Picchiava la convivente in presenza della figlia

Colpita per l’ennesima volta con calci e pugni dall’uomo

PALERMO – La polizia ha fermato a Palermo Eugene Nwafor, 32 anni, nigeriano, accusato di sequestro di persona, maltrattamenti nei confronti della moglie e della figlia e lesioni personali aggravate dalla presenza di minore. La donna, che vive i via Oreto, di recente era stata ospitata in un centro d’accoglienza per mamme con figli minori del sud Italia. Strappata a un passato di sfruttamento e prostituzione, si era fatta convincere dal suo convivente a seguirlo a Palermo. Colpita per l’ennesima volta con calci e pugni dall’uomo, che la minacciava con un coltello, la donna ha usato un altro telefono – il suo le ere stato portato via – per mandare due messaggi a un operatore del centro di accoglienza dove era stata ospitata in precedenza, corredata da selfie in cui si era ritratta con il volto tumefatto ed la maglia insanguinata.

TELERADIO REGIONE S.R.L., società a socio unico soggetta a direzione e coordinamento della Filgest srl, 97015 Modica – S.P. 74 km 0+400 C.da Cava Gucciardo – C.F. e P.IVA 00209070895 – Capitale Sociale Euro 2.255.000 i.v. - CCIAA / REA Ragusa 110483 – Testata Giornalistica igiornalidisicilia.it nr. 3/2012 del 26.04.2012 Tribunale di Modica