Alle 15 Catania-Ternana di Coppa Italia

I rossazzurri ci provano

CATANIA – Ribaltare il risultato della gara di andata e compiere un’impresa che avrebbe dell’incredibile.

Il Catania ci prova. Oggi alle 15 al Massimino si gioca la semifinale di ritorno di Coppa Italia contro la Ternana, ultima occasione per sperare di approdare ai play off da una posizione privilegiata. Nonostante l’orario proibitivo di un giorno feriale e il momento storico certamente negativo, il pubblico del vecchio Cibali è pronto a fare la sua parte tanto con la Curva Nord che ha annunciato la sua presenza dopo il periodo di contestazione nei confronti di proprietà e dirigenza.  Lucarelli conferma il modulo più congeniale, ossia il 4-2-3-1 con Martinez tra i pali, Calapai, Silvestri, Mbende e Pinto in difesa, Salandria e Vicente in mediana ed in avanti il trio Di Molfetta-Curcio-Biondi a supporto di Beleck che giocherà la sua prima gara da titolare con la maglia rossazzurra. Non è escluso l’impiego di Mazzarani o Manneh in luogo di Curcio che, nonostante la convocazione, è reduce da una contrattura. Barisic dovrebbe partire dalla panchina. Indisponibili Curiale, Dall’Oglio, Noce e Saporetti. Una gara difficile ma non impossibile dove i singoli episodi faranno la differenza. Gli umbri, che hanno perso ormai la speranza di agganciare il primo posto in campionato e che quindi non possono permettersi passi falsi, dovrebbero giocare con il 3-5-2 con la coppia d’attacco Vantaggiato-Torromino. In difesa dovrebbe figurare l’ex rossazzurro Bergamelli. La finale di Coppa Italia, traguardo mai raggiunto dal Catania, è stata già centrata dalla Juventus Under 23 che è riuscita a vincere in casa 4-0 contro la Feralpisalò ribaltando il 2-0 dell’andata.

TELERADIO REGIONE S.R.L., società a socio unico soggetta a direzione e coordinamento della Filgest srl, 97015 Modica – S.P. 74 km 0+400 C.da Cava Gucciardo – C.F. e P.IVA 00209070895 – Capitale Sociale Euro 2.255.000 i.v. - CCIAA / REA Ragusa 110483 – Testata Giornalistica igiornalidisicilia.it nr. 3/2012 del 26.04.2012 Tribunale di Modica