Coronavirus, De Luca ribadisce “In Campania vietato uscire per strada”

NAPOLI (ITALPRESS) – “In Campania e’ assolutamente vietato uscire per strada, al di la’ dei casi consentiti”. E’ quanto ribadisce il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, che rivolge il suo appello al Governo nazionale “perche’ confermi in maniera chiara e forte l’obbligo per tutti di rimanere a casa, salvo che per l’acquisto di beni alimentari o di medicinali. Rinnovo il mio appello accorato ai nostri concittadini perche’ rispettino rigorosamente l’ordinanza regionale che vieta le uscite. Sappiamo bene tutti noi quanto sia grande e pesante l’impegno richiesto. Ma sarebbe un delitto vanificare i sacrifici fatti in queste settimane abbandonandosi ora a comportamenti irresponsabili”. “Se in un quartiere – sottolinea – escono cinquecento genitori con bambini al seguito, chi controlla il distanziamento di almeno un metro tra genitore e genitore, fra bambino e bambino? Chi controlla che la passeggiata avvenga nelle vicinanze dell’abitazione? Chi controlla che l’uscita duri un’ora e non una mattinata? Chi controlla i motivi di necessita’? Non oso neanche immaginare quello che succederebbe in queste condizioni, nel fine settimana di Pasqua. Sarebbe come dare il via libera a tutti: una tragedia”.

“Il risultato – sottolinea De Luca – sarebbe una riesplosione del contagio tra due settimane, dopo l’incubazione del virus. E cosi’, anziche’ ridurre il calvario di questi giorni, lo si prolunga all’infinito con un danno incalcolabile per la salute dei cittadini”. “Per questi motivi – spiega il governatore – ribadisco che in Campania e’ assolutamente vietato uscire per strada, al di la’ dei casi consentiti”.

(ITALPRESS).

fsc/com

01-Apr-20 14:20

Fonte: Italpress

TELERADIO REGIONE S.R.L., società a socio unico soggetta a direzione e coordinamento della Filgest srl, 97015 Modica – S.P. 74 km 0+400 C.da Cava Gucciardo – C.F. e P.IVA 00209070895 – Capitale Sociale Euro 2.255.000 i.v. - CCIAA / REA Ragusa 110483 – Testata Giornalistica igiornalidisicilia.it nr. 3/2012 del 26.04.2012 Tribunale di Modica