Morte Nicole, chiesti 6 anni e 3 mesi per i medici

Processo aggiornato all’11 febbraio

CATANIA – La Procura di Catania chiede, a conclusione della requisitoria dei pm nel processo per la morte di Nicole Di Pietro, nata nella clinica Gibiino di Catania e deceduta poche ore dopo mentre si trovava a bordo di un’ambulanza diretta all’ospedale di Ragusa, il 12 febbraio 2015, la condanna a 6 anni e 3 mesi ciascuno per 3 medici.

Leggi tutto

Gregoretti, Conte “La decisione sullo sbarco, competenza di Salvini”

FIRENZE (ITALPRESS) – “Non entro nel merito della decisione dei singoli parlamentari. Sulla questione ho chiarito per quanto riguarda il mio ruolo, la Presidenza e’ stata coinvolta nella redistribuzione dei migranti. Poi, per quanto riguarda la decisione specifica se fare sbarcare i migranti, era una competenza del ministro che lo ha sempre pubblicamente fatto”.

Cosi’ il premier Giuseppe Conte, a margine dell’inaugurazione dell’anno accademico dell’Universita’ di Firenze, rispondendo alle domande dei giornalisti sul caso Gregoretti e sulla decisione della maggioranza di disertare la Giunta per le immunita’ al Senato.

(ITALPRESS).

ads/sat/red

21-Gen-20 15:48

Fonte: Italpress

Leggi tutto

Patto mafioso tra Catania e Trapani

Un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 23 indagati

CATANIA – Un’alleanza mafiosa tra gruppi di Catania e del Trapanese è al centro dell’inchiesta ‘Sciroccco’ della Dda etnea che ha portato all’emissione di un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 23 indagati: 10 in carcere, cinque agli arresti domiciliari e otto misure interdittiva.

Leggi tutto

Comuni: Catania; associazioni, grave assenze a gara rifiuti

Lo affermano, in una nota congiunta, le associazioni Rifiuti Zero Sicilia e Citta’Insieme

CATANIA – “La notizia dell’ulteriore appalto per l’assegnazione del servizio andato deserto, per la quinta volta in quattro anni, segna un altro gravissimo colpo per Catania. Si chiude ancora una volta la prospettiva di uscita nel medio termine da una situazione di assoluta arretratezza e precarieta’ nella raccolta e gestione dei rifiuti”. Lo affermano, in una nota congiunta, le associazioni Rifiuti Zero Sicilia e Citta’Insieme esprimendo “grande preoccupazione per la citta’”. “Catania – aggiungono – e’ fanalino di coda italiano nella gestione dei rifiuti e tra i Comuni con il piu’ alto costo della Tari. Il fallimento dell’obiettivo di affidare per sette anni il nuovo servizio, perpetrato dalle Amministrazioni che si sono susseguite fino ad ora, non puo’ continuare ad essere pagato dai cittadini e dal territorio. Chiediamo drastici cambiamenti organizzativi ed un assoluto cambio di passo. A partire da una seria, pubblica e definitiva analisi sulle vere cause che hanno determinato gare andate deserte. A chi giova tutto questo? Chi ha interesse a mantenere l’attuale, fallimentare, sistema? Il Comune – osservano le due associazioni – ha il dovere di chiamare a se’ tutte le forze sane di questa martoriata Citta’ per contribuire al monitoraggio dello stato attuale ed al superamento dell’allarmante stato di stallo nel quale siamo finiti, anche attraverso l’attivazione immediata dell’Osservatorio Comunale sui rifiuti che da anni chiediamo di rendere operativo, come per altro previsto dalla stessa legge regionale. Non c’e’ piu’ tempo – concludono per le buone intenzioni, non c’e’ piu’ tempo per gli annunci. Non c’e’ piu’ tempo”.

Fonte: Ansa

Leggi tutto
TELERADIO REGIONE S.R.L., società a socio unico soggetta a direzione e coordinamento della Filgest srl, 97015 Modica – S.P. 74 km 0+400 C.da Cava Gucciardo – C.F. e P.IVA 00209070895 – Capitale Sociale Euro 2.255.000 i.v. - CCIAA / REA Ragusa 110483 – Testata Giornalistica igiornalidisicilia.it nr. 3/2012 del 26.04.2012 Tribunale di Modica