Ferrovie dello Stato continua a dimenticare la Sicilia.

Intervento del deputato nazionale Nino Minardo

MODICA -” La tendenza di Ferrovie dello Stato a non investire nella rete del Mezzogiorno è confermata dai piani industriali degli ultimi 15 anni da dove si evince  che le scelte strategiche aziendali vanno sempre nella direzione di favorire ulteriormente la rete del Centro-Nord; la politica di disimpegno nel Sud ha prodotto di recente, con la soppressione di numerosi treni a lunga percorrenza, un ulteriore danno alla Sicilia che non è dotata di collegamento terrestre con il resto d’Italia; in questo desolante quadro si è perfino paventata la soppressione del servizio di traghettamento dei treni da e per la Sicilia, che, se realizzata, determinerebbe il definitivo isolamento dell’isola”. Lo scrive in una nota il parlamentare nazionale Nino Minardo.

“Il nuovo Ministro- aggiunge Minardo- parla ripetutamente di crescita infrastrutturale e sarebbe il momento quindi di iniziare ad attuare una politica di investimenti infrastrutturali nelle regioni meridionali per compensare il forte dualismo tra Centro-Nord e Sud. La rete ferroviaria italiana è la fotografia del grande divario tra Centro-Nord e Sud ed è il risultato più evidente di una azione di governo che in termini di infrastrutture ha penalizzato il Sud e la Sicilia dove non esiste un km di linea ferrata efficiente e funzionante a pieno regime”.

TELERADIO REGIONE S.R.L., società a socio unico soggetta a direzione e coordinamento della Filgest srl, 97015 Modica – S.P. 74 km 0+400 C.da Cava Gucciardo – C.F. e P.IVA 00209070895 – Capitale Sociale Euro 2.255.000 i.v. - CCIAA / REA Ragusa 110483 – Testata Giornalistica igiornalidisicilia.it nr. 3/2012 del 26.04.2012 Tribunale di Modica