Discarica abusiva a Librino nei pressi di viale San Teodoro

Gli abitanti chiedono maggiori controlli

CATANIA Una discarica abusiva, tipo quelle di cui ci siamo occupati attraverso la trasmissione Senso Civico prolifera nella strada Pulacara, piccola arteria del quartiere Librino a due passi dai viali San Teodoro e Biagio Pecorino, al confine con San Giorgio.

Da anni, in mezzo al verde, viene scaricato di tutto, specie da quando il Comune ha deciso di togliere dei blocchi in cemento che erano stati posti proprio per evitare un passaggio di mezzi che non avrebbe motivo di esistere. Il pericoloso eternit ma anche copertoni, materiale di risulta, vecchi mobili e oggetti di vario tipo si vedono a tutte le ore del giorno e spesso vengono pure bruciati. E non è un problema legato al servizio di raccolta rifiuti, ci tiene a sottolineare il consigliere della sesta circoscrizione Francesco Valenti che ci ha contattati per fare l’ennesima denuncia. Periodicamente la strada viene ripulita ma i soliti incivili se ne infischiano della salute e del decoro di tutti. La presenza della discarica abusiva mette ovviamente a repentaglio la salute dei cittadini e persino degli ospiti di una comunità alloggio presente proprio di fronte. Più volte, racconta chi vive da queste parti, sono stati notati furgoni e camion intenti a scaricare materiale vario ma i responsabili per nulla intimoriti e certi di farla franca non hanno desistito minacciando piuttosto chi osava intralciare lo scempio che si stava perpetrando. Recentemente i vigili urbani hanno giustamente sanzionato chi stava conferendo rifiuti fuori orario nei cassonetti ma servirebbe, attraverso controlli costanti, una forte azione di contrasto anche nei confronti di chi alimenta la discarica abusiva.

TELERADIO REGIONE S.R.L., società a socio unico soggetta a direzione e coordinamento della Filgest srl, 97015 Modica – S.P. 74 km 0+400 C.da Cava Gucciardo – C.F. e P.IVA 00209070895 – Capitale Sociale Euro 2.255.000 i.v. - CCIAA / REA Ragusa 110483 – Testata Giornalistica igiornalidisicilia.it nr. 3/2012 del 26.04.2012 Tribunale di Modica