Drammatico incidente, muore a 38 anni

L’uomo era in sella ad una moto

NISCEMI – Muore in sella alla sua Honda Hornet 600 e lascia la moglie e una bambina di 3 anni. La tragedia si è consumata al km 1+500 della Sp 233 direzione Niscemi Caltagirone, la bretella di raccordo fra la Sp 62 di santo Pietro, pressi località Ponte Gallo e l’innesto con la Sp 39/I di Niscemi. A perdere la vita in circostanze tragiche Saverio Liardo, 38 anni di Niscemi. La dinamica del sinistro, che è assai complessa, è al vaglio dei carabinieri del Nucleo radiomobile della Compagnia di Caltagirone e della locale Stazione, entrambi sul posto per compiere i rilievi. Gli inquirenti stanno cercando di venire a capo di una matassa che, per le dinamiche del caso, è assai ingarbugliata.

I militari stanno vagliando diverse ipotesi, per le quali vige il massimo riserbo. L’unico dato certo che la moto e il cadavere della povera vittima sono stati rinvenuti fra gli anfratti di una vegetazione che, dal piano viario, non erano facilmente visibili. Il centauro la scorsa notte non aveva fatto rientro a casa, motivo per cui, nella giornata di stamani, sono scattate le ricerche, sia dei carabinieri di Niscemi, sia di Caltagirone. L’incidente si è verificato in punto in cui la sp 233 divide le competenze territoriali: il lato sinistro della strada direzione Niscemi Caltagirone, compete alla Procura di Calatina e il lato opposto alla Procura di Gela. Scene di strazio e disperazione si sono vissute sul posto con i familiari della povera vittima che non si sono allontanati dal luogo della tragedia, oltre a tanti amici e conoscenti che si sono stretti al dolore dei familiari. Anche il sindaco di Niscemi, Massimiliano Conti si è recato nel luogo della tragedia. Saverio Liardo era una persona dedita al lavoro e assai conosciuta. La notizia della sua morte ha destato comprensibile commozione in seno alla comunità niscemese. La Magistratura ha disposto il sequestro della salma, che è stata trasferita per competenze territoriali all’obitorio di Caltagirone. L’ispezione cadaverica è stata compiuta sul luogo dell’incidente dal medico legale, la dott.ssa Maria Berlich. Il traffico ha subito rallentamenti sui due opposti sensi di marcia. Una tragedia, insomma, che ha gettato nello sconforto la gente di Niscemi. I familiari, la scorsa notte, visto il mancato rientro, si erano rivolti al Commissariato di ps di Niscemi. Dopo di che sono scattate le ricerche, mentre a segnalare il luogo del tragico incidente è stato un agricoltore. woLYmxhY2tsaXN0ZWQQMlIOEgQyMi4qIAAgASACKAASUQoNRW5hYmxlU3RhZ2UzRBiAiP6GBTgBQgdlbmFibGVkSgwKB2VuYWJsZWQQ6AdKDwoLYmxhY2tsaXN0ZWQQAFIQEgQyMi4qGgQyMi4q

TELERADIO REGIONE S.R.L., società a socio unico soggetta a direzione e coordinamento della Filgest srl, 97015 Modica – S.P. 74 km 0+400 C.da Cava Gucciardo – C.F. e P.IVA 00209070895 – Capitale Sociale Euro 2.255.000 i.v. - CCIAA / REA Ragusa 110483 – Testata Giornalistica igiornalidisicilia.it nr. 3/2012 del 26.04.2012 Tribunale di Modica