Rogo doloso distrugge la sede dei “Briganti Librino” rugby

incendio briganti librino

Il sindaco Bianco: “Atto di gravità inaudita”

CATANIA – E’ doloso l’incendio che la notte scorsa ha distrutto a Catania la club house dei Briganti Rugby Librino al Campo San Teodoro, da oltre un decennio tra i pochi luoghi di aggregazione, sport e socialità per tanti ragazzini in uno dei quartieri più difficili della città. A pochi giorni dalla visita del presidente della Repubblica Mattarella, sono andati in fumo in un’area di 300 metri quadrati palloni, maglie, documenti dei giocatori, il bar, i libri della biblioteca popolare, i computer, gli attrezzi, ricordi e trofei. Sul posto sono intervenuti i Vigili del Fuoco con diverse squadre. La Polizia, che ha posto sotto sequestro l’area, sta svolgendo indagini per risalire ai responsabili. Le fiamme si sarebbero propagate intorno alla mezzanotte di ieri e sono state spente verso le 4 del mattino. Qualcuno si sarebbe introdotto all’interno dei locali aprendo la porta nonostante la presenza di lucchetti che non sarebbero, però, stati forzati. “Non sappiamo chi possa aver compiuto questa infamia, in questo momento siamo davvero provati, sotto choc – dicono i responsabili dell’associazione – Quel che è certo è che sarà stato qualcuno abituato a muoversi al buio, nell’ombra, per compiere gesti vigliacchi, barbari e incivili”. Il sindaco Enzo Bianco, ha detto di volersi “impegnare personalmente a far ricostruire al più presto la Club House. Catania – ha aggiunto – non può perdere i luoghi simbolo della rinascita di un quartiere creati da quella meravigliosa realtà che sono i Briganti. Si tratta di un atto di una gravità inaudita che scuote le coscienze di ogni cittadino onesto. Sono sicuro che saranno condotte accurate indagini. “È un attacco a tutti noi che crediamo e ci battiamo per una città diversa e per un mondo più giusto – ha affermato Matteo Iannitti di Catania Bene Comune – Siamo certi che non saranno le fiamme e la violenza a fermare i Briganti”.

 

TELERADIO REGIONE S.R.L., società a socio unico soggetta a direzione e coordinamento della Filgest srl, 97015 Modica – S.P. 74 km 0+400 C.da Cava Gucciardo – C.F. e P.IVA 00209070895 – Capitale Sociale Euro 2.255.000 i.v. - CCIAA / REA Ragusa 110483 – Testata Giornalistica igiornalidisicilia.it nr. 3/2012 del 26.04.2012 Tribunale di Modica