Spendevano i soldi pubblici dell’Istituto Bellini in gioielli e vestiti

La Guardia di Finanza arresta 23 persone

CATANIA – Per circa 10 anni si sono appropriati di fondi destinati al buon funzionamento dell’Istituto Musicale Vincenzo Bellini di Catania, ente pubblico finanziato quasi del tutto dal Comune e dalla Città Metropolitana, utilizzandoli anche per acquistare gioielli, vestiti di alta moda e per andare in vacanza. Sono 23 le persone arrestate dalla Guardia di Finanza che, nell’ambito dell’operazione “The Band”, con il coordinamento della Procura, ha scoperto un “buco” di bilancio di 14 milioni di euro. 6 sono finite in carcere, tutte le altre ai domiciliari. Gli indagati in totale sono 38 tra funzionari, dipendenti e imprenditori esterni all’istituto. Nei loro confronti è stato disposto anche il sequestro preventivo per equivalente di beni pari alle somme distratte. I reati contestati a vario titolo sono: peculato continuato, ricettazione, riciclaggio ed associazione a delinquere finalizzata al riciclaggio. Le appropriazioni dei finanziamenti pubblici sono avvenute tra il 2007 e il 2016. Le indagini sono scattate da una denuncia presentata da alcuni componenti del Cda e dall’attuale direttore amministrativo del Bellini. Due i sistemi che venivano utilizzati per sottrarre il denaro. Il primo, che ha fruttato 10 miloni, ha visto l’opera congiunta di più dipendenti che hanno fatto ricorso alla falsificazione di firme e di mandati di pagamento compilati con causali differenti che favorivano l’immediata liquidazione di importi ingenti. Il secondo stratagemma ha visto la complicità di circa 20 imprese commerciali compiacenti, spesso riconducibili alle stesse persone, destinatarie di pagamenti a fronte di prestazioni mai effettuate a favore dell’Istituto. Tra le persone finite in carcere la responsabile dell’ufficio di ragioneria fino al maggio 2016, Giuseppa Agata Carrubba, 60 anni ed il coniuge Fabio Antonio Marco di 61, l’ex responsabile della segreteria didattica Vita Marina Motta di 57 e l’ex responsabile dell’ufficio del personale Lea Marino di 65.

TELERADIO REGIONE S.R.L., società a socio unico soggetta a direzione e coordinamento della Filgest srl, 97015 Modica – S.P. 74 km 0+400 C.da Cava Gucciardo – C.F. e P.IVA 00209070895 – Capitale Sociale Euro 2.255.000 i.v. - CCIAA / REA Ragusa 110483 – Testata Giornalistica igiornalidisicilia.it nr. 3/2012 del 26.04.2012 Tribunale di Modica