associazione il filo della vita

Modica, conferenza dell’ Associazione “Il Filo della Vita”

MODICA (di Elisa Montagno) – Sotto il patrocinio del Comune di Modica l’auditorium ”Triberio” ha ospitato il convegno organizzato dall’Associazione “Il Filo della vita”, un organismo creato nel 2015 a Catania da un gruppo di donne che hanno attraversato l’esperienza del tumore al seno e che svolge un’opera di sensibilizzazione e prevenzione del CA mammario sui territori regionale e nazionale.
La conferenza è stata aperta dal Direttore del Consorzio del Cioccolato di Modica, Nino Scivoletto, che ha preliminarmente ringraziato la socia modicana della Associazione, Maria Rando Cannata, anticipando che il Consorzio sarà sempre a fianco dell’ Associazione e auspicando che l’evento possa segnare l’apertura della sezione del Filo della Vita a Modica. Scivoletto ha portato i saluti del Sindaco Ignazio Abbate, impedito da precedenti impegni istituzionali. Sono proseguiti quindi gli interventi programmati.
La Presidente dell’Associazione Enza Marchica ha sottolineato come il cancro sia una malattia che entra violentemente nella vita e ne interrompe bruscamente la continuità inducendo un profondo senso di incertezza e di impotenza. Chi riceve una diagnosi di tumore deve fare i conti anche con questi timori, che sono parte integrante della malattia. Per combattere tutto ciò è bene non essere soli. L’associazione il filo della vita ha tantissimi progetti creati per dare sostegno alle socie in cura ma si occupa anche di prevenzione quindi accoglie moltissime donne che vogliono prevenire l’insorgenza della malattia.
Il Dottore Francesco Caruso – Direttore del Dipartimento dell’Humanitas Centro Catanese Oncologico nonché Responsabile della U.O. Chirurgia Oncologica |Clinical Director Breast Centre Humanitas Catania, ha trattato il tema “La Breast Unit: Un nuovo modello organizzativo per curare al meglio i tumori al seno”. I centri di senologia multidisciplinari – in inglese Breast Units – rappresentano lo stato dell’arte nella cura e assistenza di chi affronta un tumore al seno. La Breast Unit è una conquista importante che nel trattamento del tumore al seno ha fatto la differenza per la vita di chi ne è colpito perché garantisce per ogni paziente un trattamento multidisciplinare, ovvero l’intervento di più professionisti con specializzazioni diverse che si interessano in contemporanea dello stesso caso. Il dott. Caruso ha auspicato che la Regione Sicilia possa percorrere il cammino più corretto per la creazione di una forte e competente “Rete Senologica”, tutto ciò nell’interesse unico delle nostre Donne già colpite da tumore alla mammella o di quelle che potrebbero esserlo in futuro.
A seguire la relazione della dott.ssa Rosanna Aiello, oncologo medico responsabile degenza oncologia medica Humanitas di Catania, che ha parlato agli intervenuti di prevenzione e dello stato attuale delle Opzioni Diagnostiche a nostra disposizione partendo dal presupposto che la Prevenzione è la prima vera arma vincente. Le cause di tumore sono note: fumo, alcool, alimentazione ricca di proteine e povera di fibre, vita sedentaria, sovrappeso, familiarità, fattori legati all’ambiente ed alla professione, ed altri ancora, tra cui l’allungamento significativo della vita. Fortunatamente, però, in contrasto con questi dati inquietanti, la mortalità per cancro sta diminuendo, lentamente ma progressivamente. Essendo però il tumore della mammella la neoplasia più frequente nelle donne e che rappresenta la prima causa di morte per tumore nelle donne, le ha invitatea adottare corretti stili di vita per proteggersi contro il rischio di malattia.
In conclusione, il Consorzio, nel salone Principe Ranieri di Monaco del Museo del Cioccolato, ha offerto una degustazione di cioccolato di Modica in abbinamento con il moscato di Noto di Rudinì, mentre gli amanti del non alcolico hanno potuto apprezzare le bibite Polara della serie “Antica Ricetta Siciliana”. Un ringraziamento anche alle Aziende consortili Antica Dolceria Rizza, Dolce Arte, Casalindolci, Nacrè ,Peluso, Di Lorenzo e Corallo che in collaborazione con Callebaut hanno donato le prime 100 barrette di Cioccolato di Modica, con incarto dedicato, il cui ricavato della vendita è stato destinato interamente alla Associazione.
Leggi tutto
cioccolato

Il Consorzio di Tutela del Cioccolato di Modica all’Open Day del nuovo catamarano della Virtu Ferries

MODICA (di Elisa Montagno) – Ieri nel terminal Virtu Ferries del porto di La Valletta, è stato proprio il cioccolato di Modica a dare il benvenuto ai tanti visitatori, operatori turistici e rappresentanti istituzionali che hanno visitato il nuovo catamarano che collegherà Malta con la Sicilia; Il SAINTJOHN PAUL II è il secondo catamarano più grande al mondo.
Ai visitatori è stato offerto in degustazione il mitico cioccolato di Modica Igp, prodotto per l’occasione da otto imprese consortili. Come di consueto il cioccolato di Modica è stato proposto in abbinamento con il Moscato di Noto, Baroque, della cantina Rudinì.
A curare la degustazione il sommelier Giorgio Solarino, della Enoteca Sotto San Pietro, coadiuvato da Daniele Pavone e dagli allievi dell’Istituto Alberghiero Principi Grimaldi di Modica.
Per l’occasione il Museo del cioccolato di Modica ha lanciato l’iniziativa: Viaggi con Virtu Ferries? Visita il Museo con lo Sconto del 50%.
Il Museo del cioccolato di Modica, come è noto, ha dedicato una sala a Malta, nella quale è collocato il basso rilievo in cioccolato, opera dell’artista Piero Puglisi, inaugurato a Chocomodica 2014 dal Sindaco di Modica Ignazio Abbate alla presenza del Presidente del Parlamento di Malta Angelo Farrugia e del Commissario Unesco Raymond Bondin.
Leggi tutto
maschere_carnevale

Carnevale a suon di musica a Modica

MODICA (di Elisa Montagno) – Modica festeggia il carnevale e per l’occasione si tornerà a ballare sotto le stelle di Piazza Matteotti. Dopo lo straordinario successo dello scorso anno che ha visto fiumi di giovanissimi inondare il centro storico della città, domenica 3 Marzo, dalle 21.30, si ballerà sulle note di un music show speciale per festeggiare a suon di musica. Live session con Dave, giovane cantante emergente che delizierà il pubblico con la sua voce, la serata continuerà con il warm-up The Twister e l’imperdibile Discoteca live con Tony Cannizzaro, Giovanni Veca e Ivan Cappello, accompagnati dalla voce di Max Garrone. Per l’occasione i negozi del centro storico resteranno aperti per tutti coloro che desiderano approfittarne. Modica è pronta con il carnevale.
Leggi tutto
euroform

Modica, gli studenti Euroform “onorevoli ” per un giorno

MODICA (di Elisa Montagno) – Esperienza molto significativa per gli studenti della scuola Euroform di Modica che oggi sono stati ospiti a Montecitorio per assistere alla seduta della Camera dei Deputati. I 60 studenti dell’istituto superiore accompagnati dal dirigente scolastico Rosario Salamone e dai docenti Roberta Cordeschi e Giuseppe Ragona, sono stati accolti dal parlamentare Nino Minardo. Il rappresentante ibleo ha spiegato agli studenti gli aspetti più significativi della attività parlamentare, il funzionamento delle sedute e delle votazioni. Subito dopo i ragazzi di Euroform hanno assistito al dibattito in aula su alcuni emendamenti costituzionali e non hanno risparmiato domande e curiosità durante la visita delle stanze più importanti di Montecitorio, visto che già tra i banchi studiano diritto. Al termine della visita l’emozione sui volti dei giovani studenti era tanta e sicuramente la loro visita è servita ad avvicinare un po’di più i giovanissimi al mondo della politica.
Leggi tutto
Ignazio Abbate

Modica, emergenza Blue Tongue, il Sindaco chiede l’intervento della Regione

MODICA (di Elisa Montagno) -“La scoperta di un nuovo sierotipo della Blue Tongue in un’azienda agricola di Ragusa sta avendo delle ripercussioni gravissime su tutto il comparto della zootecnia iblea. Per scongiurare tale pericolo ho scritto al Presidente della Regione e agli assessorati competenti per chiedere un loro autorevole intervento a supporto di quella che è una delle principali branche della nostra economia”. A parlare è il Sindaco di Modica, Ignazio Abbate, dopo il blocco della movimentazione dei bovini per un raggio di 100 km dalla cosiddetta azienda sentinella (aziende scelte per i controlli periodici delle epidemie) a seguito della scoperta di un nuovo sierotipo denominato “4” per il quale è molto difficile trovare vaccini, visto che quelli già in uso per gli altri sierotipi si rivelano inefficaci per il nuovo. “Ormai è diventata insostenibile per la zootecnia da carne siciliana ed iblea in particolare la questione riguardante i blocchi della movimentazione degli animali. Un comparto, quello da carne, che sta conquistando mercati anche fuori dall’Italia si vede periodicamente beffato da una gestione della presenza del virus Blue Tongue che, completamente innocuo per l’uomo, ne limita la crescita anche in presenza di potenziali mercati che vengono ad essere acquisiti da altri territori dove non esiste (o non si vuole fare esistere) questo problema. Attualmente gli animali possono essere movimentati solo per il trasporto al macello senza possibilità di commercializzazione verso altri mercati. Decine di aziende hanno dovuto disdire contratti già firmati andando incontro alle penali oltre che al mancato guadagno senza una palese giustificazione. Ormai la pazienza dei nostri allevatori è stata sin troppo messa alla prova quindi chiedo al Governo Regionale di attivarsi attraverso una conferenza Stato/Regione per cambiare le norme attuali che non giustificano provvedimenti così drastici a fronte di un problema sanitario che non ha mai creato problemi e che, anche scientificamente, incomincia a scricchiolare”.
Leggi tutto
maltempo

Maltempo in tutta la Sicilia

PALERMO  (Giulia di Martino) – La  Sicilia resta  nella morsa del maltempo. Fino alle 24 di stasera si registra un alto livello di criticità in tutta l’isola. Rischio idrogeologico e idraulico per temporali nei Comuni  del versante tirrenico e  ionico. Le precipitazioni infatti saranno intense per tutto la giornata a prevalente carattere temporalesco specie sui settori settentrionali e orientali. I fenomeni sono accompagnati da rovesci di forte intensità locali, grandinate e forti raffiche di vento con  mareggiate lungo le coste esposte.  La zona occidentale della Sicilia già da stanotte è stata fortemente colpita dal maltempo. Allagamenti e interventi dei vigili del fuoco nella parte orientale di Palermo. La pioggia caduta intensamente ha provocato disagi agli automobilisti nella zona di via Messina Marine, via Imera, corso Re Ruggero, la zona dell’ospedale Policlinico e in viale Regione Siciliana. Diversi gli interventi dei pompieri per liberare gli automobilisti bloccati dentro le auto con l’acqua che rischiava di entrare dentro l’abitacolo. Le abbondanti piogge stanno creando allarmi anche in provincia di Palermo. Il torrente Milicia che la notte del 4 novembre scorso straripò uccidendo nove persone che si trovavano nella zona in una villetta abusiva torna a farsi minaccioso. Anche questa mattina i vigili del fuoco sono nella zona per assistere diversi automobilisti bloccati e per cercare di monitorare l’area. Interventi per allagamenti anche a Misilmeri, Ficarazzi e a San Giuseppe Jato. Allerta meteo anche a Trapani dove è stata disposta la chiusura delle ville comunali. Disagi sulla A18, Catania-Messina.  La forte pioggia caduta nella notte ha creato delle buche nell’asfalto che hanno provocato danni a diverse automobili.  Per mettere in sicurezza la strada e’ stato chiuso lo svincolo di Taormina e bloccato il tratto tra Giardini Naxos e Roccalumera, in direzione Catania-Messina. I lavori  sono  ancora in corso per il ripristino della circolazione. Nel catanese molte scuole  oggi sono rimaste chiuse. A causa dell’allerta diramata dalla protezione civile i  Comuni di Mascali, Aci Catena, Calatabiano, Valverde e Aci Castello, nel Catanese, hanno deciso di sospendere le lezioni. Un’ora abbondante di pioggia è servita ad allagare interi quartieri a Siracusa, Decine le chiamate di soccorso ai vigili del fuoco per allagamenti soprattutto nei piani bassi. Situazione critica anche a Floridia e Solarino e nella zona sud, da Avola a Noto, fino Pachino. Domani la situazione migliora.  Cieli saranno in prevalenza poco o parzialmente nuvolosi per l’intera giornata, non sono previste piogge.

 

Leggi tutto
APPUNTAMENTO QUASIMODO

Al Caffè Quasimodo di Modica si presenta “Ciciri” di Sandra Guddo

MODICA (di Elisa Montagno) – “Ciciri”. Racconti di terra di Sicilia”: è questo il titolo del libro della scrittrice palermitana Sandra Vita Guddo, che sarà presentato nell’VIII “sabato letterario” del Caffè Quasimodo di Modica, che si terrà alle ore 17,30 al Palazzo della Cultura il prossimo 9 febbraio, nel quadro della Stagione culturale 2018-2019 del circolo culturale modicano.La serata, dopo l’introduzione di Domenico Pisana, Presidente del Caffè Letterario Quasimodo, vedrà l’intervento di Antonio Licata, critico letterario e prefatore del volume, nonché fondatore dell’Università Popolare di Palermo. Gli attori Giovanna Drago e Giovanni Blundetto, della Compagnia Teatrale “I Caturru” di Scicli, leggeranno brani dei racconti , mentre intermezzi musicali, a cura del “Duo Coppola”, composta da Enza Strazzulla alla chitarra, e Giuseppe Coppola alle percussioni, arricchiranno la serata.
“ Sandra Vita Guddo – afferma Domenico Pisana – è una scrittrice di talento che nei suoi 14 racconti riesce nell’intento di offrire ai lettori, particolarmente ai giovani, uno scenario di episodi che fanno parte della nostra cultura siciliana, con una narrazione che intreccia fantasia e realtà, e con riferimenti a personaggi storici realmente vissuti. L’autrice ci dà uno spaccato interessante della Sicilia riportando sulla pagina storie che partono dal 1282 arrivando fino ai nostri giorni”.
Sandra Vita Guddo, laureata in Scienze Umane, ha insegnato nei Licei e negli Istituti Professionali. Attualmente è Presidente dell’Università Popolare di Palermo ed editor del blog letterario Unicult.it – Ha pubblicato “Tacco 12.Storie di ragazzi di periferia.” Organizza eventi, tiene corsi di scrittura creativa, scrive articoli e recensioni per riviste letterarie.
culturale 2018-2019 del circolo culturale modicano.
Leggi tutto
teatro Garibaldi

Raimondo Todaro conquista il Teatro Garibaldi di Modica

MODICA (di Elisa Montagno) – Con l’ennesimo sold out la Fondazione Teatro Garibaldi acclama una commedia musicale divertente e a tratti intensa, con un bravissimo Raimondo Todaro che ancora una volta dà prova della sua abilità di artista. Sabato sera un altro grande successo per la stagione musicale diretta da Giovanni Cultrera, sovrintendente Tonino Cannata, con la messa in scena di “Save the Cotton’s”, scritta da Fausto Monteforte e Daniele Caruso, trinomio bilanciato di danza, canto e recitazione. Accanto al protagonista Todaro nei panni dell’affascinante Ray Cotone, la maestria della Compagnia Artisti del Sud, esclusivamente formata da artisti siciliani, che ha saputo ricreare la magica atmosfera della Broadway dei vecchi tempi grazie ad un affiatamento evidente creato dalla magistrale regia di Gisella Calì. Il pubblico entusiasta si è divertito a lasciarsi travolgere dal ritmo frenetico ed entusiasmante del rock‘n’roll degli anni ’50 che ha fatto da briosa cornice al rapporto conflittuale tra i fratelli Cotone, il triste e disilluso Jack e l’estroverso e un po’ scapestrato Ray. Tra applausi e risate piene, la scena ha visto l’equilibrato alternarsi di sentimento e comicità, frutto di un linguaggio nella sceneggiatura e nella regia, che ha saputo toccare le corde del cuore dei presenti, pur mantenendo una leggerezza di fondo. Sullo sfondo la deriva del locale Cotton Club, destinato alla chiusura a causa di una situazione economica disastrosa, la cui salvezza alla fine è sugellata da una sincera stretta di mano tra i fratelli. Uno spettacolo che piace, che porta il “made in Sicily” con fierezza in giro per l’Italia, come ha specificato lo stesso Todaro. Il prossimo appuntamento della stagione musicale è per mercoledì 30 gennaio con il concerto “Mozart Requiem” con il coro del Teatro Massimo Bellini di Catania. La stagione di prosa continua invece lunedì 21 gennaio con lo spettacolo “Viktor und Viktoria” con Veronica Pivetti.
Leggi tutto
murin a secco progetto

Muri a secco nel water front per la difesa del litorale ibleo

RAGUSA ( di Elisa Montagno) – Ha suscitato curiosità e interesse la proposta di realizzare strutture con muri a secco nel water front ibleo, formulata da Corrado Monaca, direttore dei laboratori di ricerca Betontest, di concerto con Carlo Sinatra, dirigente del settore Lavori pubblici e Infrastrutture del Libero Consorzio di Ragusa, in occasione del seminario scientifico “Per la difesa del litorale ibleo”, svoltosi nei giorni scorsi a Ispica. Monaca, nell’intervento conclusivo del seminario dedicato alle nuove tecnologie e alle proposte di soluzione per contrastare il fenomeno dell’erosione costiera, ha accennato alla realizzazione di strutture con muri a secco nel water front ibleo, in particolare nell’area limitrofa alla S.P. 67 Pozzallo–Marza e nella zona di S. Maria del Focallo.
Il Direttore dei laboratori Betontest è tornato sull’argomento, per illustrare meglio l’idea progettuale. La realizzazione di strutture con muri a secco (identità territoriale iblea) per la difesa delle coste è una proposta strategica, sperimentale e innovativa, anti-erosione e anti-dissesto idrogeologico, che va nella direzione della riqualificazione ambientale e dei criteri generali per la progettazione di opere a difesa dei litorali. La proposta persegue due obiettivi strategici.
In primo luogo, coniuga l’interesse della pubblica amministrazione con quello dei privati, lungo tratti di costa dove il mare continua a “inghiottire” porzioni di strade e balaustre di case private. Secondariamente, produce una ri-significazione dei luoghi, partendo da una conoscenza profonda del territorio che sa leggere e interpretare le sedimentazioni storiche per arrivare a un esempio di architettura pilota in terra iblea.
Il progetto “muri a secco sul water front ibleo” parte da un’attenta analisi degli ambiti eco-storico (storia delle trasformazioni dell’ambiente nei secoli), della sismografia storica (inquadramento geologico, geomorfologico, idrogeologico e geotecnico dell’area), per approdare a un’architettura creativa, in sintonia con i bisogni dell’uomo, rispettosa dello spazio e del tempo e in simbiosi con la natura. Il progetto si confà, inoltre, al principio evidenziato da Darko Pandakovic (Politecnico di Milano – consulente UNESCO), in occasione del primo seminario sulla difesa del litorale ibleo, tenutosi a Ragusa nel giugno: la «restituzione di un’immagine del territorio e interventi leggeri di risanamento, ricordando quanto Poseidone, dio greco del mare, fosse volubile e irascibile». Ed è in linea con le indicazioni innovative fornite da Enrico Foti, docente di ingegneria idraulica e Direttore del DIARCH dell’Università di Catania «sulla presenza o meno nella componente sabbiosa del litorale ibleo delle “nano plastiche” con misurazioni in loco e non in laboratorio alla luce di nuovi strumenti di misurazione».
Il tutto in adempimento all’accordo di collaborazione sottoscritto da Betontest con l’Università di Catania il 23 novevmbre 2017 e con il Libero Consorzio Comunale di Ragusa il 15 febbraio 2018. Quest’ultimo accordo prevede, in particolare, la realizzazione delle opere di salvaguardia della S.P. 67 a costo zero per l’Ente, secondo precise “linee guida” condivise dal dirigente del Libero Consorzio Carlo Sinatra.
Leggi tutto
TELERADIO REGIONE S.R.L., società a socio unico soggetta a direzione e coordinamento della Filgest srl, 97015 Modica – S.P. 74 km 0+400 C.da Cava Gucciardo – C.F. e P.IVA 00209070895 – Capitale Sociale Euro 2.255.000 i.v. - CCIAA / REA Ragusa 110483 – Testata Giornalistica igiornalidisicilia.it nr. 3/2012 del 26.04.2012 Tribunale di Modica