cultura

Un pomeriggio culturale nel “cuore“ del palazzo Campailla

MODICA (di Elisa Montagno) – L’Associazione Amici del Campailla, sotto il patrocinio del Comune di Modica e dell’Assessorato alla Cultura, in collaborazione con l’Istituto di Istruzione Superiore “Galilei Campailla” e con la Casa del Libro di Modica, torna ad essere attiva organizzando un pomeriggio culturale per la città, adulti e bambini. Ospite d’onore l’illustratore e scenografo Angelo Ruta, ex studente del liceo classico, che ha ambientato le sue recentissime illustrazioni per la fiaba-libro “Cuore” proprio nel cuore del Palazzo degli Studi. Il famoso romanzo di Edmondo De Amicis diventa così il pretesto per esaltare i luoghi del Campailla, che nel corso del prossimo anno scolastico si appresta a celebrare 140 anni dalla sua istituzione.
Appuntamento dunque giorno 23 agosto in Corso Umberto I, numero civico 172, a partire dalle ore 18: nella prima parte saranno protagonisti i più piccoli che verranno intrattenuti nell’ampio cortile della palestra dall’illustratore Ruta e da Arianna Salemi in due laboratori paralleli, uno di disegno con gessetti e l’altro di lettura creativa; nella seconda parte, dalle ore 19,30, l’illustratore presenterà presso l’Aula Magna il suo progetto artistico ad un pubblico più adulto conversando con il presidente dell’Associazione, Michele Blandino, accompagnato dagli altri membri. Tra questi, alla docente e artista Fatima Palazzolo verrà affidata la lettura di alcuni passaggi significativi del libro. Non mancherà l’accompagnamento musicale: la giovanissima Mariachiara Gurrieri alla chitarra e l’affermata violinista Francesca Guccione. Il tutto inserito nella cornice storica del Palazzo degli Studi, per una volta protagonista dell’estate modicana che si avvia verso la sua conclusione.
Leggi tutto
Ugi dighero

“L’inquilina del piano di sopra” al Garibaldi di Modica

MODICA (di Elisa Montagno) – Una spruzzata di buonumore che fa amare la vita. Una triade irresistibile, un uomo ed una donna in crisi esistenziale per il compimento degli “anta”, lei quaranta, lui cinquanta, e l’immancabile amica di lei, al centro di una favola sul dramma della solitudine con un lieto fine sospirato. Con “L’inquilina del piano di sopra” di Pierre Chesnot, giovedì sera 15 marzo, alle ore 21.00, al Teatro Garibaldi di Modica un nuovo appuntamento di successo della stagione di prosa che farà ridere della tragedia che accomuna il genere umano: “Ormai sei nato… non c’è più niente da fare!!!”. Protagonisti tre attori coinvolgenti, divertenti, a tratti irriverenti: Gaia De Laurentiis, Ugo Dighero e Laura Graziosi, diretti da Stefano Artissunch. Una commedia dai buoni sentimenti che ride dei rapporti di coppia e di vari eventi, come il tragicomico tentativo di suicidio, in realtà una grottesca richiesta d’aiuto, di Sophie che, in una Parigi calda e deserta, in pieno agosto, accetta, come ultimo tentativo, la sfida dell’amica Suzanne: rendere felice un uomo, il primo che le capiti a tiro. Ed ecco che la scelta ricade su lui, Bertrand, unico scapolo scontroso del palazzo, eccentrico professore universitario che a sua insaputa sarà coinvolto nel gioco dell’innamoramento tra un avvincente alternarsi di stati d’animo.
Leggi tutto
SCHILLACI_SOPRANO

Celebrati al Garibaldi di Modica i 20 anni di carriera del soprano Schillaci

MODICA (di Elisa Montagno) – Una grande festa per la celebrazione di una voce che sa toccare le corde dell’anima e regalare felicità. Sabato 10 febbraio alle ore 21 sarà il Teatro Garibaldi di Modica ad avere l’onore di celebrare i 20 anni di carriera internazionale del soprano siciliano Daniela Schillaci. Sarà protagonista nella città della Contea per una serata assolutamente d’eccezione, un fuori programma della fortunata stagione musicale diretta dal maestro Giovanni Cultrera, soprintendente Tonino Cannata.
Un’occasione speciale che vedrà la Schillaci, reduce da una recente tournée che l’ha portata nei teatri più importanti italiani ed europei, esibirsi in una serie di arie d’opera tratte dai più famosi capolavori del repertorio lirico italiano. Sarà diretta dal maestro Gaetano Costa, da anni costantemente impegnato nelle produzioni del Teatro Massimo Vincenzo Bellini.
Significativo il repertorio con cui si esibirà, impegnandosi in Casta Diva, Si mi chiamano Mimi’, Un bel di’ vedremo, Quando m’en vo, e ancora molte sorprese in programma con arie di Mozart, Bellini, Puccini, Verdi.
Il famoso soprano è stato già ospite numerose volte presso La Fenice di Venezia, Teatro Regio di Torino, Arena di Verona, Teatro del Maggio Musicale Fiorentino, Opera di Roma, Comunale di Firenze, Teatro Verdi di Trieste, San Carlo di Napoli, Teatro Antico di Taormina, Teatro Massimo Bellini di Catania, Teatro Massimo Bellini di Palermo, Opera Dusseldorf e Essen, Teatro Nacional de Sao Carlos di Lisbona, Opéra de Lausanne, Seoul, Opera Shanghai, Spalato. Diretta da Seiji Ozawa e Zubin Mehta ha interpretato i ruoli di assoluta protagonista in Norma, Bohème, Falstaff, La sonnambula, Traviata, Stiffelio, Straniera, Butterfly. Fra gli ultimi impegni internazionali c’è ‘La Forza del destino’, ed il ‘Requiem’ di Verdi a Spalato, il prestigioso ‘Concerto di Capodanno’ a Mosca ed un’attesa ‘Traviata’ al Teatro Massimo Bellini di Catania. Allo spettacolo interverrà anche il baritono Davide Peroni.
Leggi tutto
percorsi

Percorsi di filosofia, incontro con il prof. Fabris

MODICA (di Elisa Montagno) – Penultimo incontro di “Percorsi” giorno 08 Febbraio alle ore 18.00 presso l’ Ente Liceo Convitto con il professore Adriano Fabris. Adriano Fabris è professore ordinario di Filosofia morale all’ Università di Pisa, dove insegna anche etica della comunicazione e Filosofia delle Religioni. Da vari anni è professore inviato alla Facoltà di Teologia di Lugano. E’ autore di numerosi volumi Filosofia Morale :Etica della comunicazione , Etica delle nuove tecnologie, Filosofia delle religioni.
“Viviamo immersi nell’ambiente creato dalle nuove tecnologie Internet, smartphone ecc.Sono ciò di cui facciamo costantemente uso, ma a volte con il dubbio di non essere tanto noi ad utilizzare questi apparecchi ma di esserne utilizzati”.
Il prof. Fabris insieme alla prof.ssa Floridia spiegherà il nostro rapporto con le nuove tecnologie e su come possa essere realizzato eticamente e su come l’ agire comunicativo richieda di essere definito ,regolato, orientato.
Leggi tutto
Teatro Garibaldi Modica

Shéhérazade al Garibaldi di Modica

MODICA (di Elisa Montagno) – Una nuova, eccezionale serata per la Fondazione Teatro Garibaldi di Modica con il debutto nazionale della nuova produzione Shéhérazade del Balletto di Milano, una delle compagnie di danza di maggior prestigio in Italia, diretta da Carlo Pesta. Proposta dai giovanissimi danzatori di punta della Compagnia, e adesso promettenti coreografi, Federico Mella e Alessandro Torrielli, lunedì 29 gennaio, alle ore 21.00, la messa in scena di Shéhérazade avvolgerà il pubblico del teatro della Contea nelle calde atmosfere arabe del celebre spettacolo per un’altra strepitosa serata all’interno della stagione musicale diretta da Giovanni Cultrera, sovrintendente Tonino Cannata. Un emozionante balletto in due atti: il primo dedicato alla vivacità delle vie e dei mercati della Medina contrapposti all’intima vita all’interno del palazzo dove la magnetica Shéhérazade ha salva la vita ad ogni alba, il secondo invece in cui alcune delle novelle più celebri delle raccolta “Le mille e una notte” trovano ampio respiro e vivacissima resa, anche grazie alle note sublimi di A. Khachaturian che affianca la ben nota suite di R. Korsakov. Suggestivo e prezioso l’allestimento creato da Marco Pesta a fare da cornice alle coinvolgenti coreografie che valorizzano le grandi qualità tecniche ed artistiche di tutti i componenti della Compagnia: Alessia Campidori nel ruolo di Shéhérazade, Lisa Bottet la sorella, Alessandro Orlando nelle vesti del Sultano, gli stessi Federico Mella e Alessandro Torrielli, rispettivamente Aladdin e Alì Babà, Angelica Gismondo nel ruolo di Jasmine, Marta Orsi e Federico Micello i geni della lampada. Ed ancora Giordana Roberto e Germano Trovato, protagonisti della storia “Ali Babà e i 40 ladroni”, e Ivan Maimone, Mirko Casilli, Giulia Simontacchi e Giulia Cella protagonisti invece della storia “Uomo addormentato e ridestato”. Dopo la prima al Teatro Garibaldi di Modica, lo spettacolo, che su invito dell’Ambasciata Italiana a Rabat e dell’Istituto di Cultura italiano in Marocco era stato presentato lo scorso anno in anteprima in apertura del Festival Fituc di Casablanca di cui l’Italia era ospite d’onore, sarà al Teatro di Milano e nei più prestigiosi teatri in Italia.
Leggi tutto
teatro Modica,pagliacci

Al Garibaldi di Modica va in scena “Pagliacci”

MODICA (di Elisa Montagno)- Una delle opere veriste più rappresentative in una messa in scena assolutamente magnifica che ha richiamato prenotazioni persino dal Giappone e richieste da Oltreoceano. Sabato 20 gennaio, alle ore 21.00, il Teatro Garibaldi di Modica vivrà uno dei momenti di massimo prestigio con l’eccezionale rappresentazione di “Pagliacci”, la famosissima opera in due atti di Ruggero Leoncavallo. Un appuntamento di altissima valenza artistica con interpreti di straordinario talento, per una serata attesa da tutti che ha destato l’interesse di un pubblico internazionale. Un successo tra i successi per la stagione di musica, diretta dal maestro Giovanni Cultrera, sovrintendente Tonino Cannata, che si appresta ad accogliere una messa in scena magistrale, diretta dal grande e molto atteso regista Lino Privitera dal curriculum internazionale, in coproduzione tra Yap e Fondazione Teatro Garibaldi Modica. Sul palco gli interpreti Daniela Schillaci, nel ruolo di Nedda, Marcello Giordani nelle vesti di Canio, Carmelo Corrado Caruso che interpreta Tonio, Giovanni Guagliardo nel ruolo di Silvio. Ed ancora, Riccardo Palazzo che interpreta Beppe, Matteo Siculo che è il primo contadino e Giovanni Accardi che è il secondo contadino. La musica è affidata all’Orchestra Filarmonica Teatro Garibaldi di Modica, primo violino Giovanni Cucuccio, sapientemente diretta e curata dalla bacchetta sicura del maestro Gaetano Costa, il Coro Yap, diretto da Rosy Messina, e i ballerini Arianna Bagnato, Simona Calí, Melissa Strano, Kristi Ismailaj, Hakik Xhani e Vincenzo Tallarico. Le scene, costumi, luci e coreografia sono dello stesso regista Privitera, Paola Avallato è invece la scenografa. Protagonisti assoluti saranno tre artisti di fama mondiale.
Il soprano Daniela Schillaci ha all’attivo un considerevole numero di concerti nei più prestigiosi teatri al mondo, tra i paesi che l’hanno ospitata anche la Corea, il Giappone, l’America e tutta l’Europa, e in Italia, come la Fenice di Venezia, il Teatro Bellini di Catania, l’Opera di Roma, il Comunale di Firenze e il Verdi di Trieste, ed una carriera costellata da tantissimi ruoli sulla scena e da collaborazioni di rilievo. Il tenore Marcello Giordani ha debuttato al Teatro alla Scala di Milano come Rodolfo in La Bohème nel 1988 e al Metropolitan di New York come Nemorino in “L’elisir d’Amor” nel 1993. Dal suo debutto nel 1986, Giordani è emerso come uno dei più prominenti e ricercati cantanti d’opera, ed è stato acclamato dalla critica internazionale come “forse il più grande tenore della sua generazione”. Apparso sulla scena di tutti i principali teatri d’opera del mondo, ha cantato con i più rinomati direttori d’orchestra. La sua eccezionale versatilità gli ha permesso di coprire un vasto repertorio che va dal bel-canto di Bellini, Donizetti e Rossini, ed il lirismo del repertorio operistico francese, alle opere di Puccini e Verdi. Il baritono Carmelo Corrado Caruso, vincitore di numerosi concorsi nazionali ed internazionali, ha un’intensa carriera che lo ha visto protagonista nei più importanti teatri italiani, come il Teatro La Scala di Milano, la Fenice, il San Carlo, il Regio di Torino e di Parma, il Comunale di Bologna e di Firenze, il Bellini di Catania, il Massimo di Palermo, il Carlo Felice, l’Opera di Roma e tanti altri e all’estero, tra cui la Royal Opera House Covent Garden di Londra, avendo oltre 45 titoli in repertorio.
Accanto a loro, i bravissimi Giovanni Guagliardo, Riccardo Palazzo, Matteo Siculo e Giovanni Accardi.
“Una serata eccezionale per la nostra città e il nostro teatro – commentano il direttore artistico Cultrera e il sovrintendente Cannata – che ha riscosso da subito un grandissimo interesse da parte del pubblico, persino proveniente dal lontano Giappone a cui Modica e il Teatro Garibaldi offrirà emozioni uniche, grazie ad una messa in scena indimenticabile”.
Leggi tutto
garibaldi-5-300x200

Presentata la nuova programmazione della Fondazione Teatro Garibaldi di Modica

MODICA (Di Elisa Montagno) – Tante novità, grandi ospiti, attesi ritorni, concerti e spettacoli di successo per due stagioni, di teatro e di musica, assolutamente straordinarie. Presentata stamani a Modica la nuova programmazione per il Teatro Garibaldi di Modica, messa a punto dall’omonima Fondazione, con la sovrintendenza di Tonino Cannata e con il patrocinio del Comune di Modica e di vari sponsor privati. Una trentina gli appuntamenti in programma che si preannunciano già dei grandi eventi per un’offerta culturale davvero eccelsa, ormai punto di riferimento autorevole per tutta la Sicilia Sud Orientale. Presenti i direttori artistici delle due stagioni, Carlo Cartier per la prosa, che inizierà il 24 novembre con “Il Cavaliere Pedagna” con un bravissimo Tuccio Musumeci, e Giovanni Cultrera per la musica, il cui cartellone precedente sta per concludersi per poi ripartire con la nuova programmazione 2017-2018 con il consueto e attesissimo, concerto di Capodanno. Presenti anche il sindaco di Modica Ignazio Abbate, presidente della Fondazione, e l’avv. Giuseppe Polara, vicepresidente.
Svelati dunque i vari appuntamenti con ospiti illustri, tra attori, registi, cantanti e musicisti. Per la prosa si inizia il 24 novembre con Tuccio Musumeci ne “Il Cavaliere Pedagna” e si arriverà fino ad aprile con nove spettacoli in programma. Tra gli ospiti Gaia De Laurentiis, Maurizio Micheli, Nini Salerno, Andrea Tidona, Sebastiano Lo Monaco, Ugo Dighero, Gianna Giachetti, Paolo Triestino, Roberto Alpi, Antonella Elia e tanti altri grandi interpreti: “Sono molto soddisfatto delle proposte contenute nella prossima stagione – commenta il direttore artistico del cartellone teatrale Carlo Cartier – che certamente incontreranno il favore del nostro pubblico che ci ha mostrato grande apprezzamento in questi mesi e che da tempo era in attesa di scoprire i nuovi spettacoli. Il grande teatro sarà ancora una volta il protagonista indiscusso della prossima stagione grazie ad un’offerta variegata nei generi, commedia, prosa e non solo, con bravi interpreti e registi e grandi autori storici, come il nostro Luigi Pirandello e Luigi Capuana. Inoltre torna anche il progetto scuola”.
Dal 1° gennaio riparte la nuova stagione musicale con il consueto Concerto di Capodanno, con la Civica Filarmonica di Modica. La stagione musicale, novità recente della Fondazione Garibaldi, ha finora ottenuto un successo straordinario con continui sold out, anche per gli spettacoli fuori spettacoli. Quattordici i concerti che accompagneranno il pubblico del teatro modicano per tutto l’anno 2018: “Ci attendono nuove serate all’insegna della più bella musica internazionale – spiega il direttore artistico della stagione musicale, Giovanni Cultrera – classica, lirica, jazz e tanto altro, con ospiti di fama mondiale. Ma c’è anche il grande ritorno del balletto, quest’anno con “Sheherazade” con il Balletto di Milano ma anche con Raimondo Todaro e la sua compagnia. In programma anche l’operetta con due serate con il grande Umberto Scida, che porterà in scena “Cin Ci La” e “La Vedova Allegra”. In scaletta c’è pure una straordinaria “La Bohème” con la regia di Antonino Interisano; “Pagliacci” con Marcello Giordani, Daniela Schillaci e Carmelo Corrado Caruso con la regia di Lino Privitera. E poi il ritorno dell’Orchestra del Teatro Massimo Bellini di Catania, dei Chroma Ensemble e dei Percussio Mundi, che già lo scorso anno avevano riscosso grande successo”.
“In queste settimane in tanti ci hanno chiesto la possibilità di abbonarsi – commenta il sovrintendente della Fondazione Teatro Garibaldi Tonino Cannata – a dimostrazione dell’attenzione della città e di tutta la provincia alle proposte teatrali e musicali di qualità che abbiamo offerto in questi mesi e che attenderanno il nostro pubblico anche per le prossime stagioni. Si riconferma così il ruolo di promotore culturale assolutamente di primo piano del nostro teatro in tutta la Sicilia sud orientale”. Sostenitori della programmazione della Fondazione Teatro Garibaldi sono Gruppo Minardo, Gruppo Zaccaria, Acqua Santa Maria, Conad, Bapr.
Leggi tutto
2020

Il Val di Noto si candida a Capitale italiana della cultura 2020

MODICA (Di Elisa Montagno) – E’ stata presentata al Teatro Tina Di Lorenzo di Noto la candidatura del Val di Noto a Capitale italiana della Cultura 2020.
Noto, Catania, Siracusa, Modica, Scicli, Militello, Palazzolo, Caltagirone corrono insieme per entrare a far parte delle dieci città che supereranno il primo esame il prossimo 15 novembre, per poi passare alla fase successiva, che nel gennaio 2018 decreterà la Capitale del 2020.
Con un patto interno fra le città federate: anche quando il Val di Noto non dovesse farcela, il 2020 vedrà le otto città coinvolte in un unico calendario di manifestazioni culturali -per un ammontare di spesa di 300 mila euro- che serviranno a riaffermare l’identità culturale del Sudest siciliano e del Val di Noto.
Stamani il sindaco di Noto Corrado Bonfanti ha presentato il progetto di Area Vasta che vede tutti i Comuni fare un passo indietro in favore di una identità più comprensiva. I valori della lentezza, della resilienza, della capacità di ricostruire dalla tragedia del terremoto del 1693 sono alcuni dei punti cardine di questa candidatura che ha dalla sua la maggiore stratificazione di siti Unesco al mondo, come ha ricordato il direttore del Distretto turistico del Sudest, Fabio Granata, e un unico paesaggio culturale, citando Cesare Brandi.
Il sindaco di Scicli, Enzo Giannone, da storico, ha ricordato come la vicenda politica e amministrativa dei Comuni che oggi appartengono giuridicamente a diverse province siciliane ricordi a tutti come i territori di Ragusa, Siracusa e Catania siano legati da percorsi antichi e indissolubili.
Erano presenti, nella delegazione di Scicli, il vicesindaco, con delega alla cultura, Caterina Riccotti, l’assessore Viviana Pitrolo, il presidente del consiglio comunale Danilo Demaio.
A sostenere la candidatura del Val di Noto come capitale italiana della cultura 2020 firme autorevoli del mondo della cultura, dell’imprenditoria, del giornalismo italiano: Paolo Mieli, Domenico Dolce e Stefano Gabbana, Luca Zingaretti, Pippo Baudo, Angela, Luca e Rosita Missoni, Vittorio Sgarbi, fra gli altri.
Memoria e avanguardia, è stato il motto della giornata. Uno sguardo al passato da preservare, con l’attenzione alla valorizzazione che è propria del futuro.
Il pay off della candidatura è “La Sicilia sotto un altro cielo”, con l’immagine dell’isola vista dallo spazio nel celebre scatto di Luca Parmitano.
Leggi tutto
L_abbraccio_tra_Caccamo_e_Robustelli

Applausi scroscianti per Caccamo e Robustelli a Modica

MODICA (Di Elisa Montagno) – Tutto esaurito nella chiesa madre di Modica per un evento eccezionale inserito nel programma della festa di San Pietro apostolo, patrono della città. Giovanni Caccamo e Giovanni Robustelli hanno animato una tappa del “S’ignora” tour, dove musica e pittura si fondono in un’esperienza polisensoriale, per accendere un faro sulla “bellezza nascosta”. I due artisti hanno presentato il primo progetto sinestetico, promosso dal comitato giovani della commissione nazionale italiana per l’Unesco e sponsorizzato da Fiat, che unisce musica, arte figurativa ed architettura in un’unica performance live per accendere un faro sulla “bellezza nascosta” riportando alla luce meraviglie, armonie, scorci, dettagli oggi spesso ignorati. Ogni concerto si svolge all’interno di preziose meraviglie del patrimonio artistico italiano, con l’obiettivo di sensibilizzare lo spettatore alla bellezza, rendendolo protagonista di un’esperienza unica. Gli stessi elementi che ha avuto modo di sottolineare il parroco dell’arcipretura di San Pietro apostolo, frate Antonello Abbate, ringraziando i due artisti per avere reso la chiesa madre un luogo magico proprio in occasione della vigilia della solennità di San Pietro apostolo.

Leggi tutto
jazz-2017-locandina

Tutto pronto per il ‘Vittoria Jazz Festival Music & Cerasuolo Wine’

VITTORIA (Di Elisa Montagno) – Fiato alle trombe. La decima edizione del “Vittoria Jazz Festival Music & Cerasuolo Wine” è pronta al decollo. Il direttore artistico Francesco Cafiso ha già definito il programma del prossimo festival che si svolgerà dal 16 al 25 giugno 2017 con appuntamenti quotidiani fitti per dieci giorni consecutivi. Il festival avrà quest’anno un’anteprima il 10 e 11 giugno a Scoglitti, un modo per riscaldare i motori in vista del ricco programma. Si apre con la ConTurband pugliese di Turi che animerà la frazione marinara di Scoglitti, il giorno dopo invece concerto della ‘Sud-est Big Band’, una formazione emergente siracusana. Il festival nel quartiere storico di Vittoria si apre il 16 giugno alle ore 20 con un’altra band: sarà Nicola Giammarinaro & la Sicily Dixieland Street Parade a tenere a battesimo la decima edizione animando le vie cittadine con partenza da via Milano e performance finale in Piazza del Popolo. Diversi gli artisti emergenti quest’anno. Francesco Cafiso ha voluto caratterizzare il programma dopo aver scelto in passato i ‘mostri sacri’ del jazz internazionale da Ron Carter a Lee Konitz, invitando due giovani pianisti emergenti: lo spagnolo Marco Mezquide e il franco israeliano Yaron Herman che sarà accompagnato dal sassofonista americano Logan Richardson. Ma il ‘top’ del cartellone è l’omaggio alla memoria di John Coltrane a 50 anni dalla sua morte con la formazione americana ‘The black art jazz’: un complesso di giovani artisti afroamericani che celebrano l’identità nera nel jazz.
A chiudere il festival, secondo tradizione, sarà Francesco Cafiso col suo nuovo progetto musicale: “We Play For Tips”. Un originale nonetto di musicisti che eseguirà dei brani scritti e composti dallo stesso giovane direttore artistico vittoriese .
Leggi tutto
TELERADIO REGIONE S.R.L., società a socio unico soggetta a direzione e coordinamento della Filgest srl, 97015 Modica – S.P. 74 km 0+400 C.da Cava Gucciardo – C.F. e P.IVA 00209070895 – Capitale Sociale Euro 2.255.000 i.v. - CCIAA / REA Ragusa 110483 – Testata Giornalistica igiornalidisicilia.it nr. 3/2012 del 26.04.2012 Tribunale di Modica