Mafia: prorogato di 6 mesi commissariamento comune Vittoria

Si tornerà a votare solo nell’ottobre 2020

VITTORIA (Di Giulia Di Martino) – Il Consiglio dei ministri ha deciso di prorogare la gestione straordinaria del Comune di Vittoria per altri 6 mesi perché “l’azione di recupero e risanamento delle istituzioni locali non è stata ancora completata”. Vittoria è stato sciolto per infiltrazioni mafiose il 27 luglio dell’anno, su proposta del ministro dell’Interno, Matteo Salvini. Inizialmente il provvedimento era per 18 mesi.


Ora con questa proroga si arriva a 2 anni e Vittoria potrà tornare al voto soltanto nell’ottobre del 2020.
Attualmente il Comune è retto da una commissione composta dal prefetto in quiescenza Filippo Dispenza, dal viceprefetto Giovanna Termine e dal funzionario della prefettura di Siracusa Gaetano D’Erba. Il Comune è stato sciolto facendo leva sull’inchiesta della Dda di Catania denominata ‘Exit poll’ che portò all’arresto dell’ex sindaco Giuseppe Nicosia il cui arresto è stato annullato dal Tribunale del Riesame e che ha visto tra gli indagati anche l’altro ex sindaco Giovanni Moscato, accusato di corruzione elettorale e condannato dal Gup di Catania Stefano Montoneri a un anno e 3 mesi di reclusione e a due anni di sospensione dai pubblici uffici. Il processo a carico degli ex amministratori partirà il prossimo 13 dicembre davanti il collegio giudicante del Tribunale di Ragusa.

TELERADIO REGIONE S.R.L., società a socio unico soggetta a direzione e coordinamento della Filgest srl, 97015 Modica – S.P. 74 km 0+400 C.da Cava Gucciardo – C.F. e P.IVA 00209070895 – Capitale Sociale Euro 2.255.000 i.v. - CCIAA / REA Ragusa 110483 – Testata Giornalistica igiornalidisicilia.it nr. 3/2012 del 26.04.2012 Tribunale di Modica