Definitiva scarcerazione per il boss Mulè

A carico di Mulè ci sono le dichiarazioni di diversi pentiti

La Cassazione, dichiarando inammissibile il ricorso della Procura di Palermo, ha reso definitivo il provvedimento di scarcerazione del boss di Ballarò Massimo Mulè disposto nei mesi scorsi dal tribunale del Riesame. Arrestato nell’inchiesta Cupola 2.0 che ha disarticolato i clan palermitani e svelato il tentativo di ricostituzione della Commissione provinciale di Cosa nostra, aveva chiesto la scarcerazione, ma il Riesame aveva rigettato l’istanza. La Suprema Corte però annullo’ con rinvio la decisione dei giudici della Libertà. Da qui il nuovo Riesame che ha dato ragione al presunto capomafia, difeso dall’avvocato Giovanni Castronovo. Contro la pronuncia che disponeva la scarcerazione ha fatto ricorso in Cassazione però la Procura, ma il ricorso è stato dichiarato inammissibile. A carico di Mulè ci sono le dichiarazioni di diversi pentiti che lo hanno indicato come capo della famiglia di Ballarò a Palermo

TELERADIO REGIONE S.R.L., società a socio unico soggetta a direzione e coordinamento della Filgest srl, 97015 Modica – S.P. 74 km 0+400 C.da Cava Gucciardo – C.F. e P.IVA 00209070895 – Capitale Sociale Euro 2.255.000 i.v. - CCIAA / REA Ragusa 110483 – Testata Giornalistica igiornalidisicilia.it nr. 3/2012 del 26.04.2012 Tribunale di Modica