fabrizio_micari

Busalacchi, Micari si dimetta

“I docenti dell’Università di Palermo chiedano le dimissioni di Micari e Orlando lasci la guida dell’Anci Sicilia che utilizza per fini personali”. Lo dice Franco Busalacchi, candidato alla presidenza della Regione siciliana. “Sono rimasto stupito nel leggere una dichiarazione, del professor Fabrizio Micari, – prosegue – che annuncia la propria candidatura alla presidenza della Regione siciliana nel centrosinistra, aggiungendo che non ha alcuna intenzione di dimettersi da rettore dell’Università di Palermo. Questa posizione è eticamente inaccettabile: il professore Micari si deve dimettere subito da rettore”. “Il rettore dell’Università di Palermo non può coinvolgere l’ateneo nella campagna elettorale. – spiega – Il rettore si deve occupare dell’università e degli studenti. Il professor Micari non può dire: mi dimetterò dopo. Credo che dovrebbero essere gli stessi docenti universitari a intervenire subito, per eliminare questa anomalia. Del resto, le istituzioni prevedono la possibilità del vicariato e della supplenza e mi fa specie che il Senato accademico non si ponga il problema”. “Lo stesso discorso vale per il presidente dell’Anci Sicilia, Leoluca Orlando – dice sempre Busalacchi -. L’Associazione nazionale dei comuni italiani della Sicilia si deve preoccupare dei comuni dell’Isola, quasi tutti in crisi finanziaria a causa degli scippi del Governo nazionale. Leggo invece che Orlando sta utilizzando l’Anci Sicilia per mettere su una lista a sostegno di Micari. Capisco che il centrosinistra siciliano sconti una crisi di consensi pari, se non maggiore, alla crisi finanziaria dei Comuni. Ma questo non autorizza Orlando a utilizzare impropriamente l’Anci regionale per fini di parte. Quella del sindaco di Palermo è una clamorosa caduta di stile”.

Leggi tutto
nino_minardo11

Elezioni Regionali in Sicilia, On. Minardo: “Nel centrodestra indispensabile ricercare l’unità”

MODICA – On. Minardo (F.I.) “Per le imminenti regionali nel centrodestra è indispensabile ricercare l’unità. Ottimo il lavoro di Miccichè per allargare la coalizione, guardando con attenzione sia al lavoro svolto da Musumeci e dal suo movimento che ai centristi”
“La disastrosa condizione in cui versa la Regione impone a quanti ambiscono a governarla, nell’imminente futuro, di ricercare la costruzione di coalizioni quanto più ampie ed inclusive, privilegiando gli elementi che uniscono, rispetto a quelli che dividono.
E’ anche arrivato il momento di mettere da parte risentimenti personali e di guardare al futuro con ottimismo ed una rinnovata lealtà: quei valori che hanno consentito al centrodestra di vincere con continuità in Sicilia  fino al tragico avvento di Crocetta.
Per queste ragioni ho molto apprezzato il lavoro di Gianfranco Miccichè, volto a ricercare le condizioni necessarie per allargare la coalizione a movimenti ed elettorato che, delusi o sfiduciati, si erano temporaneamente allontanati dall’alveo della coalizione, pur mantenendo una netta e chiara connotazione ideale compatibile con i principi programmatici che intendiamo porre alla base del nuovo progetto di governo per la Regione.
Un progetto innovativo ma inclusivo, che lavori per un’unità vera e non solo formale dell’area moderata di centrodestra, tradizionalmente maggioritaria in Sicilia, capace di salvaguardare e privilegiare le proprie energie migliori, a partire da quanti, da tempo, come  l’On.Musumeci ed il suo movimento, hanno condotto una dura battaglia di opposizione a questo fallimentare governo di sinistra.
I siciliani richiedono chiarezza, e la richiedono subito, tanto più se il Pd decidesse, come ventilato da più parti, di staccare la spina a Crocetta e trovare un accordo per le sue dimissioni anticipate. Fare presto e bene, avere un occhio di riguardo per quanti possono essere un autentico valore aggiunto, sono gli elementi fondamentali per consentire alla Sicilia di evitare derive populiste e nel contempo relegare all’album dei pessimi ricordi l’attuale governo”.
Leggi tutto
TELERADIO REGIONE S.R.L., società a socio unico soggetta a direzione e coordinamento della Filgest srl, 97015 Modica – S.P. 74 km 0+400 C.da Cava Gucciardo – C.F. e P.IVA 00209070895 – Capitale Sociale Euro 2.255.000 i.v. - CCIAA / REA Ragusa 110483 – Testata Giornalistica igiornalidisicilia.it nr. 3/2012 del 26.04.2012 Tribunale di Modica