Turbolenze nelle amministrazioni comunali iblee

La situazione politica nei tre centri iblei, Ragusa, Modica e Vittoria

Sindaci nel ‘mirino’ del fuoco nemico (le opposizioni), di quello più o meno amico e di quello avverso, nel senso di avversario elettorale. In provincia, turbolenze ovunque. E nei tre centri più ‘grandi’ in particolare. A Ragusa, Fderico Piccitto annuncia per domani mattina una conferenza stampa per la “presentazione – leggiamo testualmente nella nota stampa – dell’attività politico-amministrativa dell’amministrazione comunale per l’anno 2016”. 10,30, in sala giunta. Chissà se parlerà di quel movimento ‘RagusAttiva a 5 stelle’, che si ‘picca’ di essere ‘grillino’ ma che è stato messo al bando dal Movimento 5 stelle nazionale, che lo ha dichiarato completamente estraneo al ‘cosmo’ pentastellato. Al punto che da Roma e da Palermo, arriva sostegno a Piccitto mentre proprio ‘RagusAttiva a 5 stelle’, ne aveva chiesto l’espulsione dai ‘5 stelle’ come successo per Domenico Messinese, sindaco di Gela. Niente da fare. Giancarlo Cancelleri, il vero leader del Movimento 5 Stelle siciliano, ha detto chiaro e nette che Piccitto non si tocca e che ‘RagusAttiva a 5 stelle’ non esiste. Esiste invece, una campagna elettorale asperrima a Vittoria. Che, in queste ore, si ‘distingue’ per uno scontro dialettico fra Giovanni Moscato –candidato sindaco di centrodestra e di Fratelli d’Italia– e il sindaco uscente, Peppe Nicosia. Il quale ha ricordato a Moscato l’inutilità di alcuni attacchi alla sua persona visto che comunque, per legge, non si potrà ricandidare perché sta esaurendo il secondo mandato. Non prima però, di avere ‘frecciato’ polemicamente lo stesso Moscato, ricordandogli i suoi trascorsi di destra, il fatto che a Vittoria, storicamente, la destra non vinca mai e che alcuni dei suoi adepti attuali sono stati frequentatori dell’amministrazione Nicosia. Moscato ha reagito, difendendo quanti lo sostengono nella sua campagna elettorale ed accusando Nicosia di un’amministrazione fallimentare e Nicosia, sostenuto in questo anche dal Pd, ha rispedito al mittente le accuse, ribadendo concetti espressi.  E stranisce come a Vittoria, in questa ‘sarabanda’, Nicosia ignori completamente il suo rivale storico di sempre, Ciccio Aiello, non rispondendo ai suoi veleni frequenti, quasi non considerandolo. A Modica invece, il duo Ivana Castello (Pd) e Vito D’Antona (Sel), rimettono nel mirino Ignazio Abbate a proposito delle esose bollette dell’acqua, fatte arrivare a ridosso di Capodanno e che con cifre presunte di consumo e poco realistiche. Tarda la risposta dell’amministrazione e la polemica è destinata ad alzarsi di decibel

TELERADIO REGIONE S.R.L., società a socio unico soggetta a direzione e coordinamento della Filgest srl, 97015 Modica – S.P. 74 km 0+400 C.da Cava Gucciardo – C.F. e P.IVA 00209070895 – Capitale Sociale Euro 2.255.000 i.v. - CCIAA / REA Ragusa 110483 – Testata Giornalistica igiornalidisicilia.it nr. 3/2012 del 26.04.2012 Tribunale di Modica