Morte Nicole, chiesti 6 anni e 3 mesi per i medici

Processo aggiornato all’11 febbraio

CATANIA – La Procura di Catania chiede, a conclusione della requisitoria dei pm nel processo per la morte di Nicole Di Pietro, nata nella clinica Gibiino di Catania e deceduta poche ore dopo mentre si trovava a bordo di un’ambulanza diretta all’ospedale di Ragusa, il 12 febbraio 2015, la condanna a 6 anni e 3 mesi ciascuno per 3 medici.

La ginecologa Maria Ausilia Palermo, il neonatologo Antonio Di Pasquale e l’anestesista Giovanni Gibiino, accusati di omicidio colposo ed a 3 anni per l’ostetrica Valentina Spanò che deve rispondere di falsa attestazione. Il processo si celebra davanti al giudice monocratico della prima sezione penale del Tribunale Giuseppina Montuori. Si sono costituiti parte civile, oltre ai genitori della piccola, anche i nonni materni e paterni, l’assessorato regionale alla Sanità e la stessa Casa di cura che risponde anche di responsabilità civile e per questo è difesa dall’avvocato Tommaso Tamburino. Il caso ebbe una grande eco mediatica e non poche polemiche. Nicole, nata in piena notte, morì per alcune complicazioni respiratorie mentre in ambulanza, in gravi condizioni, veniva portata all’ospedale di Ragusa dopo un affannosa ricerca per la disponibilità di un posto. Il processo è stato aggiornato al prossimo 11 febbraio. Per quella data ci sarà anche l’intervento dell’avvocato Tamburino. Le indagini sui tragici avvenimenti, coordinate dalla Procura distrettuale etnea, sono state svolte dalla squadra mobile della Questura e dalla sezione Polizia giudiziaria.

TELERADIO REGIONE S.R.L., società a socio unico soggetta a direzione e coordinamento della Filgest srl, 97015 Modica – S.P. 74 km 0+400 C.da Cava Gucciardo – C.F. e P.IVA 00209070895 – Capitale Sociale Euro 2.255.000 i.v. - CCIAA / REA Ragusa 110483 – Testata Giornalistica igiornalidisicilia.it nr. 3/2012 del 26.04.2012 Tribunale di Modica