Catania, proteste su chiusura lungomare

Prime proteste per la chiusura del lungomare decisa dal sindaco ogni prima domenica del mese

La decisione del sindaco di Catania Enzo Bianco di chiudere ogni prima domenica del mese il lungomare da piazza Europa a piazza Mancini Battaglia non piace ai pubblici esercizi ed agli stabilimenti balneari associati alla Fipe Confcommercio. Il presidente Dario Pistorio ha dichiarato lo stato di agitazione “per un provvedimento – dice – che viene già istituito prima del tavolo di concertazione in assenza totale di attività progettuali”. Non sarebbero state approntate “le strategie per la fruizione della zona interessata da parte degli anziani e dei diversamente abili e si ipotizzano perdite di incassi”. La Fipe Confcommercio ricorda poi che i “pubblici esercizi e gli stabilimenti balneari della zona hanno in carico circa 600 lavoratori che nelle more potrebbero subire una riduzione di orari o la perdita del posto di lavoro”.  Insomma ancora si deve cominciare e già ci sono le prime proteste su un’iniziativa che partirà domenica prossima dalle 9 alle 20 e che si ripeterà ogni prima domenica del mese fermo restando che lo stesso primo cittadino ha assicurato che si andrà avanti in via sperimentale per vedere la risposta dei cittadini ed apportare in caso di bisogno delle migliorie.  L’assessore comunale alla Viabilità Rosario D’Agata ha peraltro spiegato che si stanno già individuando delle aree limitrofe al lungomare nelle quali parcheggiare le automobili. Il traffico sarà deviato sulle vie Messina e Duca degli Abruzzi e lungo la Circonvallazione.

TELERADIO REGIONE S.R.L., società a socio unico soggetta a direzione e coordinamento della Filgest srl, 97015 Modica – S.P. 74 km 0+400 C.da Cava Gucciardo – C.F. e P.IVA 00209070895 – Capitale Sociale Euro 2.255.000 i.v. - CCIAA / REA Ragusa 110483 – Testata Giornalistica igiornalidisicilia.it nr. 3/2012 del 26.04.2012 Tribunale di Modica