Lavoro: allarme Cgil, in Sicilia meno occupati e piu’ nero

L’appello del sindacato

PALERMO – In Sicilia diminuisce il numero degli occupati e aumenta in termini percentuali il lavoro nero e irregolare. Dal 2012 al 2018 si registrano 51.509 occupati in meno e il lavoro irregolare e’ cresciuto dal 19,5% al 21,2% (Italia al 13,3% al 13,4%). Alla crescita del lavoro irregolare si accompagna l’aumento degli infortuni sul lavoro, con un +0,5% tra il 2018 e il 2019 (primo semestre).

Tra il 2016 e il 2017 gli incidenti mortali sono passati da 77 a 84. Sono dati diffusi dalla Cgil regionale che sull’argomento ha tenuto una conferenza stampa per illustrare le richieste del sindacato per “ripristinare la legalita’ nel lavoro”. “In Sicilia – ha detto il segretario generale della Cgil Sicilia, Alfio Mannino – oltre al problema della mancanza di lavoro si palesa un problema di qualita’ del lavoro. Lavoro irregolare significa infatti lavoro sottopagato, mancato rispetto delle normative su salute e sicurezza, evasione contributiva e fiscale”. A quest’ultimo proposito si stima che il mancato gettito a causa del lavoro nero sia di 3 miliardi l’anno. La Cgil chiede che venga potenziato il sistema dei controlli “oggi – ha detto Franco Tarantino, del dipartimento salute e sicurezza del sindacato – inadeguato e sottodimensionato”. Da qui l’appello del sindacato alle istituzioni a “ristrutturare la macchina ispettiva – ha detto Mannino – e a intervenire per favorire l’incrocio tra domanda e offerta nei luoghi pubblici, collocamento pubblico e centri per l’impiego”. Secondo lo studio della Cgil, “occorrerebbero almeno 300 ispettori del lavoro (attualmente sono 94) , incrementando i numeri anche degli ispettori Inail (dagli attuali 20 a 40) e Inps (da 103 a 200). Basti pensare- ha detto Tarantino- che in una provincia come Palermo gli ispettori del lavoro sono solo quattro. La Sicilia– ha rilevato- puo’ contare oggi su 237 ispettori in tutto a fronte di 368.816 imprese attive, Se ne controllassero una al giorno, occorrebbero sette anni per controllarle tutte”. “Si aggiunge- ha rilevato Franco Campagna, della Fp Cgil- l’elemento di demotivazione derivante da un sistema di incentivi molto lontano dagli standard nazionali”. Allo stato attuale peraltro laSicilia non e’ inclusa nel concorso nazionale per nuovi ispettori del lavoro

TELERADIO REGIONE S.R.L., società a socio unico soggetta a direzione e coordinamento della Filgest srl, 97015 Modica – S.P. 74 km 0+400 C.da Cava Gucciardo – C.F. e P.IVA 00209070895 – Capitale Sociale Euro 2.255.000 i.v. - CCIAA / REA Ragusa 110483 – Testata Giornalistica igiornalidisicilia.it nr. 3/2012 del 26.04.2012 Tribunale di Modica