Il Giro d’Italia ha salutato la Sicilia

Dopo due splendide giornate

CATANIA – Il Giro d’Italia saluta dunque la Sicilia per approdare in Calabria. Il bilancio delle due tappe isolane è certamente positivo. A colpire è stata la grande partecipazione popolare non solo a Cefalù, Pedara, al Rifugio Sapienza e a Messina, luoghi prescelti per start e arrivo ma anche lungo i tracciati che hanno mostrato al mondo splendidi scenari ma anche passione, calore e partecipazione. Ovunque palloncini, nastri, magliette e striscioni anche per ricordare campioni che non ci sono più come Scarponi e Pantani. E poi vetrine di negozi, auto e balconi addobbati. Il tutto rigorosamente in rosa. Paesi e scuole in un clima di festa si sono fermati magari solo per i pochi secondi del passaggio della carovana rosa a conferma del grande interesse che suscita un evento arrivato alla centesima edizione ma sempre attuale e capace di attrarre persone di tutte le età. Impeccabile anche l’organizzazione che ha riguardato dal punto di vista viario anche la predisposizione di percorsi alternativi che nonostante i comprensibili disagi non hanno registrato particolari proteste. A Pedara il bagno di folla è stato impressionante e tante sono state le iniziative collaterali nei giorni antecedenti la quinta tappa per coinvolgere l’intera cittadinanza. Dal punto di vista agonistico tutti attendevano il messinese Vincenzo Nibali ed invece lo “Squalo dello Stretto”, a parte un vano tentativo sull’Etna in salita non è riuscito ad imporsi. Resta la grande accoglienza che i siciliani gli hanno riservato. La speranza adesso è di non dovere attendere anni per rivedere il Giro d’Italia da queste parti. La Sicilia è pronto a riabbracciarlo.

TELERADIO REGIONE S.R.L., società a socio unico soggetta a direzione e coordinamento della Filgest srl, 97015 Modica – S.P. 74 km 0+400 C.da Cava Gucciardo – C.F. e P.IVA 00209070895 – Capitale Sociale Euro 2.255.000 i.v. - CCIAA / REA Ragusa 110483 – Testata Giornalistica igiornalidisicilia.it nr. 3/2012 del 26.04.2012 Tribunale di Modica