fotogruppo Modica

Modica, avviato il servizio civile per sei giovani

MODICA (di Elisa Montagno) – E’ stato avviato il progetto “Il mio museo…il nostro museo!” del servizio civile nazionale che vede impegnati sei giovani (tre ragazze e tre ragazzi) per un anno al Museo “F.L. Belgiorno” del palacultura.
L’iniziativa è stata presentata alla stampa questa mattina nella sala “Giorgio Spadaro” di Palazzo San Domenico alla presenza del sindaco, Ignazio Abbate, dell’assessore alla Cultura, Maria Monisteri e dal presidente dell’agenzia per il lavoro “Mestieri di Sicilia”, dr. Aurelio Guccione nonché presidente del Consorzio Città Solidale.
L’obiettivo che si propone il progetto, come ha evidenziato lo stesso dr. Aurelio Guccione, è quello di migliorare la fruizione e la qualità dell’offerta, operando sul fronte della conservazione, cura delle collezioni e dei materiali e sul piano della divulgazione, produzioni di iniziative e promozione.
I sei giovani (Domenico Alecci, Salatore Alecci, Gabriele Aparo, Grazia Lucifora, Vittoria Melilli, tutti di Modica e Sonia Asta di Scicli) sono stati reclutati dopo una selezione operata da Confcooperative, ente accreditato per il servizio civile di prima classe attraverso la sede locale di ente accreditato consorzio la “Città Solidale” di Ragusa
“I ragazzi avranno un’occasione importante per la loro vita formativa, commenta Maria Monisteri, potendo svolgere una serie di attività di studio e di divulgazione nel nostro Museo dimostrando peraltro anche il senso di appartenenza alla città e al suo territorio. I nostri ambiti culturali hanno bisogno dell’impiego di giovani entusiasti che hanno tanto voglia di lavorare e rendersi utili alla collettività”.
L’attività prevede anche l’accoglienza del pubblico, allestimento di mostre temporanee, visite guidate al museo e soprattutto valorizzare il ruolo sociale del museo e dei suoi servizi e dell’importanza che esso riveste nel tessuto cittadino.
“Sarà per i giovani un’esperienza esaltante, commenta il sindaco, per la loro formazione e il loro futuro in un settore strategico per la città come quello dei beni culturali, peraltro in piena espansione atteso che in questi anni abbiamo scelto di sviluppare ambiti di grande prestigio oggi unificati nel polo museale del Palacultura.Una politica che guarda con grande attenzione agli sviluppi di Cava Ispica dove diversi milioni di euro saranno impiegati, alla fruizione prossima del Castello dei Conti, alla partecipazione delle Fiere internazionali dove Modica e il patrimonio artistico e culturale saranno in bella mostra”.
Al termine del periodo di Servizio Civile sarà rilasciato apposito attestato valido ai fini del curriculum vitae con il riconoscimento delle capacità dimostrate.
Leggi tutto
luna pazza spettacolo

Pirandello incontra le sue creature letterarie al Teatro Garibaldi di Modica

MODICA (di Elisa Montagno) – In una notte illuminata da una luna strana, le creature pirandelliane fanno visita al loro ideatore, in cerca di una sorte diversa che le liberi dal loro destino letterario. Si avvicina un altro imperdibile appuntamento con la stagione di prosa del Teatro Garibaldi con “Luna pazza”, uno spettacolo spiazzante, creativo, originale, scritto da Gaetano Aronica che ne è anche regista, insieme a Marco Savatteri. Venerdì 22 febbraio, alle ore 21.00 sul palco del teatro modicano un cast di 22 attori, un pianoforte, un letto gigantesco e costumi particolarissimi. A illuminare la scena una luna suggestiva, sentore dell’arrivo di una notte diversa. Lo scoprirà bene un assonnato Luigi Pirandello, costretto a fare i conti con la follia dei suoi personaggi, pronti a chiedergli una qualche libertà dalle pagine in cui sono esiliate. Lacrime, sorrisi, drammi incalzanti, richieste serrate: attraverso i suoi figli letterari, Pirandello sarà alla fine costretto ad un viaggio introspettivo tra l’amore, la vita, la morte e il dolore.
Lo spettacolo è una produzione del Teatro Pirandello di Agrigento e fa parte della stagione di prosa diretta da Giovanni Cultrera, sovrintendente Tonino Cannata.
Leggi tutto
Teatro Garibaldi Modica

Emoziona l’Orchestra del Bellini di Catania al “Garibaldi” di Modica

MODICA (di Elisa Montagno) – Vibra l’aria del Teatro Garibaldi di Modica sotto le note dell’Orchestra del Teatro Massimo Bellini di Catania, eccezionalmente diretta da Günter Neuhold, che ieri ha regalato una serata di prestigio assoluto con il concerto n.3 op.37 in do minore di Beethoven. La stagione musicale, diretta da Giovanni Cultrera, sovrintendente Tonino Cannata, ha nuovamente colpito il cuore del pubblico presente, in un teatro strapieno, offrendo un appuntamento certamente da ricordare, che ha segnato il quinto ritorno sul palco del teatro modicano per la prestigiosa orchestra etnea, per l’occasione accompagnata anche dal pianista Alberto Ferro, vincitore dell’International Beethoven Bonn Piano Competition e colonna artistica della Rachmaninov Academy di Epifanio Comis, che ha deliziato i presenti con una coinvolgente esecuzione della Sinfonia n.7. Emozionato e rapito, il pubblico si è abbandonato alle note del grande compositore. Bravissimi i professori dell’orchestra, magnificamente diretti dal maestro Neuhold, che per la quinta volta hanno riempito la scena con un’esibizione che ha fermato il tempo. Soddisfatti il direttore artistico Cultrera e il sovrintendente Cannata, per la risposta del pubblico, che ha fatto registrare ancora un tutto esaurito, e per la centralità che il Teatro Garibaldi ha ormai raggiunto nel panorama culturale siciliano.
Il prossimo appuntamento per la stagione di musica è per sabato 2 marzo con Cenerentola con la Compagnia danza contemporanea ITAI, mentre il calendario di prosa proseguirà venerdì 22 febbraio con lo spettacolo “Luna pazza” di Gaetano Aronica con la Compagnia del Teatro Pirandello di Agrigento.
Leggi tutto
cardiologie aperta

Incontro “Cardiologie aperte” a Ragusa

RAGUSA (di Elisa Montagno) – Partecipata iniziativa quella che si è svolta in occasione della settimana di cardiologie aperte a Ragusa, a cura dell’Asp e del volontariato. La settimana delle “Cardiologie aperte” è un’iniziativa dell’Associazione Nazionale dei Medici Cardiologi Ospedalieri – ANMCO – che ha lo scopo di avvicinare i cittadini alla Cardiologia, al fine di “educarli” alla prevenzione e ai corretti stili di vita, come punto di partenza per ridurre il rischio cardio-vascolare.
La Cardiologia di Ragusa ha aderito all’iniziativa “Cardiologie Aperte”, organizzando un incontro congiunto tra due Associazioni di Volontariato: “Amicuore” e Aiad – Associazione Italiana Assistenza Diabete – che ha visto la partecipazione di Antonino Nicosia, direttore della Cardiologia di Ragusa, e di Raffaele Schembari, dirigente medico della UOC di Medicina di Ragusa, moderati dalle presidenti delle Associazioni “Amicuore”, Lucia Ingarao, e Aiad, Gianna Miceli.
«Ci capita troppo spesso di scoprire in Unità Coronarica che i pazienti, giunti da noi per un infarto miocardico acuto, erano diabetici, che non sapevano di esserlo», riferisce Nicosia, «ed è questa la ragione per cui abbiamo voluto coinvolgere il dottore Schembari e l’Associazione dei diabetici»”.
Durante l’incontro, infatti, Schembari ha discusso dei segni precoci dell’insorgenza del diabete, nonché delle sue possibili complicanze, invitando a non sottovalutare i sintomi iniziali e a trattare precocemente i rialzi di glicemia e il diabete. e i volontari dell’associazione hanno eseguito i controlli gratuiti della glicemia.
La Cardiologia si è, invece, concentrata sui segni e sintomi dell’infarto miocardico acuto e delle iniziative di telecardiologia che sono oggi una realtà presso la Cardiologia, sia per i pazienti con sospetto infarto miocardico acuto che per i pazienti con scompenso cardiaco cronico. E’ per questo intervenuta Giovanna Mezzasalma – tecnico di Cardiologia – che sta svolgendo un progetto sperimentale di telecardiologia per i pazienti con scompenso cardiaco cronico: i pazienti, cioè, vengono dotati gratuitamente di apparecchi di misurazione di pressione, di pulsi-ossimetri e di bilance, collegati telematicamente ai computer della Cardiologia, dove i tecnici possono cogliere precocemente i segni di possibile scompenso, riferire i pazienti precocemente ai Cardiologi ed evitare in questo modo le ospedalizzazioni prolungate tipiche di questo gruppo di pazienti.
Tra le due Associazioni è emersa la volontà di continuare il percorso di collaborazione e impegno all’interno dell’Asp per sostenere iniziative rivolte all’informazione e alla prevenzione.
Leggi tutto
conferenza stampa comune di modica

Appuntamenti culturali di grande valore per Modica

MODICA (di Elisa Montagno) – “TourismA” rappresenta una vetrina internazionale dell’archeologia votata a quel turismo culturale per il quale questo ente continua a dedicare attenzione e risorse. A Cava Ispica, sito archeologico per antonomasia, sono stati programmati interventi per quasi nove milioni di euro e il salone che si terrà a Firenze al Palazzo dei Congressi dal 22 al 24 febbraio sarà l’occasione per la città per dare consistenza a questa nostra scelta illustrando quello che abbiamo e quello che faremo da qui ad un futuro prossimo.
Saremo presenti con uno stand e uno spazio dove parleremo di archeologia, architettura, paesaggio e di Quasimodo, premio Nobel per la letteratura e figlio della nostra città. Percorreremo altre vie che non siano il tardo barocco e la nostra cioccolata che sarà comunque presente con una sua degustazione”.
Questo è quanto dichiarato dal sindaco, Ignazio Abbate, al termine della conferenza di presentazione di due iniziative culturale di ampio respiro: TourismA (salone di archeologia e turismo culturale) e l’inaugurazione di tre stanze al PalaCultura con le collezioni storiche (lumi, armi risorgimentali e libri antichi), sabato 16 febbraio alle ore 17.30.
TourismA è ormai diventato un appuntamento canonico. Modica si presenta a Firenze con un patrimonio di testimonianze e d’idee che saranno illustrate, venerdì 22 febbraio p.v. dalle ore 15.45 alle ore 18.30 nella sala Onice del Palazzo dei Congressi. “Modica oltre il Barocco – storie di archeologia, Architettura, Paesaggio e… Quasimodo- ” è il tema che registrerà i saluti del sindaco Ignazio Abbate e gli interventi dell’assessore alla Cultura, Maria Monisteri, di Catia Bernava, responsabile della collezioni del Museo di Modica, del Prof. Giovanni Di Stefano, direttore del Polo Museale di Ragusa e direttore onorario del Museo di Modica. Sull’argomento parleranno Massimo Cultraro dell’Università di Palermo e ricercatore del CNR nonché Marcella Pisani dell’Università “Tor Vergata” di Roma.
“Presenteremo a Firenze, commenta l’assessore alla Cultura Maria Monisteri, una stratificazione millenaria e culturale del territorio della nostra città. Dall’archeologia, al tardo barocco, al cioccolato ma anche quello dei personaggi illustri, come Salvatore Quasimodo che ebbe i suoi natali a Modica nel 1901. A Firenze, grazie ad una brochure, ci troveremo di fronte in una Modica vista a trecentosessanta gradi, con la Casa Natale di Salvatore Quasimodo, con la Stanza della Poesia, con il Museo Civico “F.L.Belgiorno” con il Museo “Tommaso Campailla”, con il Chiostro di Santa Maria del Gesù, con la Chiesetta S.Nicolò Inferiore. Un panorama di straordinaria bellezza e singolarità.
A Modica parleremo della storia recente con l’inaugurazione di tre nuove stanze del Museo che riguarderà le collezioni storiche. E’ stato fatto un grande lavoro di squadra e ringrazio quanto reso possibile questi eventi”.
Modica e Cava Ispica saranno ancora al centro sabato 23 febbraio nel corso del 15° incontro nazionale di Archeologia Viva quando il prof. Giovanni Di Stefano parlerà nell’Auditorium della Palazzo dei Congressi alle ore 9,15 su: “I giovani e lo sport nella Sicilia ellenistica, un ginnasio nel magnifico scenario rupestre di Cava Ispica”.
“Il Museo Civico di Modica, commenta il suo direttore Giovanni Di Stefano, si propone a Firenze ad un pubblico internazionale e avremo la possibilità per due ore e mezza di illustrarne le ricchezze grazie alla presenza di studiosi e dell’assessore regionale alla Cultura, Sebastiano Tusa.
Sarà questa l’occasione per presentare tutte le offerte museali che la città propone e tutte allocate nel grande sito del Palacultura.
Saranno rievocati sia Quasimodo che i grandi antenati della preistoria siciliana che hanno a che fare con le offerte museali di Modica. La città e tutti i suoi musei saranno “Modica oltre il Barocco”.
Alla conferenza stampa hanno partecipato anche il vice sindaco, Rosario Viola, il presidente del Consiglio comunale, Carmela Minioto,i consiglieri di maggioranza Giammarco Covato e Alessio Ruffino e la signora Catia Bernava.
Leggi tutto
ragusanodop

Ragusano Dop, l’impegno del Consorzio di tutela

 RAGUSA (di Elisa Montagno) – Per la preparazione del bilancio 2018 si è riunito a Ragusa il Consiglio di Amministrazione del Consorzio di Tutela del Ragusano Dop. La riunione, oltre che per gli adempimenti statutari, è stata utilizzata per fare il punto sulla attività del Consorzio e per fare un consuntivo sugli obbiettivi raggiunti e soprattutto per programmare le tante iniziative che, da qui in avanti, impegneranno la struttura consortile e l’intera filiera e quanti, direttamente od indirettamente interessati, nell’ambito della stessa investono, lavorano, occupano e producono e contribuiscono all’affermazione di un prodotto di grande qualità e di straordinario valore quale è il “ragusano dop”.
L’aver ottenuto dal Ministero delle Politiche Agricole il riconoscimento di legge, la pubblicazione del nuovo disciplinare (che introduce fra l’altro l’etichetta), la nomina degli agenti vigilatori, e di tutto ciò che occorre per lo svolgimento, a pieno titolo, dell’attività istituzionale prevista dalle vigenti norme comunitarie e nazionali, ha messo il Consiglio nelle condizioni di elaborare una serie di proposte e di iniziative tese ad intensificare l’attività di tutela, di promozione e di vigilanza del consorzio. Il tutto sarà presentato entro il corrente mese all’Assemblea dei Soci che dovrà pronunciarsi nel merito e dovrà contestualmente approvare il regolamento che dovrà orientare il comportamento dei singoli operatori della filiera per una uniforme presentazione del prodotto nelle fiere, nei momenti espositivi, nei mercati nel rapporto coi consumatori.
Il lavoro fatto non potrà non dare i suoi frutti. E se i livelli produttivi si confermano incoraggianti (nonostante la persistente crisi del settore zootecnico), non può essere sottovalutato il fatto che altri caseificatori ed altri produttori di latte avente le caratteristiche richieste per la produzione del “ragusano dop”, hanno chiesto di far parte del Consorzio e sono stati ammessi, iscritti nel libro dei soci e sono stati autorizzati a produrre il formaggio destinato ad essere marchiato con la denominazione di origine protetta.
“Le difficoltà non mancano ma i risultati conseguiti fanno ben sperare – ha sottolineato il direttore del Consorzio Enzo Cavallo – La competizione sui mercati è sempre più difficile e per contrastare la concorrenza occorre puntare sulla qualità offrendo prodotti del nostro territorio, garantiti, tracciabili e facilmente riconoscibili. Il nostro lavoro è stato finalizzato a questo e con la modifica del disciplinare di produzione con la quale viene regolata la commercializzazione del “porzionato” e del “grattuggiato” e l’introduzione della “etichetta”, credo che abbiamo in mano tutti gli elementi per lanciare meglio il ragusano sui mercati e per meglio garantire i consumatori” .
Leggi tutto
raccolta dle farmaco

Anche in provincia di Ragusa si è svolta la Giornata di raccolta del farmaco

RAGUSA (di Elisa Montagno) – Si è svolta in tutta Italia la XIX edizione della Giornata di Raccolta del Farmaco. In 104 Province, nelle oltre 4.500 farmacie che aderiscono all’iniziativa e ne espongono la locandina, è stato possibile, grazie alle indicazioni del farmacista e all’assistenza di circa 20.000 volontari, acquistare uno o più medicinali da banco da donare alle persone indigenti. I farmaci acquistati saranno consegnati direttamente agli oltre 1.700 enti assistenziali convenzionati con la Fondazione Banco Farmaceutico onlus.
In provincia di Ragusa hanno aderito 10 farmacie dove i volontari del Banco Farmaceutico, grazie alla grande sensibilità dimostrata dai cittadini, hanno raccolto circa 800 farmaci che saranno distribuiti ad alcuni enti caritativi del territorio: l’Associazione “Salvuccio Agosta”, la Caritas di Ragusa e la Caritas Diocesi di Noto nei centri di aiuto di Modica e Pozzallo.
I 70 volontari che hanno collaborato fanno parte dell’associazione “Salvuccio Agosta”, della Caritas e della Chiesa dei Mormoni, a cui si sono affiancate altre persone che sono state invitate a collaborare e hanno dato gratuitamente la loro disponibilità.
Leggi tutto
Orchestra Bellini Catania

L’Orchestra del Teatro Bellini di Catania al Teatro Garibaldi di Modica

MODICA (di Elisa Montagno) – Per la quinta volta sul palco del Teatro Garibaldi di Modica, in una serata di altissima risonanza. Domenica 17 febbraio, alle ore 19.00, nuovo appuntamento con l’Orchestra del Teatro Massimo Bellini di Catania, ospite della stagione musicale della Fondazione Teatro Garibaldi, con la direzione artistica di Giovanni Cultrera, sovrintendente Tonino Cannata. Diretta per l’occasione dall’eccelsa bacchetta internazionale di Günter Neuhold, la prestigiosa orchestra si esibirà nel Concerto n.3 op.37 in do min. di Beethoven, con il famoso pianista solista Alberto Ferro, colonna artistica della Rachmaninov Academy di Epifanio Comis e vincitore dell’International Beethoven Bonn Piano Competition. Una serata di pregio assoluto dedicata a una delle opere più centrali della produzione del noto compositore internazionale. Scritto tra il 1800 e il 1803, il concerto segna il superamento del gusto settecentesco e l’affermarsi di nuovi scenari estetici, grazie alla forza propulsiva della dialettica beethoveniana e all’emancipazione del ruolo del solista con vigoroso virtuosismo. “Nell’“Allegro con brio” il piglio marziale del primo tema – commenta nella nota di sala la professoressa Melù Anastasio, presidente della “Rachmaninov Academy” – è enfatizzato dall’entrata del solista in doppie ottave, mentre nel “Largo”, ogni tensione si placa con una trama di arabeschi sonori. La spavalda esuberanza del pianoforte, nel “Rondò” finale, trascina l’orchestra in una disputa di danzante brillantezza fino al trionfale congedo in do maggiore. La Settima Sinfonia, considerata da Wagner “l’apoteosi della danza”, abbandona le istanze eroiche delle Sinfonie n.3 e 5 per celebrare il tripudio di una gioia luminescente. Il primo movimento è solenne e al contempo gioioso, mentre l’“Allegretto” esordisce con melodie malinconiche e dolenti. Il finale – conclude la nota di sala – sigla l’autoaffermazione di una vitalità superba e gloriosa, che scongiura i fantasmi esistenziali, in primis quelli personali del compositore”.
Leggi tutto
Sharon Lorefice e sindaco Ignazio Abbate

Modica festeggia la sua Miss Europa

MODICA (di Elisa Montagno) – Miss Europa Sharon Lorefice ha incontrato il sindaco di Modica, Ignazio Abbate, che l’ha omaggiata con un mazzo di fiori per complimentarsi ufficialmente a nome della Città per il prestigioso traguardo raggiunto. Si è aperta così la serata organizzata ieri in un noto locale modicano per celebrare la vittoria della 17enne modicana nel popolare concorso di bellezza. La sala, gremita di amici e parenti, ha tributato ad una emozionatissima “Miss” il giusto tributo per quello che ha fatto. La sua bellezza, i suoi riccioli hanno conquistato la giuria che le ha consegnato fascia e corona. “Ci tenevo ad essere presente – ha dichiarato il Primo Cittadino – perché il risultato raggiunto dalla nostra concittadina meritava un festeggiamento particolare. Oltre alla bellezza, quella è sotto gli occhi di tutti, Sharon ha vinto anche per come è dentro, per il suo acume e per la sua intelligenza. Le auguro la migliore carriera possibile in questo campo che ha scelto per il suo futuro. E naturalmente i complimenti vanno anche ai genitori per come l’hanno saputa crescere ed educare”.
Leggi tutto
GALELORO

Finanziati progetti per 200 milioni ai Gal Siciliani

Noto ( di Enzo Alabiso) – La Regione Siciliana ha data il via libera al finanziamento di 200 milioni di euro destinati ai progetti di promozione , gestiti dai 22 Gal Siciliani.
Lo ha riferito il Presidente della regione siciliana Nello Musumeci, durante la conferenza stampa di presentazione
del Padiglione Sicilia alla Borsa Internazionale per il Turismo svoltasi a Milano.
Trattasi di fondi del progetto Leader, dell’ Unione Europea,  per la promozione turistica e dei siti culturali ed archeologici della Sicilia.
Un boccata di ossigeno per il territorio siciliano affinche si possa finalmente valorizzare la cultura ed i siti archeologici che per tanto tempo, a causa di mancanza di risorse economiche  e di  limitata pianificazione  e programmazione,non ha avuto uno sviluppo concreto.
Sarà necessario però predisporre dei progetti esecutivi, coinvolgendo  tutti gli addetti del settore , compresi ristoratori ed i rappresentanti delle categorie produttive. , con l’ obiettivo di intercettare i flussi turistici nazionali ed internazionali per icentivarli   a visitare la Sicilia.
Una ricchezza non indifferente per rilanciare tutta l’ economia  siciliana ; con la la speranza che siano risorse spese bene per l’ utilità ed il bene di tutta la collettività.
Leggi tutto
TELERADIO REGIONE S.R.L., società a socio unico soggetta a direzione e coordinamento della Filgest srl, 97015 Modica – S.P. 74 km 0+400 C.da Cava Gucciardo – C.F. e P.IVA 00209070895 – Capitale Sociale Euro 2.255.000 i.v. - CCIAA / REA Ragusa 110483 – Testata Giornalistica igiornalidisicilia.it nr. 3/2012 del 26.04.2012 Tribunale di Modica