Rifiuti: incendi nell’agrigentino. Il Sindaco di Canicattì : “C’è strategia criminale”

Appello Di Ventura, ‘Istituzioni e forze ordine ci aiutino, da soli non possiamo contrastare scempio’

CANICATTI’ -Dietro gli incendi che si susseguono all’interno degli impianti in cui vengono depositati i rifiuti a Canicattì, nell’Agrigentino, non c’è una “mera fatalità”, ma “una precisa strategia criminale”. Né è convinto il sindaco Ettore Di Ventura, che stamani ha inviato una lettera al governatore siciliano, Nello Musumeci; al prefetto di Agrigento, Dario Caputo; al presidente della commissione Territorio e ambiente dell’Assemblea regionale siciliana; Giusy Savarino; all’Arpa Sicilia per accendere i riflettori sui “preoccupanti incendi di rifiuti che da mesi si verificano in città e che stanno minando la salubrità dell’ambiente con gravi conseguenze per la comunità canicattinese e l’immagine di questa città”. L’ultimo rogo è divampato mercoledì scorso nel centro di contrada Calandra, già sottoposto a sequestro da parte dell’autorità giudiziaria. “Tutto quello che è di competenza di questa Amministrazione – scrive il primo cittadino – è stato fatto, ma oggi più che mai urge la collaborazione di tutte le Istituzioni e di tutti gli Enti affinché si faccia chiarezza sui frequenti episodi di incendi nelle aree circostanti il nostro centro abitato”. Da mesi il Comune è impegnato a fronteggiare l’emergenza rifiuti causata “soprattutto dall’abbandono indiscriminato” dentro e fuori il centro abitato. Grazie al controllo effettuato da gruppi di lavoro costituiti da dipendenti comunali, operatori ecologici, vigili urbani, carabinieri, poliziotti, guardie ambientali e con l’ausilio delle telecamere, “possiamo constatare un rallentamento del fenomeno – spiega il sindaco -. Tuttavia nelle ultime settimane si assiste al diffuso fenomeno di incendi all’interno degli impianti dove vengono depositati frazioni e parti dei rifiuti raccolti.

FONTE: Adnkronos

Leggi tutto

Scoperto deposito marijuana in casa

Era disabitata da anni, a Campobello di Licata

 I Carabinieri di Agrigento hanno scopeto ieri sera un magazzino di stoccaggio di marijuana nell’abitazione di un’ignara signora a Campobello di Licata (AG).
Secondo quanto riferito in un comunicato, i militari dell’Arma hanno smantellato una vera e propria centrale di stoccaggio e dello smercio di marijuana realizzata in una casa disabitata da anni e, molto probabilmente all’insaputa della proprietaria.

Leggi tutto
TELERADIO REGIONE S.R.L., società a socio unico soggetta a direzione e coordinamento della Filgest srl, 97015 Modica – S.P. 74 km 0+400 C.da Cava Gucciardo – C.F. e P.IVA 00209070895 – Capitale Sociale Euro 2.255.000 i.v. - CCIAA / REA Ragusa 110483 – Testata Giornalistica igiornalidisicilia.it nr. 3/2012 del 26.04.2012 Tribunale di Modica