Si è insediato il nuovo Procuratore Carmelo Zuccaro

“Nomina del Csm nel segno della continuità”

CATANIA – Da oggi Carmelo Zuccaro è a tutti gli effetti il nuovo Procuratore distrettuale di Catania. Ventuno giorni dopo la nomina, sancita l’8 giugno scorso dal voto del plenum del Csm, Zuccaro si è insediato stamani nel suo nuovo ufficio ricevendo simbolicamente le consegne dal collega Michelangelo Patanè, il vicario che ha preso le redini della Procura dopo il trasferimento a Roma di Giovanni Salvi. La cerimonia, presieduta dal presidente del tribunale Bruno Di Marco, si è svolta nella gremita aula di Corte di Assise del Palazzo di Giustizia. Giurista di lato profilo, Zuccaro che è catanese, andrà a dirigere una delle Procure più importanti ed impegnative in Italia. L’esperienza non gli manca avendo seguito in questi anni diverse indagini delicate comprese quelle di mafia. A margine della cerimonia le sue prime parole hanno rimarcato la scelta di continuità operata dal Csm con la sua nomina: “Questa città ha bisogno soprattutto di legalità, di recuperare il senso della legge e soprattutto della giustizia. Abbiamo una città che è soffocata dalla criminalità mafiosa che sta spiazzando l’imprenditoria sana. Abbiamo bisogno che le cose cambino. Assolutamente. Il procuratore Salvi – ha aggiunto – ha operato in maniera formidabile in questa città. Ha fatto un lavoro di squadra motivando benissimo le persone e alcuni risultati che sembrano individuali sono in realtà di squadra. La nomina mia e quella del collega Bertone a Caltanissetta, in due delle Procure Distrettuali più importanti, è il risultato di questo lavoro di gruppo. Credo che sia questo lo spirito nella scelta del Csm, una nomina fatta nel segno della continuità”.

TELERADIO REGIONE S.R.L., società a socio unico soggetta a direzione e coordinamento della Filgest srl, 97015 Modica – S.P. 74 km 0+400 C.da Cava Gucciardo – C.F. e P.IVA 00209070895 – Capitale Sociale Euro 2.255.000 i.v. - CCIAA / REA Ragusa 110483 – Testata Giornalistica igiornalidisicilia.it nr. 3/2012 del 26.04.2012 Tribunale di Modica