Coronavirus, Sala “A Milano vietato l’asporto di alcolici dalle 19”

MILANO (ITALPRESS) – “Dopo le 19 non sara’ permessa la vendita di alcolici e superalcolici per asporto dai bar. Per cui sara’ possibile consumare ai tavolini stando seduti, ma non per asporto”. Lo ha detto il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, a margine del Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica. La norma, ha spiegato il sindaco, entrera’ “in vigore da domani sera” e “riguardera’ anche i negozietti di prossimita’. Di fatto quello che sanzioneremo e’ il consumo di alcolici in piedi, se non in un luogo dedicato, definito come spazio e prospicente al bar”. Il divieto, ha sottolineato Sala a specifica domanda, non riguardera’ i supermercati.

“Le decisioni che abbiamo preso non vietano di socializzare, ma limitano un po’ il rischio. Poi vedremo” ha aggiunto Sala.

L’intenzione, ha specificato Sala, e’ quella di non porre limiti temporali all’apertura degli esercizi. Ci abbiamo pensato, ma crediamo che non ne valga la pena per due motivi: da un lato non penalizziamo gli esercizi commerciali e dall’altra la situazione potrebbe anche peggiorare”. Il sindaco ha quindi spiegato di augurarsi “di non dover fare nulla di piu’ restrittivo. Confesso che stiamo sperimentando, cercando di capire quale sia la gradazione piu’ forte. Io non voglio avere un atteggiamento da sceriffo, perche’ non credo sia nemmeno sano. Spero non ci si metta gli uni contro altri, chi sta fuori e chi in casa”.

“Il questore coordinera’ l’intervento di quattro Forze di Polizia, che sono la Polizia di Stato, i Carabinieri, la Guardia di Finanza e i vigili urbani. A ognuna forza verra’ assegnato un luogo particolare della movida a rotazione con un calendario definito.

Questo per essere certi che questi luoghi siano presidiati dalla Polizia” ha aggiunto Sala.

(ITALPRESS).

mig/pc/red

25-Mag-20 19:10

Fonte: Italpress

TELERADIO REGIONE S.R.L., società a socio unico soggetta a direzione e coordinamento della Filgest srl, 97015 Modica – S.P. 74 km 0+400 C.da Cava Gucciardo – C.F. e P.IVA 00209070895 – Capitale Sociale Euro 2.255.000 i.v. - CCIAA / REA Ragusa 110483 – Testata Giornalistica igiornalidisicilia.it nr. 3/2012 del 26.04.2012 Tribunale di Modica