Parco degli Iblei, Piazza convoca sindaci e non solo in vista di Roma

Confronto previsto per martedì alle ore 11

RAGUSA – Non più relegati ad un angolo ma protagonisti; i sindaci iblei lo saranno verso l’istituzione del Parco degli Iblei. Ignazio Abbate, primo cittadino di Modica, ha alzato la voce contro i silenzi da viale del Fante, sede del Libero consorzio comunale di Ragusa, rispetto al coinvolgimento dei sindaci verso la riunione ministeriale del 17 luglio, per l’istituzione del ‘parco’.

E si deve essere fatto sentire visto che ieri, il commissario straordinario del consorzio, Salvatore Piazza, ha fissato un confronto per martedì alle 11, per verificare le osservazioni su un iter e una perimetrazione di quel Parco degli Iblei, bloccato nel 2011 e riavviato a luglio 2017 dall’allora commissario straordinario del Libero consorzio, Dario Cartabellotta. Al ministero dell’Ambiente, c’è già una proposta di perimetrazione deliberata nel 2017, con gli aggiornamenti dall’assessorato regionale Territorio e Ambiente, Maurizio Croce e che ha accolto parzialmente l’osservazione della soprintendenza per attribuire livello di salvaguardia alle aree di massima tutela istituite dal Piano Paesaggistico del 2016, limitatamente alle valli della Cava San Leonardo e dell’alto corso dell’Irminio. Piano che ha già detto sì ad osservazioni dei comuni di Ragusa, Modica e Giarratana.  “Il confronto fa sì che Ragusa possa riappropriarsi della centralità che aveva e il fatto che il commissario straordinario del Libero consorzio abbia recepito l’invito rivoltogli di convocare un dibattito a più voci sul Parco degli Iblei prima del tavolo ministeriale del 17 luglio, è la strada che dobbiamo percorrere”, è stato il commento del presidente della commissione Attività produttive ARS, Orazio Ragusa. Dopo il passaggio al ministero, gli incartamenti torneranno alla Regione per le osservazioni e le indicazioni dal territorio assumeranno una valenza specifica il passaggio al ministero, gli incartamenti torneranno alla Regione per le osservazioni e le indicazioni dal territorio assumeranno una valenza specifica.

TELERADIO REGIONE S.R.L., società a socio unico soggetta a direzione e coordinamento della Filgest srl, 97015 Modica – S.P. 74 km 0+400 C.da Cava Gucciardo – C.F. e P.IVA 00209070895 – Capitale Sociale Euro 2.255.000 i.v. - CCIAA / REA Ragusa 110483 – Testata Giornalistica igiornalidisicilia.it nr. 3/2012 del 26.04.2012 Tribunale di Modica