Al comune di Vittoria tutto pronto per assumere Davide Stival

Riunione di giunta ed avviate le procedure per dare un lavoro ‘a tempo’ al papà del piccolo Loris. E intanto a Quarto Grado, si avanzano dubbi sulla sagome del piccolo vestito di blu, visto dalle telecamere e si parla di una misteriosa auto rossa

VITTORIA – Il comune di Vittoria avvia le pratiche per l’assunzione di Davide Stival, il padre del piccolo Loris, ucciso il 29 novembre scorso. Stival, dopo l’arresto della moglie Veronica Panarello, in carcere perché accusata dell’omicidio del figlio, ha fatto sapere di non voler tornare a fare il camionista, per evitare di allontanarsi a lungo da casa e poter restare al fianco del suo bimbo più piccolo, di tre anni. Il sindaco Giuseppe Nicosia aveva annunciato la volontà di assumere Stival nel suo ufficio di staff. Questo pomeriggio, la giunta ha approvato la delibera che inserisce una nuova unità nell’ufficio di staff ed il relativo impegno di spesa. Si tratta dell’atto propedeutico all’assunzione. Se Stival accetterà l’incarico, entro pochi giorni potrebbe essere avviata la pratica per la sua assunzione. Il sindaco ha fatto sapere che Stival potrebbe lavorare come messo o come autista. Il giovane padre di Loris, che ha 29 anni, ha manifestato l’intenzione di accettare. A breve potrebbe incontrare il sindaco. Ieri sera, altra puntata di Quarto Grado dedicata alla morte di Loris. Dubbi vengono avanzate sulle sagome individuate dalle telecamere di videosorveglianza mentre si cerca un’auto rossa. Chi la guidava, potrebbe aver visto cose molte interessanti. E l’avvocato Vilardita nega che Davide Stival abbia rotto definitivamente con la moglie Veronica Panarello, in carcere ad Agrigento ed accusata di avere ucciso il figlio

TELERADIO REGIONE S.R.L., società a socio unico soggetta a direzione e coordinamento della Filgest srl, 97015 Modica – S.P. 74 km 0+400 C.da Cava Gucciardo – C.F. e P.IVA 00209070895 – Capitale Sociale Euro 2.255.000 i.v. - CCIAA / REA Ragusa 110483 – Testata Giornalistica igiornalidisicilia.it nr. 3/2012 del 26.04.2012 Tribunale di Modica