Uccide moglie e figlioletti, poi si toglie la vita

Si indaga sul movente

PATERNO’ (Ct) – Ha sterminato la sua famiglia all’interno delle mura domestiche e poi si è tolto la vita. Chissà cosa sarà passato per la mente di Gianfranco Fallica, consulente finanziario di 34 anni che ha ucciso a Paternò nel sonno probabilmente nella notte tra sabato e domenica scorsi la moglie Cinzia Palumbo di 35 ed i figli Daniele di 6 e Gabriele di 4. La strage è stata compiuta con la sua pistola  calibro 22 regolarmente detenuta che è stata rinvenuta  in camera da letto dove si trovavano i corpi, tutti sul lettone. Agghiacciante la scena che si è presentata ai parenti ed alle forze dell’ordine nell’appartamento di via della Libertà 25. Tutti indossavano il pigiama, il piccolo Gabriele aveva il ciuccio in bocca. A tutti avrebbe sparato alla testa un colpo solo, poi ha rivolto l’arma contro di sé ed ha premuto per l’ultima volta il grilletto. Il primo a fare la terribile scoperta è stato ieri mattina il padre della donna, allarmato del fatto che nessuno rispondeva al telefono. Essendo in possesso di una copia delle chiavi ha deciso di recarsi sul posto. Poi la telefonata ai carabinieri. Si tenta di capire il movente. L’uomo non ha lasciato nessun biglietto per spiegare il suo folle gesto. I militari dell’arma hanno sequestrato computer, telefonini ed altro materiale. Si battono tutte le piste, comprese quella economica. Gianfranco Fallica dallo scorso settembre aveva avviato un’attività in proprio nel centro della città e pare che gli affari non andassero più come prima. Tanto che aveva riferito l’intenzione di cambiare lavoro se avesse trovato una valida alternativa. In casa poi sembra siano stati trovati degli antidepressivi. C’è poi la pista passionale legata alla gelosia ma nessuno crede a questa ipotesi. Cinzia Palumbo era infatti una brava moglie e madre. La casa dove vivevano era stata acquistata e ristrutturata da qualche anno ed in questi giorni tutti insieme avevano addobbato l’abitazione per il Natale. L’indagine è coordinata dal procuratore Carmelo Zuccaro e condotta dal sostituto Salvatore Di Stefano  e dall’aggiunto Ignazio Fonzo. Le salme, nel tardo pomeriggio di ieri, sono state portate all’obitorio dell’ospedale Cannizzaro. Si attendono i risultati delle autopsie.

TELERADIO REGIONE S.R.L., società a socio unico soggetta a direzione e coordinamento della Filgest srl, 97015 Modica – S.P. 74 km 0+400 C.da Cava Gucciardo – C.F. e P.IVA 00209070895 – Capitale Sociale Euro 2.255.000 i.v. - CCIAA / REA Ragusa 110483 – Testata Giornalistica igiornalidisicilia.it nr. 3/2012 del 26.04.2012 Tribunale di Modica