Operazione antidroga nel Ragusano; eseguite 17 ordinanze

Scoperto clan italo-albanese   

MODICA- Operazione Blade. Hanno chiamato così un’azione antidroga della polizia a Modica. Ci sono anche sei donne tra le persone arrestate dagli agenti del commissariato e della Mobile. 17 i destinatari, 14 dei adesso in manette. La misura, è stata disposta dalla Procura Distrettuale Antimafia di Catania. MODICA- Un’organizzazione dedita al traffico di stupefacenti, spacciati tra Pozzallo, Modica e Rosolini e guidata dall’albanese Julian Hoxsa. Le donne coinvolte, sono italiane, albanesi, una polacca e una marocchina. I loro figli minorenni, sono stati affidati temporaneamente, ai rispettivi nonni. 130 gli agenti di vari reparti impegnati, su 70 automezzi. Secondo quanto detto oggi in conferenza stampa, i componenti del clan –formato da italiani, tunisini, marocchini, albanesi e polacchi– avevano stretto un legame criminale per il controllo dello spaccio di droga, proveniente dall’Albania e che passava per Roma. Fondamentali le intercettazioni, per incastrare uomini e donne, legati fra loro anche da rapporti sentimentali e parentali. I particolari sull’operazione, sono stati raccontati in conferenza stampa. Un’inchiesta di quasi quattro anni; per gli arresti odierni, la polizia si e’ avvalsa anche di un elicottero e 8 unita’ cinofile. I guadagni della droga venduta, venivano reinvestiti sul mercato illecito. Hohxa era il vertice; il tunisino Dakhil Majri, il custode della droga in una casa a Modica che si poteva raggiungere solo a piedi mentre Selmani si occupava di prenderla e poi spacciarla. Importante il ruolo di Erisa Gjonaj –convivente di Hohxa e suo braccio destro-, di Martina Chiaramonte –la fidanzata di Selmanaj-, di Fadwa Chaggar e della polacca Justyna Wudarczyk –convivente di Mejri-. Carmelo Baglieri, aveva incarico di prendere la droga a Ragusa da un fornitore albanese e smistarla in varie aree mentre Giorgio Selvagio e Giorgio Assenza la rivendevano a Modica. Ed anche le sorelle Salonia, Mery e Lorenza, avevano un ruolo definito. Nonostante fossero agli arresti domiciliari all’epoca delle indagini, comparavano la droga da Hohxa e la spacciavano a Pozzallo. “Zucchero”, “chiavi”, “ruote”, “cose buone”, i termini criptici adoperati.  A chi esigeva crediti, la richiesta di “essere ape e raccogliere il più possibile”. Majri, Hohxa, Baglieri e Assenza, erano stati arrestati in flagranza con 200 grammi tra coca, eroina, hashish e marjuana. A casa di Lorenza Salonia, trovata eroina e, durante il blitz, trovata e sequestrata anche una pistola a tamburo.

TELERADIO REGIONE S.R.L., società a socio unico soggetta a direzione e coordinamento della Filgest srl, 97015 Modica – S.P. 74 km 0+400 C.da Cava Gucciardo – C.F. e P.IVA 00209070895 – Capitale Sociale Euro 2.255.000 i.v. - CCIAA / REA Ragusa 110483 – Testata Giornalistica igiornalidisicilia.it nr. 3/2012 del 26.04.2012 Tribunale di Modica