Emergenza morbillo

morbillo

Ressa per le vaccinazioni

CATANIA – Centri per la vaccinazione anti-morbillo presi d’assalto a Catania. Diverse decine i pazienti, allarmati per le ripetute notizie relative ai contagi del virus ed ai decessi, tra cui un neonato di 10 mesi, si stanno recando nei 9 centri disponibili anche per chiedere informazioni. Le file iniziano alle 7 del mattino con i sanitari che cercano di soddisfare le tante richieste. File vengono segnalate anche negli ambulatori disseminati nella provincia etnea, in totale 62. Ieri a Palazzo degli Elefanti la riunione voluta dal sindaco Bianco con l’assessore regionale alla Salute Razza e i direttori generali delle aziende sanitarie allo scopo di coordinare ogni intervento per migliorare la capacità di controllo della situazione e per incentivare la vaccinazione. Il principio di base è stato quello di avere uno screening dettagliato per categorie di coloro i quali sono stati sottoposti a vaccinazione. Nella comunicazione delle vaccinazioni risulta fondamentale la figura del medico di famiglia. Ribadita anche la necessità di far scattare la legge Lorenzin sull’obbligatorietà dei vaccini qualora i non vaccinati non rispondessero all’invito. L’obbligo ha consentito di fare aumentare la percentuale dei vaccinati, tuttavia chi è oggi a rischio si trova in una fascia di età tra i 20 e i 40 anni. Ecco perché la Regione ha disposto che le Asp possano vaccinare in esenzione ticket. La maggior parte dei casi di morbillo può essere trattata a casa. In questi casi, definitivi “lievi” il personale del Pronto Soccorso invierà una prescrizione standard al medico di famiglia il quale avrà il compito di prestare le cure necessarie.

TELERADIO REGIONE S.R.L., società a socio unico soggetta a direzione e coordinamento della Filgest srl, 97015 Modica – S.P. 74 km 0+400 C.da Cava Gucciardo – C.F. e P.IVA 00209070895 – Capitale Sociale Euro 2.255.000 i.v. - CCIAA / REA Ragusa 110483 – Testata Giornalistica igiornalidisicilia.it nr. 3/2012 del 26.04.2012 Tribunale di Modica