Agguato ai tifosi della Cavese

Daspo per 14 ultrà etnei

CATANIA – Sono 14 i Daspo emessi dal Questore di Messina nei confronti di altrettanti ultrà del Catania per i tafferugli avvenuti presso gli imbarcaderi della Rada San Francesco tra esponenti della tifoseria etnea e quelli della Cavese che in numero esiguo, a bordo di un furgone erano appena sbarcati a Messina per assistere all’incontro Gela-Cavese che si sarebbe disputato nel primo pomeriggio. Viso coperto da sciarpe e cappucci, spranghe, fumogeni, calci, pugni, bombe carta. Questi gli elementi di un modus operandi che è stato ricostruito dai poliziotti delle Digos di Catania e Messina. Gli incidenti sono avvenuti durante le fasi di ormeggio della nave ed hanno visto il lancio di una bomba carta all’interno del furgone dei tifosi campani. L’esplosione ha causato il ferimento di una minorenne giudicata guaribile dai medici del Pronto Soccorso in 15 giorni. Ad essere denunciate complessivamente 25 persone, con le accuse a vario titolo di lesioni personali nonché possesso e utilizzo di oggetti pericolosi, appartenenti ai gruppi “A sostegno di una fede” e “Skizzati” già noti alle forze dell’ordine perché dediti agli scontri con le tifoserie avversarie. I Daspo sono di 3 anni ciascuno per 11 ultrà, di 5 anni per altri due e di 8 anni per un altro. Questi ultimi tre, pregiudicati recidivi, hanno l’obbligo di presentarsi negli uffici della polizia durante le gare del Catania.

TELERADIO REGIONE S.R.L., società a socio unico soggetta a direzione e coordinamento della Filgest srl, 97015 Modica – S.P. 74 km 0+400 C.da Cava Gucciardo – C.F. e P.IVA 00209070895 – Capitale Sociale Euro 2.255.000 i.v. - CCIAA / REA Ragusa 110483 – Testata Giornalistica igiornalidisicilia.it nr. 3/2012 del 26.04.2012 Tribunale di Modica