Loculi cimitero Ibla, cittadini beffati?

La  conigliera Elisa Marino portavoce dei cittadini

RAGUSA- Protestano i cittadini che hanno acquistato al cimitero di Ragusa Ibla i loculi e le cellette ossario predisposti dal Comune di Ragusa. pare, infatti, che il progetto non sia stato rispettato e si registrano già alcune anomalie. I cittadini rivogliono una parte dei soldi che hanno  sborsato perché rispetto al progetto iniziale la struttura è stata consegnata in maniera difforme. Sulla questione è intervenuta la consigliera di Insieme, Elisa Marino, che chiarisce quanto sta accadendo. Le consegne sono già state effettuate nello scorso mese di febbraio. Da allora ad oggi, i cittadini in questione, dopo aver pagato con largo anticipo il dovuto sulla carta, chiedono di rimediare ai problemi emersi. Purtroppo, almeno finora, senza successo alcuno. “Per questo motivo, sottolinea Elisa Marino,  che si è fatta portavoce delle lamentele in questione, si è deciso di rendere pubblico questo disagio. Ammontano a 840 i loculi realizzati assieme a 160 cellette ossario. Il fatto è che il progetto iniziale è stato cambiato in corso d’opera, in maniera unilaterale. Chi aveva acquistato i loculi in un determinato modo, se ne è visti consegnare di altro tipo senza la possibilità di recedere (se lo avessero fatto, avrebbero perduto metà dei soldi già investiti). Ricordiamo che in media ogni loculo è stato pagato circa 2.200 euro. Inizialmente era stato previsto un locale unico con copertura. Copertura di cui invece, allo stato attuale, non c’è traccia perché sono state apportate delle varianti progettuali e dove peraltro alcune strutture presentano difetti tecnici nelle coperture.   Rispetto alle somme inizialmente impegnate, sono state realizzate delle economie pari a 172mila euro. “I cittadini – sottolinea ancora Marino – chiedono che queste risorse economiche possano essere utilizzate in maniera utile: o si ritorna una parte dei soldi ai cittadini che hanno già acquistato i loculi visto che il progetto non è affatto conforme a quello che era stato presentato inizialmente e per il quale erano state spese le somme concordate; oppure questi soldi siano utilizzati per apportare le migliorie necessarie.

TELERADIO REGIONE S.R.L., società a socio unico soggetta a direzione e coordinamento della Filgest srl, 97015 Modica – S.P. 74 km 0+400 C.da Cava Gucciardo – C.F. e P.IVA 00209070895 – Capitale Sociale Euro 2.255.000 i.v. - CCIAA / REA Ragusa 110483 – Testata Giornalistica igiornalidisicilia.it nr. 3/2012 del 26.04.2012 Tribunale di Modica