Nota dell’Assostampa dopo la chiusura di tre redazioni del GdS

Si rivolgono all’editore del quotidiano

“La nota diffusa dagli editori e dalla direzione del Giornale di Sicilia appare il compendio ideale di quei politici che pensano di imbonire chi gli sta davanti con una serie di frasi ad effetto che non dicono nulla e confermano, piuttosto, le loro mancanze. Lo dicono i segretari provinciali Assostampa Catania, Messina, Ragusa, Siracusa, Daniele Lo Porto, Giuseppe Gulletta, Gianni Molè e Prospero Dente, dopo la nota di ieri dell’editore del Giornale di Sicilia sulla chiusura di alcune edizioni in Sicilia Orientale. “Comprendiamo benissimo il nervosismo che traspare dalla nota diffusa – proseguono – Comprendiamo anche che, quando è impossibile argomentare una risposta, ci si affidi all’attacco dell’altro. La redazione non è esclusivamente un luogo fisico. Rappresenta – così è scritto sui migliori dizionari della lingua italiana – l’insieme dei redattori. Scrivere che verranno chiuse quattro redazioni, quindi, non significa affermare che verranno chiusi altrettanti appartamenti, ma verranno abbandonate, dimezzate (fate voi) quelle piazze”. “Infine – concludono – una rassicurazione ci sentiamo di farla. Siamo ben consapevoli delle dinamiche e di tutto ciò che si muove attorno ad una azienda editoriale. Sappiamo quanto difficile sia, oggi più che mai, l’impresa editoriale. Siamo altrettanto certi che il rispetto dei ruoli sia l’unica via per provare a risolvere le criticità. Noi manteniamo il nostro con responsabilità ed onestà intellettuale”.

TELERADIO REGIONE S.R.L., società a socio unico soggetta a direzione e coordinamento della Filgest srl, 97015 Modica – S.P. 74 km 0+400 C.da Cava Gucciardo – C.F. e P.IVA 00209070895 – Capitale Sociale Euro 2.255.000 i.v. - CCIAA / REA Ragusa 110483 – Testata Giornalistica igiornalidisicilia.it nr. 3/2012 del 26.04.2012 Tribunale di Modica