L’Ardens Comiso torna in B2

VOLLEY  (Giulia Di Martino) – Ci sono voluti ben 14 anni e tanto lavoro per regalare alla città di Comiso la meritata serie B2 femminile di pallavolo. L’impresa è dell’Ardens, del presidente Sudano, che in questi anni ha sempre lavorato sul settore giovanile. La finale contro il sestetto La Saracena, squadra messinese allenata da Agata Licciardello, giocata sul ‘neutro’ di Giarre, è stata avvincente. Il primo ed il terzo set sono stati vinti dalle ragazze dello Stretto, con le comisane sempre a rincorrere, fino al quinto set. E anche nell’ultima sezione della partita non sono mancate le emozioni, con i due sestetti che andavano avanti punto a punto. La svolta al tie break è arrivata sul punteggio di 11-12 per l’Ardens. Sale in cattedra la veterana Giuliana Di Emanuele che prende per mano il sestetto e lo porta a chiudere il set sul 15-12 che vuol dire promozione in B2 femminile. Dopo quasi tre lustri torna il campionato nazionale a Comiso dopo l’esperienza vincente del compianto presidente Davolos a cui l’attuale primo tifoso dei colori biancorossi, il presidente Sudano, dedica questa vittoria. Una finale di riscatto anche per il tecnico Concetta Marchisciana che dopo tanti anni di lavoro nel settore giovanile ha portato avanti un gruppo di ragazze affiatate capaci di mantenere un trend costante per tutto il campionato di serie C.  Dunque, alle squadre del territorio ibleo già presenti in serie B, tra maschile e femminile, si aggiunge anche l’Ardens Comiso che entra di diritto nel campionato nazionale confermando come la provincia di Ragusa sia tra le migliori scuole pallavolistiche della Sicilia.

Leggi tutto

Comiso, brillante stagione sportiva per calcio, basket e pallavolo

COMISO (Di Giulia Di Martino) – Non solo calcio. La stagione sportiva 2018-2019 a Comiso, sarà ricordata come una delle migliori di sempre. E, nel prossimo fine settimana, potrebbe assumere contorni trionfali. Gli appassionati, stanno vivendo un momento davvero unico. Prima la vittoria nel campionato di calcio di Prima Categoria del Comiso che torna in Promozione; poi l’Olympia di basket che domenica si giocherà la finale per la ‘C’ a Gela; e infine l’Ardens, di pallavolo, alle porte del salto in B, dopo aver vinto 3-0 fuori casa l’andata della finale play off. Alla Olympia, impegnata in gara 3 con il Gela, c’è molto entusiasmo per la possibile C; ma rimangono con i piedi per terra. Anche in casa Ardens, in lotta per la B di volley, c’è ottimismo.

 

 

Leggi tutto

Modica: la Pasqua negli Iblei, 5 ore in diretta Vr

SCICLI  (Giulia Di Martino) – Anche quest’anno la Pasqua negli iblei ha registrato la presenza di tanta gente nonostante le condizioni meteo avverse condizionate dal forte vento che in alcuni comuni iblei ha costretto il cambio di programma soprattutto per quanto riguarda le rappresentazioni sacre all’aperto. Ed anche quest’anno Video regione ha seguito la Pasqua negli iblei con oltre 5 ore di diretta televisiva e su Fb per raccontare le emozioni delle rappresentazioni sacre della terra iblea. Modica, Comiso e Comiso sono stati i momenti  raccontati dalla nostra redazione  Dalle 9.30 in collegamento da Modica abbiamo seguito tutte le fasi della Madonna Vasa Vasa con la trasmissione in diretta   della Santa Messa dalla Chiesa di Santa Maria di Betlemme per poi seguire i simulacri della Madonna e del Cristo Risorto che si cercano per le vie della città fino a   quando a Mezzogiorno c’è  l’emozionante incontro in piazza Monumento dove si celebra il momento più atteso: a vasata,  il simbolico abbraccio tra la Madre e il Figlio risorto. Abbiamo anche seguito la Paci di Comiso, in questo caso, a causa del forte vento sono saltate  le processioni all’esterno rimandate probabilmente alla prossima domenica. Tutto si è svolto all’interno della Basilica Maria Santissima dell’Annunziata. Una decisione presa pochi minuti prima l’inizio delle processioni dopo una specifica ordinanza del Sindaco Schembari  che ha convinto la parrocchia della basilica dell’Annunziata e il comitato organizzatore della Pasqua a desistere. Quindi introno alle 13 il racconto da Scicli del Gioia, In questo caso, nonostante il vento, tutto è proseguito come da programma. abbiamo seguito in diretta la processione più importante della giornata  quella  che si svolge dalle 13 alle 15.30 quando avviene la traslazione del Cristo Risorto  dal santuario di Santa  Maria La Nova  alla chiesa del Carmine.Il percorso  che compiono i portatori non è definito ed è improvvisato  con repentini cambi di rotta. Momento molto atteso è  quando il Gioia  viene portato fin sotto la chiesa dlela Consulazione per ricevere il lancio di petali dai fedeli, in particolare da Donna Stella. Tra luci, colori e fuochi d’artificio l’Uomo vivo ha fatto rientro nel santuario di Santa Maria la Nova  intorno alle 15.30 l’Uomo vivo rientra nel santuario di Santa Maria La Nova per uscire nuovamente nel pomeriggio fino a tarda notte.

 

Leggi tutto

Modica, la Pasqua negli iblei con il sole.

MODICA  (Giulia Di Martino) In questa primavera capricciosa anche nel fine settimana pasquale si prevede tempo incerto nel sudest della Sicilia soprattutto nelle zone più interne, anche se il giorno di Pasqua sarà comunque caratterizzato dal sole.  Già  da domani farà più caldo a causa dell’anticiclone che favorirà una maggiore stabilizzazione del tempo nel corso della settimana e farà aumentare le temperature giorno dopo giorno. Ci sarà un vero e proprio ribaltone termico che in Sicilia si trasformerà in scirocco.  Sono tutto sommato confortanti le previsioni per il giorno di Pasqua con sole e qualche perturbazione sparsa e temperature al di sopra delle medie stagionali che  potrebbero raggiungere i  24-25° caratterizzate , come dicevamo dallo scirocco, che potrebbe rovinare la giornata di pasquetta con forte vento e piogge. Il tempo buono di domenica aiuterà molto le tradizionali  rappresentazioni sacre che si terranno nei vari centri iblei e come ogni anno Video regione seguirà le  celebrazioni della Pasqua negli iblei. dalle 9.25 il  direttore Salvatore Cannata e Pinella Rendo  da piazza monumento a Modica  apriranno i collegamenti  per seguire la madonna vasa vasa che sarà preceduta dalla  diretta della Santa messa  dalla Chiesa di S.Maria di Betlemme;  subito dopo  nuovo collegamento da C.so Umberto e quindi collegamento con  Comiso per seguire i momenti suggestivi  della “Paci”;  alle 12.00 in punto l’atteso bacio da Modica con la santa vergine che ritrova il Figlio risorto e collegamenti  da Scicli Leuccio Emmolo ci racconterà la festa del Cristo Risorto, “U Gioia”

 

 

 

Leggi tutto

Comiso: Cominciato ‘Luce Finita Fest’, evento di grande suggestione

COMISO (Di  Giulia Di Martino) – Le note de ‘Il Flauto Magico’ di Mozart, hanno accompagnato l’accensione delle luci. Nel cortile della ‘Fondazione Bufalino’, è stato inaugurato ieri sera ‘Luce Finita Fest’, il primo festival siciliano delle luci d’artista. Luminarie montate tra gli archi del cortile, disegnate dal pittore vittoriese, Giovanni Robustelli e realizzate da Salvatore Di Benedetto, di Monterosso Almo. È il primo momento della manifestazione, organizzata dalla Fondazione degli Archi, direttore artistico Nunzio Andrea Zago.  Le luminarie rappresentano delle scene del ‘Il Flauto Magico’. Quattro ‘quadri’ attraverso cui Robustelli, ha sintetizzato i momenti salienti dell’Opera di Emanuel Schikaneder, su cui Mozart realizzò uno dei suoi capolavori più celebri. Il viaggio spirituale del principe Tamino verso la luce attraverso l’assalto del drago, il soccorso dei genietti che donano il Flauto Magico, Tamino che suona il flauto e lui al centro tra le guardie che presidiano l’ingresso nel tempio, luogo della spiritualità. Il sindaco, Maria Rita Schembari, ha definito ‘Luce Finita’, un festival della luce che immortala un grande genio come Mozart, allargando il suo pensiero anche al resto degli eventi natalizi

 

 

 

Leggi tutto

Comiso: rilanciare il Pio La Torre per tenerlo in vita… ma come?

COMISO  (Giulia Di Martino)-L’obiettivo è comune ma le strategie per tenere in vita l’aeroporto di Comiso, sono diverse. Il comune di Comiso, ha invitato istituzioni ed oltre a costituire una nuova società consortile per ‘gestire’ il 35% delle quote di proprietà dell’ente casmeneo ed eventualmente acquisire quote InterSac in liquidazione. Una proposta che non piace alla CNA. La confederazione dell’artigianato, attraverso il suo segretario, Giovanni Brancati, è stata caustica non solo nei confronti dell’idea del comune di Comiso ma anche verso chi la sostiene. Brancati non le manda a dire e spiega come ed in che modo si può pensare ad una privatizzazione e chi potrebbe esserne interessato anche alla luce di un socio di maggioranza, InterSac, in ambasce. E la proposta la contesta anche Confesercenti Fra i sindaci, invece, la proposta passa. Non convince appieno ma l’idea che ha il comune di Comiso di ‘aprire’ ai privati, tutto sommato, è accetta.

Leggi tutto

Comiso: il prestito ponte non piace, ma così è…

COMISO  (Di  Giulia Di Martino)  – Il prestito ponte da un milione e duecento mila euro deliberato dal cda di Sac per Soaco fa discutere; fa discutere il comitato dei viaggiatori Vussia, un comitato di 80 cittadini  che da qualche mese s’è preso a cuore la questione del Pio La Torre; nel caso specifico, secondo il comitato, questo prestito è benzina sul fuoco”. Questi soldi, dovrebbero servire a garantire il fabbisogno di Soaco per i prossimi sei mesi, per giungere cioè alla primavera prossima quando dovrebbe concludersi la liquidazione di Intersac. L’aeroporto ha bisogno di risorse finanziarie, ma tutto è bloccato da un anno e mezzo, a causa dei contrasti interni del socio privato Intersa, dove coesistono San e Ies di Catania. Si cerca una soluzione tampone, il prestito ponte, appunto che, però a vussia non piace. “Comiso, dice il presidente del comitato, potrebbe resistere agli attuali regimi di costo solo se triplicasse l’attuale traffico passeggeri. Nella realtà, il traffico si è ridotto del 15%. Come dovrebbero fidarsi altri operatori, chiedono i componenti di Vussia,  a programmare la loro attività in un aeroporto che agisce come se fosse florido mentre è sull’orlo della bancarotta? Immediata e dura, la replica del primo cittadino: Maria Rita Schembari sostiene che la grave crisi finanziaria, in cui versa l’aeroporto di Comiso almeno da un anno , non ha altro sbocco se non quello di un prestito ponte, Questa misura-spiega la Schembari non decreterà la chiusura dell’aeroporto. Non si può pensare ad un nuovo inizio di un percorso positivo, revocando la concessione alla società di gestione dell’aeroscalo, la SOACO, così come invece da tempo viene auspicata da questi comitati spontanei. La revoca immediata della concessione, questo sì, decreterebbe la cessazione di tutte le attività aeroportuali. Quello che è stato consigliato è una cosa che un territorio non si può permettere e su cui non si può ragionare con leggerezza. Io mi aspetto- chiosa la Schembari- che chiunque dica di operare nell’interesse e a tutela dell’aeroporto e di tutti i cittadini, ragioni con maggiore responsabilità nel dare consigli al Sindaco invece di suggerire di fare dei passi che, eufemisticamente, si potrebbero definire avventati”.

 

 

 

 

Leggi tutto

Tavola rotonda a Comiso sullo sviluppo commerciale

COMISO (di Elisa Montagno) – “Esprimo soddisfazione – ha dichiarato il Sindaco di Comiso Maria Rita Schembari – per la riuscita di questo evento che ha catalizzato l’interesse e l’attenzione di molti rappresentanti del tessuto produttivo locale. Abbiamo avuto il piacere di accogliere nella nostra città personaggi che incarnano oggi , nuove forme e vie per gli scambi commerciali legati alle produzioni di nicchia nei territori. Tra questi – ha continuato il Sindaco – l’ingegnere Seif Tajaddine, rappresentante del gruppo INWEX e CEO of Innovation Center Group che ha sede in molte metropoli, e che vanta una sede anche in Italia, a Latina. INWEX , che con la connessione di 7.800 aziende solo negli Emirati Arabi Uniti, riunendo sotto un unico ombrello tutte le società internazionali con possibilità di espansione, apre la porta a nuove opportunità. Inwex è presente a Dubai, Mosca, Bielorussia, Italia, Svizzera e Francia e ha una partnership con tutte le principali banche a livello locale e globale. Con la conoscenza del mercato, rappresenta società governative e semi-governative nei mercati degli EAU, della Russia e della CSI. L’obiettivo futuro di Trading House INWEX è quello di aprire uffici di rappresentanza in America Latina, Europa e Stati Uniti d’America. L’ azienda lavora con quasi tutti i gruppi finanziari e industriali e le catene di vendita al dettaglio in Europa, Asia centrale, Medio Oriente, Africa e Russia. Accanto all’ingegnere Tajaddine – ha spiegato ancora il Sindaco – il dott. Paolo Greco, consulente. Abbiamo registrato la partecipazione di molti rappresentanti dei comuni iblei, in particolar modo dei vari Assessori al commercio e sviluppo economico, di presidenti delle più significative associazioni di categoria quali la ConfCommercio e la CNA e di presidenti di alcuni consorzi quale Multifidi. I nostri produttori locali – ancora il primo cittadino – hanno potuto conoscere questa realtà e stringere dei primi contatti che potranno consolidarsi operativamente in una successiva visita che sarà calendarizzata per novembre. Il comune di comiso, come Ente Pubblico, non può creare posti di lavoro ma, sicuramente, può offrire condizioni e connessioni affinche le nostre pregiate produzioni di nicchia trovino ulteriori sbocchi in più ampi mercati. Infine – ha concluso Maria Rita Schembari – rivolgo un ringraziamento a Roberto Guccione che, essendo persona che si spende per la propria città, ha fatto da “trait d’union” per l’organizzazione e la riuscita dell’evento”.
Leggi tutto

Aeroporto Comiso, Santocono (CNA): Ormai tutti i nodi sono venuti al pettine”

COMISO (di Elisa Montagno) – Nelle ultime settimane è ripreso con cadenza quasi quotidiana il dibattito sullo stato sempre più precario ed allarmante in cui versa la Soaco, la Società che gestisce l’aeroporto di Comiso. Nel frattempo, circa una settimana fa, si è svolto un incontro tra il management della società (con in testa il presidente Silvio Meli e l’amministratore delegato Giorgio Cappello) e il partenariato socio-economico del territorio, alla presenza del presidente della Camera di Commercio del Sud-Est, Piero Agen. L’unica concreta novità positiva emersa è stata la pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale del nuovo bando “per l’affidamento dei servizi di promozione e comunicazione finalizzati a favorire l’incremento delle presenze turistiche nell’ambito territoriale” dell’aeroporto per un importo di poco superiore ai 7 milioni di euro. “Arrivati a questo punto – dichiara Giuseppe Santocono, presidente territoriale della
Cna di Ragusa – attendiamo con sincera trepidazione che alla scadenza del prossimo 8 ottobre, contrariamente a quanto avvenuto nelle tre precedenti occasioni, sia presentata qualche offerta da parte delle compagnie aeree interessate, in modo tale da rilanciare veramente con nuove importanti e funzionali rotte le sorti dell’aeroporto, fortemente indebolite dalle perdite accumulate dalla Soaco in questi primi 5 anni di attività”.
Per il resto, la riunione è stata vissuta sulle differenti visioni rispetto all’attuale situazione espresse da Agen, che ha volato molto alto proiettandosi sui possibili sviluppi nei prossimi decenni, e da Cappello, il quale invece ha insistito sul presente e sull’immediato futuro sottolineando il fatto che il nuovo bando, se andrà in porto, potrà esplicare i propri effetti positivi non prima della metà del prossimo anno, mentre si dovranno attraversare 9-10 mesi difficilissimi con una Soaco che, spiace dirlo, è praticamente “al verde”. “Prima di intervenire pubblicamente – continua​ Santocono – abbiamo voluto attendere qualche giorno per verificare le ultime novità e le varie dichiarazioni rilasciate da diversi soggetti, ma bisogna dire che, nonostante qualche comunicato di forzata sottovalutazione della gravità della situazione, sono rimaste intatte le riserve che come Cna abbiamo espresso durante il predetto incontro.
Nel corso del quinquennio 2013-2017, la Soaco ha “allegramente” accumulato perdite complessive per circa 15 milioni di euro (in media 3 milioni all’anno), bruciando in tal modo quasi completamente la riserva dovuta al soprapprezzo azioni apportato a suo tempo dall’Intersac (9 milioni della Sac e 6 milioni del socio privato Ies). Come da tempo va dichiarando non la Cna ma l’amministratore delegato Giorgio Cappello, la situazione finanziaria della Soaco peggiora di giorno in giorno e diventa sempre più problematico rispettare le scadenze dovute anche alla più ordinaria amministrazione. La cosa risulta ancora più grave perché nel corso dell’ultimo anno e mezzo si sono andate chiudendo quasi tutte le vie d’uscita da questa difficilissima situazione: per prima la strada più semplice, cioè quella della ricapitalizzazione da parte dei soci, in quanto il Comune di Comiso non è nelle condizioni di mettere nemmeno un euro e l’Intersac è andata in liquidazione per l’insanabile contrasto tra la Sac, disponibile a scucire altri milioni di fondi pubblici, e la Ies che non intende perdere altro capitale, ma che invece vorrebbe rientrare almeno in parte dalle ingenti perdite subite. Ultimamente è poi tramontata anche la fantasiosa idea (peraltro rimasta senza paternità) di un possibile affitto di azienda avente ad oggetto la gestione dell’aeroporto. A questo punto, a detta degli stessi amministratori della Soaco, l’unica (remota?) possibilità rimane quella di attingere ad un prestito-ponte in attesa che i liquidatori di Intersac mettano in vendita il 65% delle azioni della Soaco e che il bando per le nuove rotte vada positivamente in porto. Ma chi potrà operare questo prestito-ponte nei confronti di una società che perde 200.000 euro al mese? Su questo quesito le risposte sono ancora molto vaghe. Purtroppo, e sottolineo il purtroppo, questa è la nuda, dura e cruda verità. A questo punto sorgono spontanee alcune domande. Cos’ha fatto di concreto in questi 5 anni il Comune di Comiso per evitare di arrivare a questo punto, e cosa intende fare ora? Cos’ha fatto di concreto la Sac, oltre a non far fruttare almeno 9 milioni di fondi pubblici, per lanciare veramente l’aeroporto, e cosa intende fare ora? Cos’ha fatto di concreto la grande Camera di Commercio del Sudest, vero perno centrale del sistema, e cosa intende fare ora? Sappiamo solo che durante l’ultima riunione è rimasta sostanzialmente senza risposta la domanda più volte avanzata da noi della Cna ed anche dal rappresentante di Unicoop, Salvatore Farruggio: perché in tutti questi anni la Sac non si è adoperata almeno per spostare qualche volo da Catania a Comiso? Certo è che per ora nell’interesse dell’aeroporto e di tutto il territorio è necessario mettere la massima sordina possibile alle polemiche; tuttavia ci dovrà pur essere un momento in cui qualcuno dovrà essere chiamato a pagare per aver contribuito a determinare questa gravissima situazione”.
Leggi tutto
TELERADIO REGIONE S.R.L., società a socio unico soggetta a direzione e coordinamento della Filgest srl, 97015 Modica – S.P. 74 km 0+400 C.da Cava Gucciardo – C.F. e P.IVA 00209070895 – Capitale Sociale Euro 2.255.000 i.v. - CCIAA / REA Ragusa 110483 – Testata Giornalistica igiornalidisicilia.it nr. 3/2012 del 26.04.2012 Tribunale di Modica