Misterbianco, Comune sciolto per mafia: Sindaco inizia sciopero della fame

Protagonista della protesta eclatante Nino Di Guardo

Misterbianco – Una protesta eclatante a difesa della legalita’ di un paese “indignato e mortificato da un’offesa infamante”. Nino Di Guardo – fino a tre giorni fa sindaco di Misterbianco prima che il Comune venisse sciolto per mafia – ha iniziato lo sciopero della fame.

Sotto la sede del Municipio di via Sant’Antonio Abate l’ex primo cittadino protesta con tanto di camper e cartelloni contro la decisione del ministero di sciogliere il comune per infiltrazioni mafiose. Di Guardo ha annunciato di avere scritto al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella “per non firmare il decreto di scioglimento del Comune” e ha letto un passo della lettera: “Chiedo a Lei, nella veste di supremo garante della Legalita’ costituzionale, di non firmare il decreto, Misterbianco e’ un esempio di buongoverno, uno dei Comuni piu’ virtuosi dell’intera Sicilia. Ci troviamo in presenza di un crimine di Stato, contro il quale daro’ vita ad di eclatante protesta, iniziando da domani lo sciopero della fame davanti al mio Comune”.

Foto La Sicilia

TELERADIO REGIONE S.R.L., società a socio unico soggetta a direzione e coordinamento della Filgest srl, 97015 Modica – S.P. 74 km 0+400 C.da Cava Gucciardo – C.F. e P.IVA 00209070895 – Capitale Sociale Euro 2.255.000 i.v. - CCIAA / REA Ragusa 110483 – Testata Giornalistica igiornalidisicilia.it nr. 3/2012 del 26.04.2012 Tribunale di Modica