BONAFEDE A RIGOPIANO “SCUSE DA STATO PER NON AVERE DIFESO VITE”

PESCARA (ITALPRESS) – “Nessuna delle vostre lacrime e delle vostre parole rimarra’ qui oggi. La mia promessa e’ che lo Stato possa darvi al piu’ presto la verita’, affinche’ i responsabili paghino”. Il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, a margine della commemorazione delle vittime dell’Hotel Rigopiano, nel terzo anniversario della tragedia che ha provocato 29 morti, promette ai familiari il suo impegno.

Il Guardasidagilli, incontrando i giornalisti ha rimarcato la necessita’ di “scrivere leggi che siano lo specchio della giustizia affinche’ tragedie come quella di Rigopiano non si verifichino piu'”. Leggi che consentano anche ai familiari delle vittime di drammi simili di “sentire che lo Stato vuole dare una risposta di giustizia”. Alfonso Bonafede, intervenendo nel Palazzetto dello Sport di Penne, dove si e’ tenuta la commemorazione a tre anni dalla tragedia, ha osservato che “la ferita di Rigopiano non e’ solo dei familiari delle vittime” ma rappresenta un dolore avvertito anche dallo Stato “come una ferita da provare a curare, pur sapendo che forse non si rimarginera’ mai”.

Per il ministro “lo Stato deve stare vicino ai parenti di chi e’ morto e impegnarsi per cercare la verita’ e per dare una risposta di giustizia che oggi chiedono i familiari delle vittime”. “Oggi sono qui – ha proseguito rivolgendosi ai parenti delle persone uccise, ai soccorritori e a quanti sono rimasti coinvolti nella tragedia – a rappresentare uno Stato che deve essere qui in silenzio a dire ai familiari che e’ al loro fianco. Stato – ha rilevato – che chiedera’ scusa per non aver avuto la capacita di proteggere i loro familiari”.

(ITALPRESS).

tai/vbo/r

18-Gen-20 19:39

Fonte: Italpress

TELERADIO REGIONE S.R.L., società a socio unico soggetta a direzione e coordinamento della Filgest srl, 97015 Modica – S.P. 74 km 0+400 C.da Cava Gucciardo – C.F. e P.IVA 00209070895 – Capitale Sociale Euro 2.255.000 i.v. - CCIAA / REA Ragusa 110483 – Testata Giornalistica igiornalidisicilia.it nr. 3/2012 del 26.04.2012 Tribunale di Modica