ARCHIVIO

La Festa dei musei ha visto protagonista anche l’Istituto Tecnico “Archimede” di Modica

MODICA (di Elisa Montagno) – Grande partecipazione alla Festa europea dei musei lo scorso 18 maggio a cui ha partecipato anche l’Istituto Archimede di Modica. L’iniziativa, nata per promuovere le aperture serali dei musei in Francia, è riuscita a coinvolgere negli ultimi anni diversi paesi europei e non solo i grandi musei. Il dirigente scolastico Rosolino Balistrieri, invitato ad intervenire alla conferenza stampa tenutasi il 16 maggio scorso, ha aderito, su proposta dell’assessore Maria Monisteri, all’iniziativa che ha visto il coinvolgimento di ben undici tra associazioni culturali ed istituti scolastici del territorio di Modica. In questa occasione è stata aperta al pubblico la Biblioteca storica dell’Istituto Archimede che conserva e custodisce volumi antichissimi di Campailla, Newton, Winckelmann, Quintino Sella, Mongitore, la raccolta di pubblicazioni archeologiche del marchese De Gregori e una splendida collezione di foto dei fratelli Alinari. Sono state rese fruibili anche le collezioni naturalistiche che hanno rappresentato in passato una grande risorsa per la divulgazione della cultura scientifica nel territorio.
La serata, alla quale ha dato il proprio fondamentale contributo il professore Giorgio Rizza, è stata magistralmente organizzata dalla professoressa Caterina Lo Verde, docente di storia dell’arte dell’Istituto, che è riuscita a coinvolgere un gran numero di alunni, ciascuno con il compito di guidare e accompagnare i visitatori nelle varie sezioni della visita. Alcuni alunni si sono occupati dell’accoglienza, altri della sezione relativa alle attività svolte in Erasmus+ negli ultimi due anni, altri ancora hanno descritto nei particolari le immagini legate ad una mostra fotografica, curata in particolare dalle professoresse Tiziana Occhipinti, Giulia Cavalieri ed Emanuela Selvaggio del corso di grafica e comunicazione, in cui si parla di Europa e di quello che l’Europa rappresenta oggi agli occhi degli alunni. I tanti visitatori presenti sono stati accompagnati in Biblioteca, dove hanno potuto ammirare alcune tra le più antiche pubblicazioni, la cui esposizione è stata personalmente curata dalla professoressa Patrizia Girgenti, e foto storiche relative al Palazzo degli studi, antica sede dell’Istituto. Sempre in biblioteca è stato organizzato un momento di lettura di brani in prosa e poesia, scritti da una delle alunne della classe IIA1 Maria Virginia Consales, giovane poetessa e scrittrice, che proprio quest’anno ha ricevuto il Premio Sicilia per la sua raccolta dal titolo “Crederci”, presentata anche al Salone del libro di Milano. Inoltre, i visitatori hanno potuto continuare la visita presso il museo di scienze naturali dove le collezioni ornitologiche sono numericamente più rappresentate, ma dove sono custodite anche numerose specie di animali, tutte ben conservate in apposite teche. È stata possibile inoltre la fruizione di tutte quelle strumentazioni antiche che testimoniano la storia dell’Istituto, lunga ormai più di 150 anni: antichi strumenti topografici e geodetici, apparecchiature di laboratorio, e ancora un Telegrafo, un Fonografo della fine dell’Ottocento, e una lanterna magica alimentata a candela, antenato del proiettore di diapositive, già comunque ampiamente superato. Non si poteva concludere la visita, senza conoscere la moderna redazione del giornalino Eureka allocata presso il laboratorio multimediale più moderno dell’Istituto, un laboratorio fornito di numerosi tablet e due schermi da 55 pollici. Qui gli alunni si incontrano e da qui organizzano il loro lavoro di giornalisti in erba. Guidati dalla professoressa Giusy Sparacino, hanno descritto ai visitatori in che cosa consiste il loro lavoro e quali sono state le attività condotte negli ultimi anni. La visita ai locali dell’Istituto è stata garantita anche e soprattutto dai collaboratori e dagli Assistenti tecnici dell’Istituto che hanno permesso con la loro presenza e il loro lavoro, il regolare svolgimento di tale iniziativa. Si ringraziano tutte le persone che a vario titolo hanno collaborato e soprattutto gli alunni che con il loro entusiasmo hanno guidato i visitatori alla scoperta dei tesori custoditi all’interno dell’Istituto. Anche se fuori dal circuito principale dei musei aperti in orario notturno, l’Archimede ha comunque fatto registrare un certo numero di presenze e questo incoraggia gli organizzatori ad andare avanti, sperando che durante una prossima edizione si possa maggiormente promuovere la visita di questo Istituto che, per la sua storia, si può considerare la vera e unica pietra miliare dell’istruzione nel territorio di Modica: un Istituto in cui antico e moderno si mescolano e si fondono senza soluzione di continuità.
Leggi tutto
runner modica

Modica presente alla “100 km del Passatore”

MODICA (di Elisa Montagno) – La Città di Modica avrà la sua rappresentanza in occasione della ultramarathon “100 km del Passatore” che sabato 25 maggio prenderà il via da Firenze per concludersi in Piazza del Popolo a Faenza. Alle 15 quando lo starter darà il via da Piazza Vittorio Veneto alla 47° edizione della podistica , tra i 3300 partecipanti ci saranno anche due modicani: Orazio Maggio e Stefano Giurdanella. Quest’ultimo è stato ricevuto a Palazzo S.Domenico insieme al suo Presidente, Emanuele Assenza, dal Sindaco e dall’Assessore allo Sport. Il runner modicano si è buttato a capofitto in questa disciplina solo da pochi anni dopo aver legato il suo nome al mondo del calcio, avendo difeso per diversi anni la porta di tante società tra cui il Frigintini in Promozione. Visti i positivi risultati raggiunti in poco tempo, la scelta di cimentarsi con questa massacrante corsa che quest’anno può contare sul record di partecipanti, 3300. Sette ore circa di corsa per percorrere la “via del sangiovese”, come viene soprannominata la gara, e raggiungere il centro emiliano di Faenza: “Siamo soddisfatti – commentano i due amministratori – che la nostra Città sia rappresentata in una competizione così importante. Con grande abnegazione e forza di volontà gli atleti si sono preparati a questa classica che vedrà la partecipazione di concorrenti provenienti da tutto il Mondo. Gli abbiamo fatto i nostri migliori auspici dandogli appuntamento al ritorno per festeggiare tutti insieme quella che sarà comunque una vittoria”.

Leggi tutto
Teatro Garibaldi Modica

Modica: “Novecento” fa il pieno al Teatro Garibaldi

MODICA (Giulia Di Martino) – “Novecento”, capolavoro di Alessandro Baricco, in scena sabato scorso al  teatro garibaldi di Modica. Emozionante evento  diretto e interpretato da Giovanni Spadola con il coordinamento artistico di Giuseppe Scucces con l’allestimento del liceo musicale coreutico dell’Istituto Verga, che  ha incantato il pubblico presente, vista l’intensità della performance teatrale e musicale. La storia affascinante e commovente del protagonista, in una narrazione che alterna musica e parole, che lo stesso autore definisce come una via di mezzo tra una vera messa in scena e un racconto da leggere ad alta voce. Premiato nel 1996 al 4° Festival Nazionale del Teatro di base “Salvo Randone”, l’opera è stata presentata al teatro modicano in un nuovo allestimento frutto della condivisione di allievi e docenti del Liceo Musicale, riuniti in una big band per una corale performance teatrale e musicale.
In occasione dei 25 anni di “Novecento” il suo autore, Alessandro Baricco ha deciso di  portarlo in scena lui stesso. Il monologo teatrale, scritto nel 1994, era stato costruito per l’interpretazione di Eugenio Allegri sotto la direzione del regista Gabriele Vacis. Dopo vent’anni di messe in scena, in ogni parte del mondo, con tutti gli stili, con artisti completamente diversi uno dall’altro, Baricco ha pensato che era il momento  di tornare un po’ alla voce originaria di Novecento che è stato un  altro grande successo per la stagione teatrale della fondazione teatro Garibaldi. Ancora sold out, motivo di ulteriore soddisfazione per il sovrintendente, Tonino Cannata e per  il direttore artistico, Giovanni Cultrera.

 

 

Leggi tutto
telefonino

Modica: il 5G, i benefici e i rischi per la salute umana

MODICA  (Giulia Di Martino) –  I vantaggi della nuova tecnologia e quali i rischi per la salute. Un ‘interessante tema affrontato a Modica nel corso di un convegno dal titolo “telefonia mobile wi-fi e 5G rischi per la salute, uso corretto delle tecnologie”. Un evento che ha riguardato la salute pubblica in vista dell’imminente introduzione della tecnologia 5G in Italia e che ha coinvolto il mondo politico, i medici e gli operatori sanitari, il mondo della scuola e la cittadinanza. Sono intervenuti  Illustri relatori per far  comprendere benefici e rischi della nuova realtà tecnologica il cui arrivo   preoccupa un crescente numero di cittadini e associazioni. Fiorenzo Marinelli, famoso biologo dell’Istituto di Genetica Molecolare del CNR di Bologna, ha parlato degli  effetti medici conseguenti all’esposizione al 5G;  la giornalista Francesca Romana  Orlando ha spaziato su inquinamento chimico ed elettromagnetico; mentre l’avvocato  Salvatore  Poidomani, ha chiarito  gli aspetti relativi al Diritto alla Salute da parte dei cittadini. C’era anche Tania Spanò,  membro dell’Associazione Italiana Elettrosensibili, che ha illustrato  le tecniche attualmente a disposizione dei cittadini, per difendersi dall’inquinamento da onde elettromagnetiche.  Un incontro quindi  per fare il punto sulle evidenze scientifiche  riguardanti i rischi per la salute. Chiarimenti utili perché, come spesso accade,  al momento dell’introduzione di una nuova tecnologia, insieme all’entusiasmo per il salto generazionale, e per i benefici in termini di applicazioni quotidiane, nasce anche il timore legato alla sicurezza e ai potenziali rischi per la salute umana. “Di inquinamento elettromagnetico si parla oramai da anni, ha spiegato  la Dott.ssa Spanó,  ma il confine tra interessi economici e salute pubblica non è mai stato veramente definito e rispettato.  Tania Spanò ha inteso sottolineare che non si deve parlare solo di benefici ma è importante far sapere alla collettività che sia i Medici dell’ISDE, associazione italiana elettrosensibili che  il Comitato Scientifico Europeo, hanno avanzato seri dubbi a proposito dei rischi connessi all’utilizzo di questa nuova tecnologia, rischi che vanno dagli effetti negativi biologici e genetici a quelli neurologici, sugli esseri umani e sui bambini in special modo. Quindi l’informazione è la giusta strada per avere contezza dei pro e contro della nuova realtà tecnologica.

Leggi tutto
Squadra eragon

Modica, l’Eragon, campione d’Italia di Ju Jitsu, ricevuta a Palazzo S.Domenico

MODICA (di Elisa Montagno) – L’Eragon è campione d’Italia di Ju Jitsu, con uno dei suoi atleti di punta, Karol Buffa Calleo. L’atleta ha conquistato la medaglia d’oro a Ostia nella categoria esordienti 45kg specialità Na Waza. Con lui a medaglia sono andati i compagni di squadra Andrea Spataro (argento Cadetti 46 kg), Sara Giulia Di Gregorio (argento cat. 7 kg), Martin Pitino (bronzo Cadetti 60 kg), Andrea Iabichino (bronzo Esordienti 60kg) Giovanni Iozzia (quinto posto Esordienti 50kg). La squadra è stata ricevuta a Palazzo S.Domenico dal Sindaco di Modica, Ignazio Abbate e dall’Assessore allo Sport, Maria Monisteri. A guidare la “pattuglia” il Maestro Christian Pediglieri. “Facciamo i complimenti al Maestro Pediglieri e naturalmente ai suoi allievi per i brillanti risultati ottenuti – commentano i rappresentanti dell’Amministrazione – che hanno portato ancora una volta Modica sul tetto d’Italia. Le arti marziali richiedono disciplina e abnegazione, caratteristiche che non mancano agli allievi della Eragon che in pochi anni è diventata una importante realtà nazionale. Con grande orgoglio oggi abbiamo accolto i medaglisti sperando di ripetere sempre più spesso questo appuntamento in futuro”.
Leggi tutto
Salvatore_Quasimodo_1962c

Premiazione per i finalisti della XI Edizione del Premio “Salvatore Quasimodo”

MODICA (di Elisa Montagno) – Si terrà giovedì 23 maggio, alle ore 17,30, al Teatro Garibaldi di Modica la premiazione dei 49 studenti finalisti della XI Edizione del Premio di Poesia Salvatore Quasimodo “La terra impareggiabile”, organizzato dal Caffè Letterario “S. Quasimodo” di Modica. Sarà il sindaco di Modica, Ignazio Abbate, ad accogliere i finalisti provenienti da tutta la provincia in apertura della serata.
A premiare gli allievi saranno rappresentanti delle Istituzioni, autorità scolastiche, civili, militari e religiose, rappresentanti della stampa , della cultura e delle associazioni locali.
Anche questa XI Edizione del Premio risulta divisa in tre sezioni: la prima, per la scuola primaria, in memoria dell’insegnante Concetta Nicastro; la seconda, per le scuole medie inferiori, in memoria del poeta ed umanista Giorgio Candiano; la terza, per le scuole medie superiori, in memoria dello storico modicano Giovanni Modica Scala.
Confermate anche le Sezioni dei Premi speciali, dedicate alla memoria del giornalista Giorgio Buscema, di Grazia Minicuccio, la cui omonima Associazione promuove raccolte di fondi per la realizzazione di opere di interesse sociale in Congo nella diocesi di Butembo – Beni, gemellata con la diocesi di Noto, e del giornalista Giovanni Spampinato, vittima di mafia sul tema “La legalità e la giustizia, valori fondamentali della società. Ci sarà anche un “Premio speciale della Giuria”, in memoria dello scrittore e docente modicano Mario Agosta.
Il posto assegnato agli alunni verrà ufficializzato nel corso della cerimonia di premiazione.
All’atto dell’ufficializzazione, gli studenti che si classificheranno dal 1° al 3° posto o che risulteranno vincitori di Premi speciali, potranno leggere personalmente, se di gradimento, la poesia premiata.
I premi consisteranno in Coppe, Targhe e medaglioni con la stampigliatura del volto di Quasimodo, Diplomi pergamenati, libri e una confezione di prodotti dolciari e di cioccolato di Modica.
Leggi tutto
museo del cioccolato

Grande successo per la notte al Museo del Cioccolato di Modica

MODICA (di Elisa Montagno) – Un pubblico delle grandi occasioni ha visitato il Museo del Cioccolato di Modica nell’ambito della iniziativa La Notte dei Musei, promossa dal MIBAC (Ministero Beni Ambientali e Culturali), che ha peraltro inserito l’evento nel Sito del Ministero nel cartellone nazionale, quale unico evento della provincia di Ragusa, favorendone una larga diffusione, ragione per la quale gran parte dei visitatori sono stati turisti.
Con lo slogan “Scopri il Museo del Cioccolato di Modica” i visitatori sono stati condotti in un sorprendente viaggio tra cultura, musica cinema e gusto.
Un viaggio fra i documenti d’archivio frutto della ricerca di Grazia Dormiente, le sculture e le pitture di cioccolato; un viaggio con le immagini guidati da Tiziana Spadaro che, nella sala cinema, ha proposto documenti e film sul cacao, il cioccolato e il cioccolato di Modica, proponendo anche una articolata sezione di servizi delle televisioni nazionali sul cioccolato di Modica in collaborazione con Cineclub 262.
Il salone Principe Ranieri, che ospita l’Italia in miniatura, trasformato in una sala concerti, ha consentito al pubblico di ascoltare musica dal vivo eseguita dagli allievi della Civica Filarmonica di Modica, diretta dal Maestro Di Pietro; si sono esibiti Adriana Nanì al pianoforte, Gabriele Rendo al Clarinetto, Maria Chiara Gurrieri alla Chitarra e Alice Nanì al Sax.
Quindi degustazione del cioccolato di Modica Igp, per l’occasione offerto da Antica Dolceria Rizza, Di Lorenzo, Nacrè e Peluso, in abbinamento con vini e grappe del territorio: Moscato di Noto Baroque di Rudinì, Petit Verdot Pòtta ‘cca di Odisseo, Grappa Nero d’Avola Odissea della Cantina Cav. Giuffrida.
Per tutti Acqua Minerale Santa Maria e Bibite Polara Ricette Antiche.
La degustazione è stata condotta dal Sommelier Giorgio Solarino dell’Enoteca Sotto San Pietro che insieme a Piero Puglisi e Gianni Frasca hanno accolto i tanti ospiti; un brindisi speciale alla presenza del Sindaco di Modica Ignazio Abbate accompagnato per l’occasione dall’Assessore Giorgio Linguanti.
Pregevole il contributo alla iniziativa delle comunicatrici museali Federica e Flavia Puglisi che hanno curato le visite guidate rispondendo alle molteplici domande dei visitatori.
Leggi tutto
BALLO 800

Le atmosfere del Gran Ballo dell’800 al Garibaldi di Modica

MODICA (di Elisa Montagno) – Il Teatro Garibaldi di Modica fa rivivere le magiche atmosfere ottocentesche in una serata dall’ennesimo tutto esaurito. Un pubblico divertito, emozionato e piacevolmente coinvolto in prima persona dal maestro Nino Graziano Luca, presidente della Compagnia Nazionale di Danza Storica, ha seguito lo spettacolo “Il Gran Ballo dell’’800” abbandonandosi alle affascinante arie delle corti antiche. Quaranta gli artisti che hanno danzato sul palco del teatro modicano per l’occasione trasformato nel salone delle danze dei palazzi nobiliari di un tempo e animato dall’eccezionale bravura del soprano Manuela Cucuccio, accompagnata al piano da Anna Maria Calì. L’energia del maestro Graziano Luca e dei suoi ballerini è riuscita anche a coinvolgere alcune persone del pubblico che si sono lasciate simpaticamente trascinare in allegre danze. “Siamo stati felicissimi di essere ospitati nella stagione musicale del Teatro Garibaldi di Modica, ricca di titoli e artisti di assoluto livello nazionale – ha commentato il maestro – L’entusiasmo del pubblico modicano è stato per me una grande gioia e la conferma dell’enorme crescita che la Compagnia Nazionale di Danza Storica ha avuto in questi anni, riscuotendo un “tutto esaurito” in tantissimi paesi stranieri, dalla Russia alla Malesia, dall’Austria all’Ungheria, dalla Francia a Malta, dal Palazzo Brancaccio di Roma alla Reggia di Caserta fino adesso all’affascinante Modica. Ringrazio di cuore il direttore artistico Giovanni Cultrera e il sovrintendente Tonino Cannata per la grande opportunità”.
La serata ha visto anche una speciale sorpresa iniziale con la passeggiata del corpo di ballo per le vie del centro storico di Modica e l’inattesa irruzione all’Auditorium Florida dove si trovava il presidente della Rai Marcello Foa in questi giorni in città anche per ricevere un premio, insieme al sindaco Ignazio Abbate, al prefetto Filippina Cocuzza e alle altre autorità.
Grande soddisfazione per una serata memorabile da parte del sovrintendente della Fondazione Tonino Cannata e del direttore artistico Giovanni Cultrera. Proprio quest’ultimo dichiara: “E’ stato uno spettacolo che ha conquistato gli spettatori sin dalla Promenade d’ingresso per via dell’eleganza dei danzatori, perfetti nel portamento e bellissimi nei costumi ispirati ai quadri dei più celebri pittori della tradizione europea del XIX secolo. Strutturato in un alternarsi di momenti romantici ad altri dalla grande vivacità, ha tenuto desta l’attenzione degli spettatori per tutta la durata della messinscena grazie alla strabiliante capacità di Nino Graziano Luca che dello spettacolo non è sono l’ideatore, il demiurgo concertatore, in quanto balla, recita, racconta aneddoti e coinvolge il pubblico costantemente. I suoi trent’anni di ricerca, promozione, condivisione e allestimento di spettacoli in questo campo lo hanno reso giustamente uno dei principali protagonisti mondiali della danza storica e il pubblico di Modica gli ha costantemente dimostrato affetto e stima. Meritano di essere menzionati – conclude Cultrera – anche i primi ballerini della Compagnia Nazionale di Danza Storica. Debora Bianco e Daniel La Penna, entrambi diplomati al Teatro Alla Scala di Milano, spiccano per leggerezza e tecnica sopraffina; Michela Sorrentino, nipote da parte di mamma del produttore del film Il Gattopardo Goffredo Lombardo, tecnicamente perfetta colpisce per la bellezza e l’eleganza. Straordinarie anche il Soprano Manuela Cucuccio e la pianista Anna Maria Cali. Hanno contribuito alla forza corale dello spettacolo i circa 40 “nobili” danzanti in più momenti con grande precisione allegria. “Gran Ballo dell’800” della Compagnia Nazionale di Danza Storica è stato insomma un vero piacere per gli occhi e per il cuore”.
La stagione del Teatro Garibaldi prosegue sabato 18 maggio, alle ore 21.00, con “Novecento”, il monologo teatrale scritto da Alessandro Baricco e a Modica interpretato e diretto da Giovanni Spadola. Si tratta di un nuovo allestimento frutto della condivisione di allievi e docenti del Liceo Musicale e Coreutico dell’Istituto d’Istruzione Superiore G. Verga di Modica, riuniti in una big band per una corale performance teatrale e musicale, con il coordinamento artistico di Giuseppe Scucces.
Leggi tutto
Libro

Modica, fitto programma de “Il Maggio dei Libri 2019”

MODICA (di Elisa Montagno) – Il Comune di Modica (Assessorato alla Cultura – Biblioteca Comunale) anche quest’anno ha organizzato “Il Maggio dei Libri 2019”, aderendo alla manifestazione nazionale con un programma di eventi che ha avuto già inizio venerdì 3 maggio con la presentazione del libro “Femmina” di Nausica Zocco.
Gli appuntamenti futuri si svolgeranno nella Sala “E. Grana Scolari” della Biblioteca Quasimodo dalle 18,00 alle 20,00.
Questo il calendario della manifestazione: mercoledì 22 Maggio 2019 “Un giorno all’asilo” di Rosa Cerruto; venerdì 24 Maggio 2019 “Ibleide : sguardi e memorie” di Grazia Dormiente; mercoledì 29 Maggio 2019 “Inaugurazione della Libreria Digitale” progetto a cura del Prof. Giuseppe Barone; venerdì 31 Maggio 2019 “Lireta non cede : diario di una ragazza albanese” di Lireta Katiaj.
“Modica aderisce con grande consapevolezza di visione all’ evento “ Il Maggio dei Libri”, afferma Maria Monisteri, assessore alla Cultura.
La necessità di ampliare la platea dei lettori e di puntare su nuove sensibilità è una nostra missione che ha come area d’intervento l’attività della Biblioteca comunale.
Da un recente rapporto di «Save the children» risulta che il 72,6 per cento (tre su quattro all’ incirca) dei giovani siciliani tra i 6 e i 17 anni non legge libri.
Legge meno di una persona su tre nelle regioni del Sud (28,3%), quasi una su due in quelle del Nord-est (49,0%). Per fortuna continua a crescere il mercato digitale: circa ventisette mila titoli (oltre il 38% dei libri pubblicati nel 2017) sono disponibili anche in formato e-book.
Ed è su questo versante che la Biblioteca comunale “S. Quasimodo” sta puntando aprendo le porte sui testi più antichi consultabili anche on line, oltre ovviamente ad una serie di iniziative che sono state intraprese con le scuole della città avviando una campagna di rilancio culturale grazie alla lettura.”
Il programma è già inserito nel sito nazionale de “Il Maggio dei Libri” tra i 235 eventi programmati in Sicilia.
“La manifestazione nazionale “ Il Maggio dei Libri”, afferma il direttore scientifico della Biblioteca comunale “S.Quasimodo” prof. Giuseppe Barone, vede anche la nostra Biblioteca protagonista, con alcune iniziative che privilegiano il rapporto con la “rete” delle Scuole e con la produzione culturale del territorio. In particolare, intendiamo dare impulso all’innovazione tecnologica con l’inaugurazione della nuova sezione della “Libreria Digitale” dedicata ai libri antichi o rari che saranno consultabili on line sul sito web della Biblioteca”
Leggi tutto
BABY PIT STOP

Ragusa, inaugurato il primo Baby Pit Stop

RAGUSA (di Elisa Montagno) – Un giorno prima della festa della Mamma, inaugurato il primo Baby Pit Stop dell’Unifec al Centro Commerciale “Le Masserie”.
Una scelta, non una coincidenza quella del “Team Allattamento” dell’Asp di Ragusa che ha voluto così sottolineare l’apertura del primo BPS.
Un lavoro di squadra, fatto in sinergia tra l’Azienda Sanitaria, Le Masserie, l’Unicef e liceo artistico “G. Ferraris” di Ragusa, dirigente scolastico prof.ssa Giovanna Piccitto.
Prima del taglio del nastro una giovane mamma, con la sua piccola Costanza, di appena venti giorni, ha voluto sperimentare l’accogliente spazio adibito alle soste per l’allattamento o, anche solo, per cambiare il pannolino.
E’ stato un momento di festa, soprattutto, per la presenza di tanti ragazzi del “Ferraris” che con i loro lavori, brochure, manifesti pannelli, hanno catturato l’interesse di mamme, nonne, papà e tanti visitatori del Centro Commerciale. Tutti hanno apprezzato.
Infatti, un impegnativo lavoro di gruppo ha tappezzato le pareti del BPS, con un unico messaggio in grado di raggiungere quante più mamme possibili in modo da condividere il momento dell’allattamento, attraverso le immagini, che raccontano la loro esperienza, le sensazioni ed emozioni che provano durante questo momento speciale.
«Si tratta del primo esperimento del genere in città, come ha sottolineato il direttore de Le Masserie, ing Vito Frisina, risultato di una concreta azione di sinergia tra diversi attori e desidero rimarcare la vocazione nei confronti della famiglia a cui il nostro Centro si orienta.»
«Da oggi, quindi, le mamme avranno a disposizione uno spazio attrezzato dove potersi appartare per cambiare il pannolino o allattare il proprio piccolo e nel rispetto della propria privacy. Allattare al seno è naturale, salutare ed è anche un diritto. – ha dichiarato il direttore generale dell’Asp, arch. Angelo Aliquò. Ringrazio tutti: il Direttore del Centro Commerciale, la Presidente dell’Unicef, il Team dell’Allattamento, per avere lavorato tanto per la realizzazione di questa bella realtà, ma in particolare questi ragazzi che hanno dimostrato impegno e forte sensibilità al tema dell’allattamento.»
«L’allattamento rappresenta un beneficio a cui hanno diritto tutti i bambini senza alcuna discriminazione, perché è un’esperienza unica, che fornisce l´alimentazione completa contribuendo al loro pieno sviluppo e alla loro sana crescita. Esprimo grande soddisfazione per il nuovo progetto, – le parole della Presidente del Comitato Provinciale di Ragusa Elisa Mandarà – e desidero fortemente ringraziare il Direttore e il Team Allattamento dell’Asp, il Direttore Centro Commerciale, gli Studenti del Ferraris. L’UNICEF ha promosso il progetto nell’ambito dell’iniziativa “Ospedali & Comunità Amici dei Bambini”, con lo scopo di allestire molti Baby Pit Stop.
Il prof. Enzo Cicardo, visibilmente, orgoglioso per il lavoro fatto dai suoi Studenti, ha sottolineato che la rete tra le istituzioni produce risultati lusinghieri. I giovani che si trovano bene a scuola, riescono a relazionarsi con le tematiche che riguardano il loro futuro. “Diventeranno adulti consapevoli e competenti, con la prospettiva di ottenere migliori risultati non solo a scuola ma anche nella loro vita”.
Leggi tutto
TELERADIO REGIONE S.R.L., società a socio unico soggetta a direzione e coordinamento della Filgest srl, 97015 Modica – S.P. 74 km 0+400 C.da Cava Gucciardo – C.F. e P.IVA 00209070895 – Capitale Sociale Euro 2.255.000 i.v. - CCIAA / REA Ragusa 110483 – Testata Giornalistica igiornalidisicilia.it nr. 3/2012 del 26.04.2012 Tribunale di Modica