L’emergenza Coronavirus preoccupa due terzi degli italiani

ROMA (ITALPRESS) – Continua l’emergenza coronavirus nel nostro Paese, anche se, sembra, con un ritmo leggermente piu’ lento rispetto ai giorni precedenti. Un’emergenza che, considerando la situazione personale generale e le prospettive per l’Italia, preoccupa oltre due terzi dei cittadini. E’ quanto emerge da un sondaggio di Euromedia Research.

Un’angoscia ancora piu’ accentuata tra i residenti nelle Isole. In questo contesto e’ evidente che l’aspetto che occupa i pensieri della popolazione e’ quello sanitario, anche qui accentuato nelle Isole, dove la carenza di strutture potrebbe complicare una possibile situazione di emergenza. Il secondo pensiero corre sul versante dell’economia familiare, si registra soprattutto nelle regioni del Nord Ovest, dove si prendono in considerazione le conseguenze derivanti da questo periodo di lockdown.

Una chiusura e clausura forzata che, abbandonata ormai la speranza di una risoluzione entro i primi di aprile, secondo le percezioni di buona parte degli italiani potrebbe risolversi tra maggio e giugno. A questi si aggiunge una parte di coloro che credono addirittura in una fine dello stato di emergenza al termine dell’estate. Per il 22,5% del campione intervistato infatti si tornera’ alla normalita’ nel mese di giugno, dopo il mese di agosto per il 16,2%. Il 21,2% pensa alla fine totale delle restrizioni subito dopo la festa del lavoro dell’1 maggio (il 3 maggio e’ lunedi’), il 16,8% nella seconda meta’ di maggio.

Dati Euromedia Research per Porta a Porta – Realizzato il 25/03/2020 con metodologia mista CATI/CAWI su un campione di 800 casi rappresentativi della popolazione italiana maggiorenne.

(ITALPRESS).

sat/com

01-Apr-20 13:36

Fonte: Italpress

TELERADIO REGIONE S.R.L., società a socio unico soggetta a direzione e coordinamento della Filgest srl, 97015 Modica – S.P. 74 km 0+400 C.da Cava Gucciardo – C.F. e P.IVA 00209070895 – Capitale Sociale Euro 2.255.000 i.v. - CCIAA / REA Ragusa 110483 – Testata Giornalistica igiornalidisicilia.it nr. 3/2012 del 26.04.2012 Tribunale di Modica