Catania, Lo Monaco si dimette dalla carica di dg

“Stanco delle continue critiche nei miei confronti e della società”

CATANIA – Pietro Lo Monaco si dimette da direttore generale del Calcio Catania. E’ stato lui stesso a comunicarlo oggi nel corso di quella che ha definito la sua ultima conferenza stampa durante la quale ha fatto il punto della situazione in seno alla compagine rossazzurra dentro e fuori dal campo.

“Sono stanco dello sciacallaggio che dura ormai da mesi verso la società – ha detto – Nessuno si può permettere di parlare di fallimento del Calcio Catania. Abbiamo ripianato la maggior parte dei debiti e la società, che paga regolarmente gli stipendi a tante famiglie, potrà finire la stagione senza problemi”. Lo Monaco ha specificato che manterrà la carica di Amministratore Delegato solo fino a quando non si riunirà il Cda che dovrà decidere sul da farsi. Sinora nessuno ha manifestato concreto interesse a rilevare il club. Chi ha questa intenzione – ha detto Lo Monaco si faccia avanti e troverà le porte aperte. Le polemiche si erano acuite dopo la gara a porte chiuse contro la Casertana fatto accaduto nonostante l’impegno della società a trovare steward tra Sicilia e Calabria. La questione aveva portato il sindaco di Catania Salvo Pogliese a chiedere chiarezza e ad invitare ad un confronto la società. Propositi che hanno suscitato la dura presa di posizione del Calcio Catania che pur mostrando disponibilità ha aggiunto che se si vuole dare un aiuto al club, il Comune deve passare ai fatti invece l’ente ha goduto sinora dei soldi versati per l’organizzazione di ogni partita e degli introiti della pubblicità. Senza contare che il Catania si sobbarca economicamente la pulizia dello stadio e la cura del manto erboso. “Prima di aprire la bocca, ha rincarato la dose oggi Lo Monaco, bisogna conoscere i fatti”.

TELERADIO REGIONE S.R.L., società a socio unico soggetta a direzione e coordinamento della Filgest srl, 97015 Modica – S.P. 74 km 0+400 C.da Cava Gucciardo – C.F. e P.IVA 00209070895 – Capitale Sociale Euro 2.255.000 i.v. - CCIAA / REA Ragusa 110483 – Testata Giornalistica igiornalidisicilia.it nr. 3/2012 del 26.04.2012 Tribunale di Modica