Approvato nuovo statuto dell’Ente provinciale

RAGUSA (di Elisa Montagno) – A distanza di 20 anni è stato approvato il nuovo statuto dell’Ente. L’ultima ‘grande carta’ che disciplina sul piano giuridico, funzionale ed organizzativo il Libero Consorzio Comunale di Ragusa era stata approvata il 31 marzo 2000.


Il nuovo statuto, approvato con i poteri dell’assemblea consortile, dal Commissario straordinario Salvatore Piazza su proposta del segretario generale Alberto D’Arrigo è composto da 7 titoli e 57 articoli ed è lo strumento giuridico che contiene le norme fondamentali dell’organizzazione dell’Ente. I sette titoli prevedono le disposizioni generali, l’ordinamento istituzionale del Libero Consorzio Comunale di Ragusa, il Consiglio, l’assemblea, la partecipazione dei Comuni, la partecipazione popolare, l’organizzazione burocratica, le finanze e il bilancio e le disposizioni finali. Entrerà in vigore decorsi i 30 giorni dalla pubblicazione all’albo pretorio.
Lo statuto dovrà ora essere sottoposto per la sua approvazione all’Assemblea del Libero Consorzio Comunale di Ragusa che è formata dai 12 sindaci della provincia di Ragusa.
L’approvazione dello schema di Statuto da parte dell’Assemblea dei Sindaci è stata stabilita dalla legge regionale n. 6 del 3 marzo 2020 che è stata pubblicata nella Gazzetta Ufficiale del 6/3/2020.
“L’approvazione dello statuto – dice il Commissario straordinario, Salvatore Piazza – è un atto qualificante dell’amministrazione perché costituisce l’architrave giuridico ed organizzativo dell’Ente. Averlo ‘novato’ rispetto alla stesura di 20 anni è motivo di soddisfazione perché significa aver attualizzato e reso più efficace uno strumento utile al funzionamento dell’Ente”.

TELERADIO REGIONE S.R.L., società a socio unico soggetta a direzione e coordinamento della Filgest srl, 97015 Modica – S.P. 74 km 0+400 C.da Cava Gucciardo – C.F. e P.IVA 00209070895 – Capitale Sociale Euro 2.255.000 i.v. - CCIAA / REA Ragusa 110483 – Testata Giornalistica igiornalidisicilia.it nr. 3/2012 del 26.04.2012 Tribunale di Modica