palcoscenico

Mozart al Garibaldi di Modica ha coinvolto e appassionato

MODICA (di Elisa Montagno) – Finalmente Wolfgang Amadeus Mozart è arrivato a Modica sospinto dall’entusiasmo, dall’interesse e dall’amore da parte dell’Associazione Mozart Italia (A.M.I.) Sede di Modica che lo ha presentato ai cittadini nel tardo pomeriggio di sabato 17 febbraio.
Cittadini appassionati e curiosi di questa neonata proposta culturale sorta a Modica, hanno affollato il Teatro Garibaldi per ascoltare le note del genio musicale di Salisburgo.
Mozart si è manifestato al pubblico, prima ancora che con la sua musica con un “Colpo di teatro”. Ad impersonare Amadeus in tutto identico nell’abbigliamento e con la sua parrucca candida, è stato il giovane attore Massimo Barone del Piccolo Teatro di Modica che ha raccontato il viaggio immaginario da Napoli (città italiana più a sud effettivamente visitata da Mozart) a Modica in parte traendo spunto per la permanenza a Napoli, dalle lettere mozartiane ed in parte, in riferimento all’immaginario, recitando un testo scritto per l’occasione da Antonio Sottile, un eccellente pianista e colto musicologo. L’atmosfera era dunque creata, atmosfera che aveva iniziato a prender corpo con un video, proiettato ad apertura dello spettacolo che raccontava di Salisburgo città natale di Amadeus e si completava con un itinerario costituito dai tasti di una pianoforte quasi fosse un nastro di asfalto che da Salisburgo giungeva a Modica.
Il pubblico del teatro a questo punto era già entrato nell’atmosfera creata da un’abile e sapiente regia. E l’atmosfera cominciava ad animarsi popolandosi di suoni e di voci. Ad aprire la parte musicale sono stati i bambini del “Coro dei Monti Iblei che, diretti dalla Maestra Gianna Rizza e accompagnati al pianoforte dal Maestro Francesco Drago, hanno cantato “Alleluja” brano che ben si adatta all’età dei giovani coristi in quanto fu composto da Mozart all’età di 12 anni.
Il percorso musicale aperto dal coro è proseguito sostenuto da “I Solisti dell’Orchestra da Camera di Messina”, formato da Antero Arena, Violino I, Joseph Arena, Violino II, Rosanna Pianotti, Viola, Mirko Raffone, Violoncello, Daniele Arena, Contrabbasso, Maria Assunta Munafò, Clavicembalo. Il brano di esordio della serata tiene ancora alta l’emozione creata dall’impatto con le immagini del Mozart…modicano. Brano riconoscibilissimo fin dalle prime battute : Serenata in Sol maggiore K 525, universalmente nota come Eine kleine Nachtmusik (“piccola serenata”). «È un notturno per archi scritto nel 1787 – come si legge nelle Note di sala redatte dalla Professoressa Carla Turlà – uno dei notturni orchestrali più celebri, di struttura relativamente semplice, ma ricca di idee portate avanti con grande leggerezza e continuità che Mozart termina di scrivere il 10 agosto 1787.» E si alternano, quindi, i brani strumentali e le arie tratte dalle opere più celebri: “Deh, vieni alla finestra”; “Madamina, il catalogo è questo”, “Batti, batti o bel Masetto” ed il duetto ben eseguito come tutte le altre arie e ben recitato “Là ci darem la mano”, tutte arie dall’Opera K 527 Don Giovanni. Dell’opera K 492, Le nozze di Figaro facevano parte le arie “Deh vieni non tardar” e “Non più andrai farfallone amoroso” Dall’Opera K 620, Il Flauto magico era tratta l’aria “La regina della Notte”. Accompagnati al pianoforte dal Maestro Francesco Drago Hanno cantato il Baritono Salvo Di Salvo, la Soprano Lara Leonardi e la soprano Gaia Gallitto che seppur diciottenne si è tra l’altro misurata con positiva sottolineatura del pubblico con un brano denominato……..proprio per le difficoltà di esecuzione che presenta. Non poteva mancare, in una serata mozartiana ed ecco il Concerto per Clavicembalo n. 8 in Do K 246 “Lutzow”che precede il trionfale “Rondò “alla turca” sonata in La n. 11, K331 che chiude la serata. Applausi prolungati e convinti, commenti entusiastici, voglia di esserci ancora.
A reggere le fila della serata è stata, brillante regista, competente e appassionata, la presidente dell’AMI Sede di Modica Anna Maria Spoto, coadiuvata da una altrettanto esperta e briosa conduttrice Cristina Zago, direttrice artistica dell’AMI Sede di Modica che ha introdotto il pubblico in sala nel cuore delle varie esecuzioni illustrandone sobriamente le caratteristiche.
«Forti di questa prima esperienza apprezzata, come ci è parso, dal pubblico – ha commentato Anna Maria Spoto alla fine della serata ringraziando Sponsor sostenitori ed intervenuti – torneremo a costruire dei momenti che stimolino desiderio di conoscenza creando, quindi, consapevolezza.
Non è vero – ha sostenuto la Presidente – che quello della musica sia un linguaggio universale, induce in chi la ascolta, questo sì, a sentimenti ed emozioni universali esalta lo spirito ed accresce la sensibilità di chi ascolta.
La musica è, però, una linguaggio con codici scritti e non scritti molto rigidi, se questi codici non si conoscono, chiunque potrà dire che un brano è bellissimo anche quando non lo è. Sta piuttosto alla conoscenza alla “frequentazione” ed alla consapevolezza arrivare a comprendere cosa viene proposto e cosa viene offerto. Questo percorso di conoscenza e consapevolezza intendiamo intraprendere insieme al pubblico.»
Leggi tutto
unitre

Modica, convegno sul tema ‘A tavola con il diabete’

MODICA (di Elisa Montagno) – Promosso ed organizzato dalla locale sede dell’Unitre si è svolto a Modica, presso la sala riunioni della Fondazione Grimaldi, l’incontro sul tema “A tavola con il diabete”.
Relatore il diabetologo Salvatore Burrafato, già primario di medicina presso l’Asp di Ragusa ed attuale presidente della sede Unitre del Comune capoluogo.
Dopo il saluto e l’intervento introduttivo del presidente Rinaldo Stracquadanio che, fra l’altro, ha riferito sull’attività, svolta e programmata dall’associazione, è intervenuto con la sua interessante relazione il dr Burrafato che, dall’alto della sua grande esperienza, si è ampiamente trattenuto sul diabete e sui non sottovalutabili suoi effetti, non certamente positivi, per la salute e per la longevità di chi ne è affetto. Dopo aver illustrato le cause, gli sviluppi e le varie conseguenze della malattia sugli organi vitali del corpo umano, ha chiarito come, attraverso una corretta ed appropriata alimentazione, il diabete può essere prevenuto , curato e contenuto entro i normali valori . Il dr. Burrafato ha chiarito inoltre l’importanza della qualità e della quantità degli alimenti ed ha sottolineato come le diete da seguire debbono essere adeguatamente equilibrate e debbono contenere prodotti naturali e a basso indice glicemico. Cerali integrali, legumi, verdure, ortaggi, frutta, alghe (con particolare riferimento alla spirullina) e dolcificanti appropriati (stelvia, cannella, cardomene,ecc) gli alimenti particolarmente raccomandati. Carni bianche, formaggi, pesce: alimenti da assumere con particolare prudenza. Carni rosse, dolci, latte e latticini, alimenti ottenuti con farine raffinate, questi alcuni degli alimenti da allontanare o comunque da contenere al massimo se si vuole tenere sotto controllo il diabete e tutto ciò che tale malattia provoca a danno della salute.
Leggi tutto
file-2 (3)

Modica, seminario sul Piano di Integrazione dei Titolari di Protezione Internazionale

MODICA (di Elisa Montagno ) – Si è tenuto nell’Aula Magna della Scuola per Assistenti Sociali “F. Stagno D’Alcontres” di Modica il seminario di studi sul Piano Nazionale di Integrazione dei Titolari di Protezione Internazionale. L’evento è stato realizzato dalla Scuola con l’Università degli studi di Messina, con la collaborazione della Prefettura di Ragusa, del Comune di Modica e dell’Ordine degli Assistenti Sociali della Regione Sicilia
L’introduzione è stata curata dal Direttore della Scuola, Gian Piero Saladino, che ha offerto alla folta platea alcune statistiche riguardanti il fenomeno migratorio, divenute spunto di riflessione per i partecipanti. I saluti istituzionali sono stati formulati da Nicodemo Liotti, Vice Questore Aggiunto della Polizia di Stato, dirigente del Commissariato di Modica, dall’Assessore ai Servizi Sociali e allo Sport del Comune di Modica, Rita Floridia, da Francesco Fronte della Croce Rossa Italiana di Modica, da Corrado Parisi, Consigliere dell’Ordine degli Assistenti Sociali della Regione Sicilia.
Rosanna Mallemi, Dirigente dell’Area Immigrazione della Prefettura di Ragusa, ha presentato il Piano Nazionale di Integrazione dei Titolari di Protezione Internazionale sottolineando le responsabilità istituzionali, la governance multilivello, i processi di accoglienza, i percorsi di inclusione sociale, le azioni prevenzione e contrasto alle discriminazioni e i processi di partecipazione attiva. Maria Taranto, Progettista della Fondazione San Giovanni Battista, ha approfondito gli argomenti riguardanti gli interventi e i finanziamenti attivabili coinvolgendo parte dei discenti in un focus group sulla progettazione. Altri due focus group sono stati organizzati sulla qualificazione dell’accoglienza, curato da Giuseppe Puccia, e sui servizi di inclusione sociale, curato da Corrado Parisi, in cui sono stati coinvolti i partecipanti nel fare emergere criticità e trovare possibili soluzioni per favorire una piena integrazione sociale.
Il seminario di studi gratuito, in fase di accreditamento da parte dell’Ordine regionale degli Assistenti Sociali, ha avuto grande successo, come testimoniano i risultati dei questionari della customer statisfaction compilati dai partecipanti. L’87% dei discenti ha ritenuto il seminario corrispondente alle aspettative e l’85% ha sottolineato l’utilità del momento formativo per la propria professione, il raggiungimento degli obiettivi formativi e l’efficienza dell’organizzazione.
Leggi tutto
MODICA1

Modica presente a Firenze per la quarta edizione di Touri

MODICA (di Elisa Montagno) – La quarta edizione di Tourisma, 15/18 febbraio, dedicata al salone di Archeologia e Turismo Culturale vedrà la Modica protagonista a Firenze nella prestigiosa sede del Palazzo dei Congressi. “Modica città Unesco: storie di un Eracle tra Barocco e Cioccolata” è il tema con il quale il Comune, il Museo Archeologico “F.L.Belgiorno” e il Consorzio di tutela del cioccolato artigianale di Modica presenzieranno in una sessione dei lavori fissata per sabato 17 febbraio dalle ore 14.00 alle ore 15.30.
All’illustrazione dei temi proposti interverranno, il sindaco, Ignazio Abbate, il direttore del Museo Archeologico “F.L. Belgiorno”, prof. Giovanni Di Stefano e il direttore del CTCM, Nino Scivoletto.
L’evento organizzato dalla rivista Archeologia Viva, diretta da Piero Pruneti, è stato presentato stamani a Palazzo San Domenico, presenti il primo cittadino, l’assessore alla Cultura, Orazio Di Giacomo, il prof. Giovanni Di Stefano e Nino Scivoletto.
“La partecipazione a Tourisma nella storica città di Firenze, commentano il sindaco, Abbate e l’assessore Orazio Di Giacomo, è motivo di grande orgoglio per la città, la cui partecipazione è a costo zero visto che grazie al direttore delle rivista, Piero Pruneti, siamo ospiti dell’evento e di questo dobbiamo ringraziare anche il direttore del museo, prof. Giovanni Di Stefano, che ci teneva tanto ad essere presente al Salone di Archeologia e turismo culturale.
Evento in cui s’intende rappresentare un punto di sintesi ottimale tra la Città, il suo patrimonio culturale e monumentale e il cioccolato, anch’ esso frutto di una tradizione millenaria e identitaria dell’intera comunità modicana”.
Nella sessione dei lavori dedicata a Modica sono previste proiezioni con filmati del patrimonio culturale e gastronomico.
“Tourisma”, commenta il prof. Giovanni Di Stefano, è uno degli appuntamenti culturali e turistici fra i più importanti in Europa e la città di Modica è l’unica realtà della Sicilia ad essere presente con tutto il peso del suo millenario patrimonio monumentale e del suo cioccolato che l’ha resa famosa nel mondo.
Il programma della manifestazione prevede prestigiose partecipazioni: Alberto Angela, Philippe Daverio, Fabio Isman, Andrea Carandini, Valerio Massimo Manfredi e vari incontri sui Longobardi, sugli Etruschi, sull’archeologia orientale .
Per Modica, per il Museo di Modica e per le eccellenze gastronomiche della città l’appuntamento di Firenze e’ un importante momento di promozione e valorizzazione”.
La sessione si caratterizzerà anche per una degustazione di cioccolato di Modica, con un incarto speciale, a cura del CTCM, dedicato a TOURISMA. Saranno distribuiti ai partecipanti le guide e i depliant sul Museo e sulla città.
“ Il Consorzio di tutela del cioccolato artigianale di Modica, dichiara Nino Scivoletto, è sempre a fianco delle iniziative che attenzionano a livello nazionale ed europeo la cultura e il patrimonio archeologico della città.
E questo per quel concetto che il tempo ha saputo consolidare ovvero la simbiosi tra Città-Cultura e il cioccolato di Modica. Un brand che ci qualifica e ci rende riconoscibili su scala mondiale”.
Leggi tutto
scultura blandino

A Milano la mostra dello scultore modicano Blandino

MODICA (di Elisa Montagno) – Sabato 17 febbraio alle 17 si inaugura presso la Fondazione Antroposofica Milanese una interessante mostra dal titolo molto significativo “Fuga per la sopravvivenza”, con opere di due grandi artisti: lo scultore modicano, che opera a Milano, Giovanni Blandino e lo scultore tedesco Martin Gerull che vive in Lombardia (è stato uno dei partecipanti al simposio di scultori che si tenne a Modica anni orsono nel chiostro comunale)
Il titolo della mostra racchiude le tematiche trattate dai due artisti, cioè una denuncia sul disagio e sulla sofferenza umana sotto qualsiasi aspetto.
Lo scultore Blandino esporrà soltanto disegni e una sola scultura dal titolo “Fuga”, mentre lo scultore Guller presenta opere di terracotta appositamente realizzate.
Giovanni Blandino è definito dalla critica uno scultore di grande talento culturale ed artistico. Si dedita essenzialmente alla scultura lignea e a vari disegni; mentre le opere di Martin Gerull rappresentano sculture monolitiche, spesso allungate, a misura d’uomo, dove la forma geometrica, stellare e dinamica, è una continua ricerca del dramma dell’io.
La Fondazione Antroposofica Milanese gestisce le sue attività nella sede di Via Vasto,4 a Milano. Essa rappresenta un autorevole punto di riferimento per le varie iniziative culturali e sociali per l’approfondimento dell’antroposofia.
La mostra è visitabile fino al 9 marzo 2018.
Leggi tutto
TEATRO

‘Si chiamava Gesù’ al Garibaldi di Modica

MODICA (di Elisa Montagno) – Il racconto biblico ma anche personaggi inediti per la rappresentazione teatrale “Si chiamava Gesù” in scena al Teatro Garibaldi di Modica venerdì 16 febbraio alle ore 21. Uno spettacolo straordinario, che ben si colloca nell’avvio della Quaresima, liberamente ispirato a “Gesù figlio dell’uomo” di Gibran Kahil Gibran e con le musiche tratte da “La Buona Novella” di Fabrizio De Andrè rigorosamente cantate dal vivo. Sul palco due attori di eccellente bravura, Emanuele Puglia e Carmela Buffa Calleo, pronti a far rivivere tutti i personaggi chiave del racconto biblico, come Pilato, Giuseppe, Maria, Barabba e Caifa, ma anche personaggi inediti, centrali nella storia, che faranno emergere aspetti, emozioni, passioni. Lo spettacolo nasce da molteplici stimoli artistici, culturali e professionali. In sintesi sono due le direttive principali attraverso le quali prende forma: la visione poetico-musicale, contemporanea, laica e pur sempre rispettosa della figura del Cristo di Fabrizio De Andrè e quella altrettanto poetica, spirituale ma non iconografica di un grande poeta e scrittore vicino al sentimento religioso quale è Gibran Khalil Gibran. L’autore (l’attore e regista Emanuele Puglia) ha così tratto spunto dai testi de “La Buona Novella” (concept-album “storico” di De Andrè) e dall’idea “testimoniale” di “Gesù Figlio Dell’uomo” (raccolta di poesie/monologhi di Gibran), miscelandone, adattandone, integrandone copiosamente le parole e i contenuti, creando così un “oratorio” di grande suggestione e intensità emotiva.
Il tutto grazie ad un preciso ed elegante gioco di costumi e di luci e grazie alla sapiente regia dello stesso Puglia in perfetto abbinamento con l’ottima interpretazione della Buffa Calleo. Centrale per lo sviluppo dell’opera la figura di Maria, il cui personaggio viene seguito dalla nascita alla morte del figlio, in uno stretto connubio con la buona novella tracciata da De Andrè.

 

Leggi tutto
palagrimaldi

A Modica in programma un convegno sull’Ordine al Merito della Repubblica

MODICA (Di Elisa Montagno) – Sabato prossimo, 17 febbraio, alle ore 17, a Modica presso il Salone d’Onore della Fondazione Grimaldi di Modica, si terrà il convegno, aperto al pubblico, dal titolo: Ordine al Merito della Repubblica tra diritto, prassi e self styled orders. Relatori dell’evento saranno: Francesco Atanasio, del Foro di Siracusa, e Delegato per la Sicilia Degli Ordini Cavallereschi di Casa Savoia, Carmelo Cataldi, giurista e scrittore, un Dirigente della Prefettura di Ragusa e Giovanni Mirulla, Delegato Regionale per la Sicilia dell’Associazione Nazionale Insigniti Onorificenze Cavalleresche. Il convegno si propone di illustrare, sotto il profilo giuridico e della prassi, l’Ordine cavalleresco per eccellenza dello Stato Italiano, istituito nel 1951 con la legge n. 178, ma soprattutto quali sono state le motivazione ab origine della nascita e, argomento che verrà trattato da Cataldi, le previsioni sanzionatorie previste dalla medesima legge per i pseudo ordini cavallereschi che pullulano nella penisola italiana.
Purtroppo quest’ultimo è un fenomeno abbastanza dilagante negli ultimi decenni sul territorio nazionale a causa di una vetustità della normativa di settore e di una formazione assente o non corretta degli organi preposti al controllo.
Sarà questa un’occasione per far conoscere e precisare cosa prevede la normativa e le circolari ministeriali e quali sono gli unici Ordini cavallereschi legittimi riconosciuti dallo Stato Italiano e in particolare dallo Stato Pontificio.
Un funzionario della Prefettura di Ragusa argomenterà invece sulla prassi in uso circa l’istruzione delle candidature all’Ordine e le statistiche provinciali sugli insigniti dell’Ordine.
Il Comm. Mirulla illustrerà invece gli aspetti associativi pertinente l’Ordine al Merito, nonchè quelli relativi agli altri ordini cavallereschi riconosciuti nello Stato Italiano.
Ogni anno moltissimi cittadini della Provincia di Ragusa e quindi anche modicani, vengono insigniti del prestigioso Ordine su segnalazione o motu proprio del Presidente della Repubblica; è il caso del modicano e Commendatore OMRI Giorgio Avola, insignito motu proprio dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano nel 2013.
Leggi tutto
siulp

Ottavo Congresso Provinciale del Siulp di Ragusa

RAGUSA (di Elisa Montagno) – A Ragusa Ibla si è tenuto l’ottavo Congresso Provinciale del Siulp Ragusa.
I delegati sui posti di lavoro, per acclamazione, hanno rieletto Flavio Faro come Segretario Generale Provinciale che guiderà il sindacato dei poliziotti, più rappresentativo a livello nazionale per i prossimi 5 anni.
All’unanimità è stata, altresì, eletta la nuova Segreteria Provinciale che oltre al Segretario Generale è composta da Adriano Scifo, Nunzio Vittoria, Andrea Barbarotta, Giorgio Giurdanella e Giovanni Bartolotta.
I lavori congressuali sono stati preceduti da un convegno sul tema “Economia, sviluppo e immigrazione: la polizia di Stato sempre in prima linea” al quale hanno partecipato il Segretario Generale Nazionale del Siulp Felice Romano ed il Segretario Regionale Alfio Ferrara nonché il Questore di Ragusa Salvatore La Rosa, numerosi funzionari della Polizia di Stato, rappresentanti politici nazionali e regionali tra cui la senatrice Padua Venera, l’on. Lorefice Maria Lucia ed il deputato regionale Orazio Ragusa.
Tutti hanno ringraziato la Polizia di Stato per il servizio offerto alla collettività intervenendo in maniera costruttiva nel dibattito che ha certamente assunto una interessante prospettiva volta alla proposizione ed alla soluzione dei numerosi problemi “gridati dai poliziotti”, sempre in maniera responsabile e propositiva.
Il Segretario Generale Provinciale Faro ha aperto i lavori con una corposa relazione introduttiva per favorire “…il confronto costruttivo con la società ed i suoi onorevoli rappresentanti, ma altresì per permettere ai poliziotti ragusani di effettuare sane riflessioni sui problemi sociali che li coinvolgono aimè non solo come cittadini ma anche e soprattutto come addetti ai lavori”.
Leggi tutto
SCHILLACI_SOPRANO

Celebrati al Garibaldi di Modica i 20 anni di carriera del soprano Schillaci

MODICA (di Elisa Montagno) – Una grande festa per la celebrazione di una voce che sa toccare le corde dell’anima e regalare felicità. Sabato 10 febbraio alle ore 21 sarà il Teatro Garibaldi di Modica ad avere l’onore di celebrare i 20 anni di carriera internazionale del soprano siciliano Daniela Schillaci. Sarà protagonista nella città della Contea per una serata assolutamente d’eccezione, un fuori programma della fortunata stagione musicale diretta dal maestro Giovanni Cultrera, soprintendente Tonino Cannata.
Un’occasione speciale che vedrà la Schillaci, reduce da una recente tournée che l’ha portata nei teatri più importanti italiani ed europei, esibirsi in una serie di arie d’opera tratte dai più famosi capolavori del repertorio lirico italiano. Sarà diretta dal maestro Gaetano Costa, da anni costantemente impegnato nelle produzioni del Teatro Massimo Vincenzo Bellini.
Significativo il repertorio con cui si esibirà, impegnandosi in Casta Diva, Si mi chiamano Mimi’, Un bel di’ vedremo, Quando m’en vo, e ancora molte sorprese in programma con arie di Mozart, Bellini, Puccini, Verdi.
Il famoso soprano è stato già ospite numerose volte presso La Fenice di Venezia, Teatro Regio di Torino, Arena di Verona, Teatro del Maggio Musicale Fiorentino, Opera di Roma, Comunale di Firenze, Teatro Verdi di Trieste, San Carlo di Napoli, Teatro Antico di Taormina, Teatro Massimo Bellini di Catania, Teatro Massimo Bellini di Palermo, Opera Dusseldorf e Essen, Teatro Nacional de Sao Carlos di Lisbona, Opéra de Lausanne, Seoul, Opera Shanghai, Spalato. Diretta da Seiji Ozawa e Zubin Mehta ha interpretato i ruoli di assoluta protagonista in Norma, Bohème, Falstaff, La sonnambula, Traviata, Stiffelio, Straniera, Butterfly. Fra gli ultimi impegni internazionali c’è ‘La Forza del destino’, ed il ‘Requiem’ di Verdi a Spalato, il prestigioso ‘Concerto di Capodanno’ a Mosca ed un’attesa ‘Traviata’ al Teatro Massimo Bellini di Catania. Allo spettacolo interverrà anche il baritono Davide Peroni.
Leggi tutto
percorsi

Percorsi di filosofia, incontro con il prof. Fabris

MODICA (di Elisa Montagno) – Penultimo incontro di “Percorsi” giorno 08 Febbraio alle ore 18.00 presso l’ Ente Liceo Convitto con il professore Adriano Fabris. Adriano Fabris è professore ordinario di Filosofia morale all’ Università di Pisa, dove insegna anche etica della comunicazione e Filosofia delle Religioni. Da vari anni è professore inviato alla Facoltà di Teologia di Lugano. E’ autore di numerosi volumi Filosofia Morale :Etica della comunicazione , Etica delle nuove tecnologie, Filosofia delle religioni.
“Viviamo immersi nell’ambiente creato dalle nuove tecnologie Internet, smartphone ecc.Sono ciò di cui facciamo costantemente uso, ma a volte con il dubbio di non essere tanto noi ad utilizzare questi apparecchi ma di esserne utilizzati”.
Il prof. Fabris insieme alla prof.ssa Floridia spiegherà il nostro rapporto con le nuove tecnologie e su come possa essere realizzato eticamente e su come l’ agire comunicativo richieda di essere definito ,regolato, orientato.
Leggi tutto
TELERADIO REGIONE S.R.L., società a socio unico soggetta a direzione e coordinamento della Filgest srl, 97015 Modica – S.P. 74 km 0+400 C.da Cava Gucciardo – C.F. e P.IVA 00209070895 – Capitale Sociale Euro 2.255.000 i.v. - CCIAA / REA Ragusa 110483 – Testata Giornalistica igiornalidisicilia.it nr. 3/2012 del 26.04.2012 Tribunale di Modica