00, della Fondazione Bufalino, per iniziativa dell’Amministrazione Comunale e del Lions Club terra iblea di Comiso. Presenterà la sua ultima opera poetica bilingue (italiano-inglese), pubblicata dall’Editore Armando Siciliano, dal titolo “Odi alle dodici terre. Il vento, a corde, dagli Iblei”, tradotto in inglese dalla poetessa Floriana Ferro.
La serata, che si inserisce nell’ambito delle “Serate Kasmenee” organizzate dal Comune, sarà coordinata da Gigi Bellassai, Presidente del Consiglio comunale di Comiso, mentre il sindaco Filippo Spataro, l’esperto del sindaco per le politiche culturali, Maria Luisa Occhione, e la Presidente del Lion Club terra iblea, Maria Giovanna Lauretta, porteranno il loro saluto istituzionale agli intervenuti.  A parlare del volume, oltre all’autore, saranno Paolo Nifosì, storico e critico d’arte, e l’editore messinese Armando Siciliano. Il musicista e compositore Ruben Micieli, comisano che si è affacciato sul panorama della musica internazionale, arricchirà la serata, mentre l’attrice Tiziana Bellassai leggerà alcune odi del libro dedicate alla città di Comiso.
“ Alla città di Comiso – afferma Domenico Pisana – mi legano molto esperienze vissute nel tempo e, in particolare, con il poeta e scrittore Carmelo Lauretta, deceduto qualche anno fa, che è stato fra i più rilevanti autori della letteratura dialettale siciliana contemporanea.
Colgo l’occasione per ringraziare il sindaco Filippo Spataro e l’Amministrazione comunale e il Presidente del Consiglio comunale Gigi Bellassai, per aver inserito la presentazione delle mie Odi fra le iniziative culturale del Ottobre Kasmeneo 2017”.
Leggi tutto
FOTO TURISMO

Aumento di presenze nel ragusano del 48%

RAGUSA (di Elisa Montagno) – L’area iblea è protagonista negli ultimi anni di un fenomeno di progressiva scoperta da parte del turismo nazionale e soprattutto internazionale. In attesa dei dati ufficiali sulla ricettività di quest’anno, i numeri del sistema aeroportuale del sud-est Sicilia lo confermano: nei primi 8 mesi dell’anno i passeggeri di Catania e Comiso sono passati dai 5 milioni del 2014 ai 6,4 milioni del 2017 (+28%).

Nel 2016 nella provincia di Ragusa si sono registrate più di 1,2 milioni di presenze (notti trascorse dai turisti nelle strutture alberghiere ed extralberghiere), secondo i dati provvisori della Regione Siciliana. Si tratta di un picco storico straordinario, se si considera che nel 2014 le presenze si attestavano sulle 829.000. In due anni si è registrato quindi un balzo del 48%. Dietro questo boom c’è un significativo cambiamento della composizione dei flussi.
Se nel 2014 le presenze di italiani e stranieri si equivalevano (414.000 contro 415.000), nel 2016 il turismo internazionale è salito a 726.000 presenze, arrivando a rappresentare il 59% del totale. “Fino al recente passato, a causa del posizionamento geografico periferico e delle carenze infrastrutturali, questa parte dell’isola era ancora poco conosciuta rispetto ad altre mete classiche della Sicilia. Oggi questo handicap è in parte superato, grazie all’’effetto Montalban0, da un lato, e all’inserimento dell’area tra i siti patrimonio dell’umanità dell’Unesco. L’apertura dell’aeroporto di Comiso ha ridotto le criticità dell’accessibilità. E ad aiutare la crescita turistica concorre anche l’instabilità politica di alcune aree del mondo e il rischio terrorismo, che stanno determinando una complessiva riarticolazione dei flussi turistici che premia l’Italia”, sottolinea il Censis.
“Ma c’è anche altro. Stiamo assistendo a una progressiva evoluzione della domanda: oggi il turista cerca un mix di esperienze, combinando il mare con la scoperta del territorio e delle sue eccellenze. La forza del territorio ibleo risiede proprio nella varietà dell’offerta: un mare incontaminato (ben 3 delle 7 bandiere blu della Sicilia), uno straordinario patrimonio storico-artistico, una enogastronomia d’eccellenza (Ragusa è il capoluogo con più ristoranti stellati in rapporto alla dimensione della popolazione)”, continua la nota.
“Per essere colte appieno, le opportunità derivanti da una maggiore notorietà e dal contesto internazionale richiedono però un forte impegno per superare alcuni limiti che, non da oggi, caratterizzano l’offerta turistica del territorio: singole eccellenze, per quanto straordinarie, senza una visione e un’organizzazione di insieme non bastano”.
Leggi tutto
BORROMETI FOTO

Processo Lauretta, il giornalista Paolo Borrometi sentito dai magistrati

RAGUSA – Si è aperto oggi, al tribunale di Ragusa, il processo a carico del pregiudicato Venerando Lauretta accusato di aver minacciato di morte il giornalista Paolo Borrometi, direttore del sito on line La Spia.it Lauretta già condannato con sentenza passata in giudicato come appartenente all’associazione mafiosa della “Stidda” di Vittoria, è stato nuovamente arrestato qualche settimana fa con l’accusa di essere il tramite tra la mafia vittoriese e la politica, nell’ambito dell’inchiesta per voto di scambio politico-mafioso che ha portato agli arresti l’ex sindaco Giuseppe Nicosia e suo fratello Fabio, Consigliere comunale, mentre il sindaco in carica, Giovanni Moscato è indagato per corruzione elettorale. L’imputato fece alcuni post che minacciarono di morte il giornalista dopo che Paolo Borrometi nel suo sito on line denunciò l’infiltrazione mafiosa al mercato ortofrutticolo di Fanello, indicando proprio Lauretta come uno dei componenti del clan che avrebbe rilevato una quota da una società che opera come commissionaria all’interno della struttura. Il pregiudicato vittoriese è stato rinviato a giudizio dopo le indagini condotte dalla Polizia su delega della Procura distrettuale Antimafia di Catania. Paolo Borrometi in aula davanti ai magistrati  ha ripercorso gli episodi e le minacce di cui è stato oggetto.

Int. Paolo Borrometi giornalista

In aula oggi mancava Venerando Lauretta. L’udienza è cominciata intorno alle 11. Borromenti ha parlato delle su inchieste che ha condotto per parlare di infiltrazioni mafiosi nel tessuto vittoriese.

Int. Paolo Borrometi giornalista

Sonia Imm. Oggi tribunale + Mercato ortofrutticolo di Vittoria

 

Leggi tutto
piccolo principe

Inaugurato il nuovo centro del Piccolo Principe a Ragusa

RAGUSA (di Elisa Montagno) – Tanto stupore. E’ quello che ha pervaso le circa seicento persone che domenica hanno partecipato all’inaugurazione del centro per bambini speciali del Piccolo Principe onlus a Ragusa. Lo stupore negli occhi di Mattia, che frequenta l’alberghiero, e ha atteso gli ospiti che avrebbero festeggiato, lo stupore dei genitori, di quanti hanno sostenuto il progetto, con le loro donazioni. Stupore e meraviglia per i colori, innanzitutto.
Il centro per bambini con diverse abilità è colorato, vivace, diverso.

 

In cosa diverso? “Ogni stanza è stata pensata e studiata con l’aiuto di un Neuropsichiatra infantile in relazione alle esigenze dei bambini che vi saranno ospitati -spiega Melania Firrito-. Ci sono bambini che hanno bisogno di essere stimolati dai colori, bambini invece iperattivi, che hanno bisogno di colori tenui che favoriscano la loro attenzione al compito, ecco, ogni particolare è stato pensato in funzione terapeutica”.

Il centro ha ciascuna stanza insonorizzata, porte senza maniglie, con aperture push, pavimenti adeguati al tipo di attività che vi si svolgono. Materiali, illuminazione, mobili e spazi sono stati pensati in relazione alle esigenze dei piccoli ospiti che lo animeranno.
L’immobile è stato acquistato e ristrutturato con i proventi del 5×1000, conservati sin dal 2006 dal Piccolo Principe per poter un giorno realizzare una struttura a norma di legge.
La nuova sede è stata già accreditata infatti dalla Regione Siciliana come centro diurno per minori disabili.
Il centro ha una superficie coperta di 450 metri quadri, e 120 metri di spazi esterni.
È in grado di accogliere fino a 40 bambini al giorno.
Oltre ai locali previsti dalla normativa la sede si avvale di stanzette per il lavoro individuale, con un educatore professionale, una stanza per la valutazione con specchio unidirezionale, un bagno attrezzato per le acquisizioni delle autonomie nell’igiene e cura della persona, una cucina a norma HACCP per la preparazione dei pasti.

Dopo il discorso di ringraziamento del Presidente Melania Firrito e l’omelia dei frati minori, il taglio del nastro è consistito nel volo simbolico dei palloncini bianchi, seguito subito dalla benedizione dei locali e dalla visita guidata agli stessi.

Leggi tutto
TELERADIO REGIONE S.R.L., società a socio unico soggetta a direzione e coordinamento della Filgest srl, 97015 Modica – S.P. 74 km 0+400 C.da Cava Gucciardo – C.F. e P.IVA 00209070895 – Capitale Sociale Euro 2.255.000 i.v. - CCIAA / REA Ragusa 110483 – Testata Giornalistica igiornalidisicilia.it nr. 3/2012 del 26.04.2012 Tribunale di Modica