L’Atalanta spaventa la Juve, finisce 2-2 grazie a due rigori di CR7

TORINO (ITALPRESS) – Finisce 2-2 con grandi emozioni la super sfida tra Juventus e Atalanta, valida per la 32^ giornata di Serie A. A Torino la squadra di Gasperini va due volte in vantaggio, nel primo tempo con Zapata e poi soprattutto al minuto 81 con Malinovskyi, ma viene raggiunta dai padroni di casa grazie a due calci di rigore trasformati da Cristiano Ronaldo. Per i bianconeri e’ un punto importante nella corsa scudetto vista la nuova sconfitta della Lazio contro il Sassuolo, mentre l’Atalanta dimostra ancora una volta di essere in un incredibile stato di forma. Il vantaggio orobico arriva al 16′: dopo un lungo possesso palla Gomez si mette in proprio, aggira De Ligt e con l’esterno fornisce un assist splendido per Zapata, che resiste al tentativo disperato di chiusura di Bentancur e fulmina Szczesny con un rasoterra violento. Dopo otto minuti nella ripresa l’episodio che consente alla Juventus di trovare la parita’ col rigore concesso da Giacomelli per fallo di mano in area di De Roon: dal dischetto si presenta Cristiano Ronaldo e con la soluzione di potenza trasforma il penalty. L’Atalanta non si scompone, Gasperini cambia l’intero trio d’attacco e a dieci minuti dalla fine arriva il nuovo vantaggio degli ospiti con Ruslan Malinovskyi, che dopo un’azione avvolgente dei suoi puo’ calciare da ottima posizione trovando l’angolino. Ma nel finale arriva la doccia gelata per la squadra di Gasperini. Altro tocco di mano ingenuo in area di rigore, stavolta di Muriel, e per Giacomelli e’ ancora rigore: dagli undici metri si presenta ancora Ronaldo che firma la doppietta su rigore e fissa il punteggio sul 2-2.

(ITALPRESS).

spf/pal/red

11-Lug-20 23:49

Fonte: Italpress

TELERADIO REGIONE S.R.L., società a socio unico soggetta a direzione e coordinamento della Filgest srl, 97015 Modica – S.P. 74 km 0+400 C.da Cava Gucciardo – C.F. e P.IVA 00209070895 – Capitale Sociale Euro 2.255.000 i.v. - CCIAA / REA Ragusa 110483 – Testata Giornalistica igiornalidisicilia.it nr. 3/2012 del 26.04.2012 Tribunale di Modica