Il Catania è proiettato alla prossima gara con il Potenza

Il match con l’Avellino si giocherà il 22 gennaio alle 15

CATANIA – Lo 0-0 in trasferta contro il Francavilla non è certamente un risultato da buttare via, ma ancora una volta ha messo in risalto le difficoltà del Catania ad andare in gol.

Lucarelli ha confermato il 4-2-3-1 con Di Piazza unica punta con il supporto di Biondi, Barisic e Di Molfetta, formula che non ha sortito gli effetti sperati. La squadra rossazzurra deve anzi ringraziare Furlan che nel secondo tempo ha sfoderato alcuni interventi salva-risultato, dopo un primo tempo in cui comunque si è visto un 11 più tonico che ha creato alcune occasioni importanti. A parte Furlan, si sono visti in crescita Pinto e Di Molfetta. Da rivedere Sarno che evidentemente non è ancora in condizione. Si è trattato del secondo pareggio stagionale a reti bianche della gestione Lucarelli, dopo quello ottenuto in casa con il Bari. Il quinto complessivo, cui vanno aggiunti quelli per 1-1 maturati contro Bisceglie, Casertana e Teramo. Il prossimo turno si giocherà al Massimino contro il Potenza, reduce dalla sconfitta casalinga con la Ternana ma pur sempre temibile alla luce del quarto posto  a quota 39. Nel frattempo vedremo quali saranno gli altri movimenti di mercato in entrata e in uscita. Si attendono anche notizie dal Comitato promotore per l’acquisizione del Calcio Catania che ha promesso a breve di fornire le necessarie garanzie corredate dai nomi che compongono la cordata di imprenditori. E’ ufficiale intanto il cambio di programma per quanto riguarda il recupero della prima giornata del girone di ritorno fra Catania e Avellino. Il match, inizialmente previsto mercoledì 22 gennaio alle 18.30, verrà disputato nella stessa data ma alle 15.

TELERADIO REGIONE S.R.L., società a socio unico soggetta a direzione e coordinamento della Filgest srl, 97015 Modica – S.P. 74 km 0+400 C.da Cava Gucciardo – C.F. e P.IVA 00209070895 – Capitale Sociale Euro 2.255.000 i.v. - CCIAA / REA Ragusa 110483 – Testata Giornalistica igiornalidisicilia.it nr. 3/2012 del 26.04.2012 Tribunale di Modica