Raddoppio Rg-Ct, per alcuni è fatta per altri no

Tutto è stato aggiornato al prossimo Cipe

RAGUSA – Strada Ragusa-Catania il giorno dopo. Ieri, lo ricordiamo, il Cipe ha sostanzialmente ratificato ciò che già si sapeva: l’accordo che Anas e SAC avevano sottoscritto la settimana scorsa per l’acqiusizione del progetto da parte dei primi nei confronti dei secondi.

Il ministro Danilo Toninelli avevano fatto una comunicazione sui suoi canali social per annunciare questo accordo che, per certi versi sbloccava il futuro dell’infrastruttura. Almeno sulla carta, considerato che da diversi mesi si era rimasti impantananti sulla questione project financing si/project financing no. Alla fine ha vinto la linea dell’attuale governo nazionale che non vedeva di buon occhio la situazione del gruppo che si era aggiudicato i lavori del raddoppio e ha preferito acquistare il progetto per poterlo realizzare con fondi interamente pubblici. Una parte, la più cospicua, sarà a carico dell’ANAS, una parte (217 milioni), li metterà la Regione Sicilia. Ma sul come, quando, in che modo e a seguire i tanti interrogativi che possono nascere nessuna risposta; almeno ieri, da questo CIPE che Danilo Toninelli ha fatto passare come fondamentale per la realizzazione della Ragusa-Catania. A parte l’impegno economico totalmente pubblico, nient’altro si sa: nessun cronoprogramma all’orizzonte. Tutto è stato nuovamente aggiornato al 5 settembre, al prossimo CIPE. Ma, senza voler essere il San Tommaso della situazione…giusto, giusto il mese di agosto i termini economici, tanto per dirne una, dell’accordo fra ANAS e SAC devono essere concordati? Oppure stilati i termini per la costituzione di una società di scopo fra stato e Regione? Insomma, c’è poco da esser soddisfatti per un giornata romana che risposte certe non ha dato; gli atavici fautori della realizzazione dell’opera con il project financing, il deputato regionale del PD Nello Di Pasquale, che ne fu l’artefice, o il sindaco di Chiaramente Iano Gurrieri, sono molto critici.

Di pasquale in un comnunicato al vetriolo se la prende con il presidente della Regione Nello Musumeci e l’assessore Marco Falcone perché invece di fare le barricate, mostrano entusiasmo fuori luogo: “Dal CIPE –scrive Di Pasquale- l’unico risultato certo è lo stop definitivo al progetto di finanza per realizzare la Ragusa-Catania e non si sa nient’altro di tutto il resto. Ricordo a tutti – aggiunge Dipasquale – che fino a qualche mese fa: il finanziamento, in parte pubblico e in parte privato, era certo; il progetto aveva superato tutte le valutazioni tecniche e quello del CIPE era l’ultimissimo passo prima dell’apertura del cantiere. Come si fa a non pensare che tutta questa faccenda sia una gigantesca presa per i fondelli nei confronti dei siciliani e dei cittadini del Sud-Est?”. Sui tempi che rischiano di essere biblici in più di un’occasione aveva acceso riflettori Iano Gurrieri; il primo cittadino di Chiaramonte è certo che con questa decisione tutto si è azzerato e si rischia di aspettare almeno 5/6 anni prima di vedere un cantiere, ammesso che tutto vada come promesso. Domani i sindaci dei territori coinvolti hanno espresso la volontà di riunirsi, da decidere se a Catania o a Carlentini, esclusa la città di Ragusa. Che sia un segnale, neanche troppo velato, al primo cittadino del capoluogo ibleo unico ieri presente a Roma? B143 Safari/601.1\”,\”capabilities\”:[\”touch\”,\”mobile\”],\”screen\”:{\”device-pixel-ratio\”:2,\”vertical\”:{\”width\”:320,\”height\”:568},\”horizontal\”:{\”width\”:568,\”height\”:320}},\”modes\”:[{\”title\”:\”default\”,\”orientation\”:\”vertical\”,\”insets\”:{\”left\”:0,\”top\”:0,\”right\”:0,\”bottom\”:0}},{\”title\”:\”default\”,\”orientation\”:\”horizontal\”,\”insets\”:{\”left\”:0,\”top\”:0,\”right\”:0,\”bottom\”:0}}],\”show-by-default\”:true,\”show\”:\”Default\”},{\”title\”:\”iPhone 6\”,\”type\”:\”phone\”,\”user-agent\”:\”Mozilla/5.0 (iPhone; CPU iPhone OS 9_1 like Mac OS X) AppleWebKit/601.1.46 (KHTML, like Gecko) Version/9.0 Mobile/13B143 Safari/601.1\”,\”capabilities\”:[\”touch\”,\”mobile\”],\”screen\”:{\”device-pixel-ratio\”:2,\”vertical\”:{\”width\”:375,\”height\”:667},\”horizontal\”:{\”width\”:667,\”height\”:375}},\”modes\”:[{\”title\”:\”default\”,\”orientation\”:\”vertical\”,\”insets\”:{\”left\”:0,\”top\”:0,\”right\”:0,\”bottom\”:0}},{\”title\”:\”default\”,\”orientation\”:\”horizontal\”,\”insets\”:{\”left\”:0,\”top\”:0,\”right\”:0,\”bottom\”:0}}],\”show-by-default\”:true,\”show\”:\”Default\”},{\”title\”:\”iPhone 6 Plus\”,\”type\”:\”phone\”,\”user-agent\”:\”Mozilla/5.0 (iPhone; CPU iPhone OS 9_1 like Mac OS X) AppleWebKit/601.1.46 (KHTML, like Gecko) Version/9.0 Mobile/13B143 Safari/601.1\”,\”capabilities\”:[\”touch\”,\”mobile\”],\”screen\”:{\”device-pixel-ratio\”:3,\”vertical\”:{\”width\”:414,\”height\”:736},\”horizontal\”:{\”width\”:736,\”height\”:414}},\”modes\”:[{\”title\”:\”default\”,\”orientation\”:\”vertical\”,\”insets\”:{\”left\”:0,\”top\”:0,\”right\”:0,\”bottom\”:0}},{\”title\”:\”default\”,\”orientation\”:\”horiz

TELERADIO REGIONE S.R.L., società a socio unico soggetta a direzione e coordinamento della Filgest srl, 97015 Modica – S.P. 74 km 0+400 C.da Cava Gucciardo – C.F. e P.IVA 00209070895 – Capitale Sociale Euro 2.255.000 i.v. - CCIAA / REA Ragusa 110483 – Testata Giornalistica igiornalidisicilia.it nr. 3/2012 del 26.04.2012 Tribunale di Modica