Danni vento, si fa conta dei danni

Vigili del fuoco al lavoro tra disagi

CATANIA – Si fa la conta dei danni a Catania e in diversi comuni del suo territorio dopo le forti raffiche di vento che hanno sprigionato maggiormente la loro forza nella notte tra mercoledì e giovedì scorsi. Tra i comuni più colpiti c’è Aci S. Antonio. Diversi gli alberi abbattuti, i pali dell’energia elettrica caduti, i tetti di abitazioni scoperchiati, le recinzioni divelte ed i cartelloni pubblicitari distrutti. Il sindaco Santo Cartuso ha inviato alla Regione la richiesta del riconoscimento dello stato di calamità. Il forte vento ha fatto perdere a Maletto le fragole tardive. A Zafferana il parco comunale è stato privato dei suoi storici alberi. A Mascalucia un albero sradicato dal vento è caduto provocando una fuga di gas. Si stanno ancora liberando diverse strade da alberi e detriti a San Giovanni La Punta, Viagrande e S. Agata Li Battiati. Si torna lentamente alla normalità anche a Catania dove ci sono stati black out elettrici. In questo contesto, gran lavoro per i vigili del fuoco. Centinaia le chiamate alla sala operativa etnea che stamani dovevano essere ancora evase. Mancano mezzi e personale, i turni non sono stati raddoppiati e si è reso necessario l’intervento di colleghi di altre province.

TELERADIO REGIONE S.R.L., società a socio unico soggetta a direzione e coordinamento della Filgest srl, 97015 Modica – S.P. 74 km 0+400 C.da Cava Gucciardo – C.F. e P.IVA 00209070895 – Capitale Sociale Euro 2.255.000 i.v. - CCIAA / REA Ragusa 110483 – Testata Giornalistica igiornalidisicilia.it nr. 3/2012 del 26.04.2012 Tribunale di Modica