Università Catania, Ministero annullerà concorsi che risulteranno truccati

La Procura presenterà ricorso contro ordinanza Gip

CATANIA – Il Ministero dell’Istruzione annullerà i concorsi dell’Università di Catania che dovessero risultare effettivamente truccati.

Lo ha detto in un’intervista al Messaggero, il Ministro Bussetti in relazione all’indagine della Digos sulla presunta associazione a delinquere che gestiva le operazioni. Bussetti ha aggiunto che il suo dicastero si costituirà parte civile per chiedere il risarcimento dei danni ai professori di cui verrà accertata la responsabilità. Nel frattempo all’Università di Catania c’è un vuoto di potere senza precedenti. La contemporanea sospensione del rettore Basile e del prorettore Magnano San Lio senza contare i vertici dei dipartimenti e gli organi di ateneo dimezzati, ha spinto ad avviare un serrato confronto con il Ministero per trovare una soluzione. Non basta infatti il solo direttore generale Bellantoni che svolge funzioni amministrative. In teoria il decano potrebbe traghettare a nuove elezioni ma rettore e prorettore non risultano decaduti ma solo sospesi, non hanno presentato dimissioni e ci sono ricorsi di cui tenere conto. L’ipotesi di un commissario nominato dal ministero dunque prende sempre più piede. La Procura intanto, che aveva chiesto per i principali indagati e per altri 7 professori gli arresti domiciliari e il divieto di dimora per altri 27 docenti indagati, presenterà ricorso contro l’ordinanza del Gip. L’ufficio retto dal procuratore Carmelo Zuccaro sta valutando i profili penali per cui presentare ricorso e quale provvedimento cautelare chiedere al Tribunale del riesame per alcuni degli indagati. 

TELERADIO REGIONE S.R.L., società a socio unico soggetta a direzione e coordinamento della Filgest srl, 97015 Modica – S.P. 74 km 0+400 C.da Cava Gucciardo – C.F. e P.IVA 00209070895 – Capitale Sociale Euro 2.255.000 i.v. - CCIAA / REA Ragusa 110483 – Testata Giornalistica igiornalidisicilia.it nr. 3/2012 del 26.04.2012 Tribunale di Modica