Droga e prostituzione, 18 arresti a Caltanissetta

Associazione mafiosa, aggravata dall’essere armata, traffico di stupefacenti, prostituzione anche minorile

CALTANISSETTA – Una vasta operazione antimafia condotta dalla Polizia di Stato e coordinata dalla Dda di Caltanissetta ha smantellato i vertici mafiosi della famiglia di San Cataldo, una delle cosche storiche del Nisseno. Gli investigatori hanno arrestato complessivamente 18 persone, compreso l’attuale reggente del mandamento, con l’accusa di associazione mafiosa, aggravata dall’essere armata, traffico di stupefacenti, prostituzione anche minorile, sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione. Le indagini, condotte anche con l’ausilio di intercettazioni, hanno consentito di ricostruire il traffico di stupefacenti, eroina e cocaina, gestito dalla cosca che serviva anche per mantenere le famiglie degli affiliati detenuti. La novità riguarda invece un giro di prostituzione, anche minorile, che alcuni componenti del clan avrebbero organizzato con la complicita’ di una coppia di romeni, che risultano ancora ricercati. Secondo le indagini, i due avrebbero reperito nel loro paese ragazze giovanissime che venivano poi fatte prostituire in alcune case d’appuntamenti del Nisseno. Un business, quello della prostituzione, che Cosa Nostra siciliana in passato si e’ sempre rifiutata di gestire, ritenendolo infamante.

TELERADIO REGIONE S.R.L., società a socio unico soggetta a direzione e coordinamento della Filgest srl, 97015 Modica – S.P. 74 km 0+400 C.da Cava Gucciardo – C.F. e P.IVA 00209070895 – Capitale Sociale Euro 2.255.000 i.v. - CCIAA / REA Ragusa 110483 – Testata Giornalistica igiornalidisicilia.it nr. 3/2012 del 26.04.2012 Tribunale di Modica