La ‘tenuta’ dei 5 stelle giovedì alla prova dell’aula

Le opposizioni osservano le discrasie interne alla maggioranza M5S

RAGUSA – (di Salvatore Cannata)  Messe da parte le polemiche sulle royalties ed i loro proventi e messa nel dimenticatoio la Legge su Ibla -che resterà un piacevole ma amaro ricordo-, la politica cittadina di Ragusa si ‘rituffa’nella normalità come quella fatta dalle polemiche interne alla maggioranza pentastellata. Salvatore Dipasquale, consigliere comunale del Movimento 5 stelle, dopo non avere votato il suo collega di movimento, Antonio Tringali alla presidenza del Consiglio Comunale, preferendogli Giovanni Iacono, scuote il sindaco ‘grillino’, Federico Piccitto e gli ricorda che l’esecutivo continua a difettare di un nome, dopo le dimissioni ‘indotte’ di Stefania Campo. Dipasquale lo fa, senza sollevare polveroni ma mettendo i punti sulle i e partendo dall’invito a ‘mettere a bando’ quel posto, dando così la possibilità ai cittadini in generale (e agli attivisti dei 5 stelle in particolare) di essere primi protagonisti nella scelta. “La città apprezzerebbe questo gesto perché incardina i principi del movimento”, scrive Dipasquale. L’attesa è per la prossima seduta del consiglio comunale, giovedì, giorno in cui c’è seduta del consiglio, la prima interamente ‘governata’ da Tringali. E c’è da capire, che atteggiamento avrà il gruppo consiliare ‘grillino’ nei confronti del sindaco e cosa faranno in aula lo stesso Dipasquale ma anche il vicepresidente, Zaara Federico che non ha votato Tringali, preferendo la riconferma di Iacono. E c’è attesa anche per sapere come lo stesso ex presidente del consiglio comunale di Ragusa, Giovanni Iacono appunto, che si dimise in aperta polemica contro Nello Dipasquale ed il suo emendamento che voleva togliere a Ragusa parte dei proventi delle royalties e che non avrà certo digerito la scelta della maggioranza di non rieleggerlo e di preferirgli Antonio Tringali. E poi ci sono le opposizioni che osservano le discrasie interne alla maggioranza pronte, se ce ne sarà opportunità, a dare una spallata alla tenuta dei 5 stelle che continuano ad avere numeri ma non in modo chiaro e nitido come in avvio legislatura. E intanto, la Finanziaria regionale lascia altri strascichi. Il consigliere comunale Sonia Migliore, dopo quanto votato a Palermo dalla maggioranza di cui fa parte l’UdC, si è autosospesa da questo partito e dalla segreteria regionale di esso. L’esponente di Lab 2.0, ha spiegato che troppe cose di questa Finanziaria, sono state palesemente ostili a Ragusa -Legge su Ibla, università, CoRFiLaC- e, dunque, non si sente più rappresentata dall’esecutivo di Rosario Crocetta e dai partiti che lo rappresentano, compreso il suo, l’UdC

TELERADIO REGIONE S.R.L., società a socio unico soggetta a direzione e coordinamento della Filgest srl, 97015 Modica – S.P. 74 km 0+400 C.da Cava Gucciardo – C.F. e P.IVA 00209070895 – Capitale Sociale Euro 2.255.000 i.v. - CCIAA / REA Ragusa 110483 – Testata Giornalistica igiornalidisicilia.it nr. 3/2012 del 26.04.2012 Tribunale di Modica