Catania diviso tra possibile passaggio di proprietà e mercato

Ceduto Bucolo. Torna Manneh

CATANIA – La costituzione del Comitato promotore per l’acquisizione del Catania Calcio rende finalmente concreto l’interesse di una cordata che adesso dovrà inviare alla proprietà del club la manifestazione di interesse con le contestuali garanzie bancarie.

Il comunicato diffuso ieri ha reso noti 4 nomi (Fabio Pagliara, Maurizio Pellegrino, Girolamo Di Fazio e Antonio Paladino) dei quali si era già parlato nelle ultime ore ma è chiaro che ce ne sono altri che per il momento preferiscono restano ignoti e la ridda di voci è notevole. Di certo c’è la smentita dei due gruppi imprenditoriali additati dai più come quelli che dovrebbero acquisire il 35% ciascuno delle quote societarie. Dopo Aon è giunta la smentita anche di Italpizza. Quest’ultimo gruppo ha addirittura specificato “di essere già fortemente impegnato a sostegno dello sport con importanti sponsorizzazioni di società calcistiche, di basket e di pallavolo del territorio emiliano romagnolo. E semmai dovesse maturare l’interesse di entrare in una società sportiva, al momento lo farebbe a sostegno di quelle del territorio in cui opera”. Staremo a vedere l’evolversi della situazione. Di certo c’è che una volta che verrà inviata la pec con la manifestazione di interesse, l’attuale proprietà del Calcio Catania dovrà prendere una posizione. I tempi in ogni caso non saranno brevi. Una ventina gli imprenditori che farebbero parte della cordata, compresi alcuni attuali sponsor del Catania. Intanto il mercato di riparazione sta registrando movimenti importanti. Arriva la cessione a titolo definitivo di Saro Bucolo che si è legato alla Sicula Leonzio sino a giugno 2021. Ufficiale il ritorno di Kalifa Manneh dalla Carrarese.  

TELERADIO REGIONE S.R.L., società a socio unico soggetta a direzione e coordinamento della Filgest srl, 97015 Modica – S.P. 74 km 0+400 C.da Cava Gucciardo – C.F. e P.IVA 00209070895 – Capitale Sociale Euro 2.255.000 i.v. - CCIAA / REA Ragusa 110483 – Testata Giornalistica igiornalidisicilia.it nr. 3/2012 del 26.04.2012 Tribunale di Modica