Zamparini

Calcio: Gdf in sede Palermo, perquisito Zamparini

La Guardia di Finanza si trova nella sede del Palermo…

La Guardia di Finanza si trova nella sede del Palermo per una serie di perquisizioni nell’ambito di un’inchiesta in cui si ipotizzano i reati di falso in bilancio, appropriazione indebita, riciclaggio e autoriciclaggio. Le perquisizioni, secondo quanto si apprende, hanno riguardato anche gli uffici del Gruppo Zamparini e l’abitazione del presidente Maurizio Zamparini. Una decina di militari della guardia di finanza, in abiti civili, sono ancora nello stadio Renzo Barbera che ospita la sede sociale del Palermo. Stanno acquisendo documenti e atti. Ci sono anche diversi dipendenti della società di calcio che seguono incuriositi l’operazione in corso. Nel piazzale esterno dell’impianto c’è anche un camion con operai del Palermo.

Leggi tutto

Circuiva donne sole nel Ragusano, arrestato

MODICA (Giulia Di Martino) – I carabinieri di Modica hanno arrestato per circonvenzione di incapace un 55enne che approfittando  dello stato di solitudine di alcune signore anziane, era riuscito a guadagnarsi la loro fiducia, al punto da farsi persino ospitare in casa loro. Facendo leva sulla compassione delle pensionate era riuscito anche a farsi dare ingenti somme di denaro .

Leggi tutto
guardia_finanza

Vittoria: La GdF scopre un’evasione fiscale e sequestra 500.000 euro

VITTORIA (Di Giulia Di Martino) – Risultato importante delle fiamme gialle, su delega dell’autorità giudiziaria, nell’ambito contro l’evasione fiscale. Eseguito un sequestro per mezzo milione di euro nei confronti di un imprenditore di Vittoria. La sua azienda, fabbrica e commercializza imballaggi per prodotti ortofrutticoli. L’indagine fiscale, ha fatto scoprire l’uso di fatture per operazioni inesistenti –in modo da dedurne i costi e la detrarne IVA– e la presentazione di dichiarazioni dei redditi fraudolente e per diversi anni. I finanzieri, hanno eseguito il decreto emesso dal GIP di Ragusa, Andrea  Reale, sequestrando beni immobili, auto, depositi bancari e postali e polizze assicurative per mezzo milione di euro, cifra che corrisponde alle imposte evase. Le fiamme gialle iblee, chiudono un’altra analisi dei flussi finanziari ed individuano capitali illeciti che creano nel mercato una pericolosa distorsione economica.

 

Leggi tutto
Ospedale Papa Giovanni paolo II Ragusa

Ragusa: Sigilli della GdF al nuovo ospedale

 

RAGUSA (Di Sonia Iacono) – La guardia di Finanza di Ragusa ha messo stamattina i sigilli in diversi locali del Nuovo Ospedale Ragusa, Giovanni Paolo II. Il sequestro, preventivo e d’urgenza, è stato firmato dal procuratore, Marco Rota. I sigilli, sono stati apposti a due sale operatorie, al ‘blocco parto’ e ai locali dell’unità di Terapia intensiva, Cardiologia e Rianimazione. Il motivo di questo provvedimento, per la magistratura, è per tutelare la salute ed il benessere dei cittadini. Infatti, dalle indagini condotte dai militari della guardia di finanza –avvalendosi anche della collaborazione di esperti– è emerso che alcuni impianti, non erano stati adeguati alle norme di legge vigenti. In altri casi poi –come ad esempio, per gli impianti di areazione delle sale operatorie– la loro sistemazione, sarebbe avvenuta, per così ‘ alla buona’, in modo da per permettere il ricircolo dell’aria ma con interventi non perfettamente consoni alle disposizioni vigenti. Tutti elementi che hanno portato i militari a mettere i sigilli, salvaguardia dell’incolumità dei prossimi degenti. Considerato poi le ‘voci’ dall’ASP di Ragusa, che ogni giorno poteva essere quello ‘buono’ per inaugurare, nonostante l’indagine in corso e i dubbi sulle carenze dei requisiti di legge necessari, si è decisa l’azione d’urgenza condotta, stamattina, dai militari. Sarebbero sette –fra cui il direttore generale, Maurizio Aricò-, gli iscritti nel registro degli indagati e a vario titolo. Alcuni di loro, sarebbero tecnici che avrebbero dato parere positivo all’efficacia e all’efficienza dei macchinari in dotazione al Giovanni Paolo II.  I militari delle fiamme gialle, sono arrivati questa mattina nella nuova struttura in abiti civili per evitare lo scalpore della notizia. L’attività d’indagine eseguita dagli uomini della guardia di finanza, coordinati dal comandante provinciale, colonnello Claudio Solombrino e disposta dalla procura di Ragusa, era già stata avviata già qualche mese fa. Stamattina, durante l’azione della guardia di finanza al NOR, il manager dell’ASP Aricò, era in prefettura.

 

Aricò, si affida ad un comunicato stampa di poche righe dove specifica che” le motivazioni del sequestro- si legge nella nota- sono legate alla valutazione che le unità di trattamento aria appartenenti al progetto iniziale della costruzione del nuovo ospedale pur raggiungendo valori nei limiti di legge non raggiungono standard fissati nel progetto originale e richiedono setaggi ed accorgimenti che non sono ritenuti di sufficiente garanzia per l’uso continuativo. Alla luce di queste disposizione- continua al nota- la direzione aziendale sta allestendo il riavvio del polo materno infantile presso l’ospedale Maria Paternò Arezzo che si prevede operativo entro il 3 luglio”. Intanto stasera, è stato convocato un altro incontro in prefettura per fare il punto della situazione

 

Leggi tutto
TELERADIO REGIONE S.R.L., società a socio unico soggetta a direzione e coordinamento della Filgest srl, 97015 Modica – S.P. 74 km 0+400 C.da Cava Gucciardo – C.F. e P.IVA 00209070895 – Capitale Sociale Euro 2.255.000 i.v. - CCIAA / REA Ragusa 110483 – Testata Giornalistica igiornalidisicilia.it nr. 3/2012 del 26.04.2012 Tribunale di Modica