Librino ha accolto Mattarella

Ieri la visita del Capo dello Stato

CATANIA – Sobrietà ma anche capacità di ascoltare hanno contraddistinto la visita del presidente della Repubblica Sergio Mattarella che ha concentrato a Librino la sua presenza dando un segnale di attenzione e di presenza dello Stato anche da queste parti. In silenzio ha visto e sentito con curiosità istituzionale quando gli organizzatori gli hanno proposto facendo in modo che uno dei quartieri più difficili ma anche popolosi di Catania fosse sotto i riflettori per vicende questa volta positive. Per un giorno sono stati accantonati dunque problemi sociali, di ordine pubblico e logistici nell’ottica di un riscatto che passa anche la consegna dei primi 13 orti urbani in viale Moncada assegnati a persone ma anche a scuole che li potranno coltivare. In totale alla fine saranno 80 con una superficie tra i 150 e i 200 metri quadrati.  Ad accogliere Mattarella, oltre al presidente della Regione Musumeci, dell’Ars Miccichè e il sindaco Bianco anche i bambini e i ragazzi delle scuole che hanno suonato e cantato. Proprio loro che vivono ogni giorno questo quartiere e che rappresentano l’altro volto di Librino. Mattarella ha incontrato anche il presidente dell’associazione I Briganti rugby che nei giorni scorsi si è vista distruggere la sede da un incendio doloso. Ai componenti del gruppo il Capo dello Stato ha dato un messaggio di incoraggiamento a continuare nell’ottica di non perdere quel grande patrimonio rappresentato da oltre 200 ragazzini strappati alla strada ed alla manovalanza criminale. Poi l’intitolazione di un vicino viale a Carlo Azeglio Ciampi, quello che porta al costruendo ospedale San Marco, alla presenza del figlio Claudio dei sindaci della Città Metropolitana e della gente, non molta per la verità, che assiste da dietro le transenne. Mattarella non parla ma ci sono gli interventi di Bianco e Musumeci. Tutto intorno l’imponente cordone di sicurezza che ha letteralmente blindato il quartiere. A quel punto il trasferimento alla Biblioteca Civica Ursino Recupero dove è custodita la preziosa e rara Bibbia miniata del Cavallini. In serata la chiusura della visita al Teatro Massimo Bellini per la prima della stagione lirica.

TELERADIO REGIONE S.R.L., società a socio unico soggetta a direzione e coordinamento della Filgest srl, 97015 Modica – S.P. 74 km 0+400 C.da Cava Gucciardo – C.F. e P.IVA 00209070895 – Capitale Sociale Euro 2.255.000 i.v. - CCIAA / REA Ragusa 110483 – Testata Giornalistica igiornalidisicilia.it nr. 3/2012 del 26.04.2012 Tribunale di Modica