Discarica Motta, c’è l’impegno del Presidente Crocetta

Ieri l’incontro a Palermo con sindaci e Comitati “No discarica”

CATANIA – Primi spiragli di luce in merito alla vicenda che da tempo vede coinvolte le due comunità di Misterbianco e Motta S. Anastasia le quali chiedono la chiusura della discarica di contrada Valanghe d’Inverno. Ieri pomeriggio nel corso di un incontro a Palermo, il presidente della Regione Rosario Crocetta e l’assessore Vania Contrafatto hanno ricevuto i sindaci Nino Di Guardo e Anastasio Carrà ed i rappresentanti dei comitati No discarica fornendo rassicurazioni. I previsti inceneritori non saranno installati nella zona. Si cercherà di realizzare piccole discariche residuali comunque lontane dai centri abitati. Prospettata la possibilità che l’umido biostabilizzato non venga più conferito nell’impianto “Valanghe d’inverno” per evitare che si sprigionino ancora nell’aria odori nauseabondi. Nel giro di due mesi poi a Valanghe d’Inverno non saranno più portati da altre province rifiuti umidi e gradualmente si procederà ad una riduzione dei conferimenti complessivi. Infine l’impegno sulla bonifica della vecchia discarica Tiritì. Queste dunque le promesse del presidente della Regione che comunque mantengono cauto il sindaco di Misterbianco Di Guardo. “E’ sicuramente un passo avanti – ha commentato – Crocetta ha preso atto di questo problema che si è impegnato a risolvere ma noi resteremo sempre vigili affinchè le parole diventino fatti concreti”. Domenica intanto è stato fissato un altro comizio per spiegare alla gente le novità emerse. Che il dialogo sia ormai stato instaurato tra le parti lo conferma il fatto che tra due settimane sempre a Palermo ci sarà un ulteriore incontro per fare il punto della situazione.

TELERADIO REGIONE S.R.L., società a socio unico soggetta a direzione e coordinamento della Filgest srl, 97015 Modica – S.P. 74 km 0+400 C.da Cava Gucciardo – C.F. e P.IVA 00209070895 – Capitale Sociale Euro 2.255.000 i.v. - CCIAA / REA Ragusa 110483 – Testata Giornalistica igiornalidisicilia.it nr. 3/2012 del 26.04.2012 Tribunale di Modica