Pier Paolo Pasolini Protagonista del VII “Sabato letterario” del Caffè Quasimodo di Modica

MODICA ( di Elisa Montagno) – Appuntamento con la grande letteratura il prossimo 12 gennaio al Caffè Letterario Quasimodo. In programma una serata dedicata a Pier Paolo Pasolini tra poesia, narrativa e cinema, che si terrà alle ore 17,30 al Palazzo della Cultura nel quadro dei “sabati letterari” della stagione culturale 2018-2019 del circolo modicano.
Dopo l’introduzione di Domenico Pisana, Presidente del Caffè Letterario Quasimodo, a parlare di questo grande intellettuale del ‘900 saranno Michele Armenia, docente di Lettere nel Liceo Classico di Modica, che si soffermerà sulla figura di Pasolini tra poesia e narrativa, e Danilo Amione, critico cinematografico e docente di cinematografia nell’Accademia delle Belle Arti di Ragusa, che parlerà dell’attività cinematografica di Pasolini.
La serata vedrà la lettura di testi poetici e di stralci di romanzi di Pasolini, a cura di Daniele Voi, Speaker radiofonico, e Assunta Adamo della Compagnia “Piccolo Teatro” di Modica.
“Pasolini – afferma Domenico Pisana – è una personalità artistica complessa e poliedrica. Abbiamo pensato di dedicarle una serata sintetizzando una serie molto varia di attività che sono convissute in lui o che si sono succedute nel tempo: poesia, narrativa, critica letteraria, attività cinematografica e di regista. Insomma un personaggio che, fra l’altro, ha influito molto sul pensiero sociale e politico dei primi anni ‘70 , grazie ad alcuni sui interventi polemici e saggistici sulle pagine di riviste e quotidiani italiani, ove Pasolini ha posto in essere tutta la sua passione di intellettuale svelando anche lo scandalo delle contraddizioni”
La serata sarà arricchita da intermezzi musicali a cura del “Trio Ecole”, composto dal M° Lino Gatto alla chitarra, il M° Paolo Bernò al clarinetto e Giuseppe Mallia al flauto.
Leggi tutto

Nuovo appuntamento al Caffè Quasimodo di Modica

MODICA (di Elisa Montagno) – “L’alunno del tempo. La straordinaria vita del giudice Filocleone”: è questo il titolo del romanzo dello scrittore acese Salvatore Borzì, che sarà presentato nel III “sabato letterario” del Caffè Quasimodo di Modica, che si terrà alle ore 17,30 al Palazzo della Cultura il prossimo 3 novembre, nel quadro della Stagione culturale 2018-2019 del circolo culturale modicano. La serata, che sarà coordinata dalla poetessa Silvana Blandino , sarà introdotta da Michele Armenia, docente di Lettere nel Liceo Classico di Modica, quindi vedrà una conversazione dell’autore con il Presidente del Caffè Quasimodo, Domenico Pisana. Gli attori Giovanna Drago e Giovanni Blundetto, della Compagnia Teatrale “I Caturru” di Scicli, leggeranno brani del romanzo, mentre intermezzi musicali, a cura del Duo “Colombo-Poidomani” al pianoforte, arricchiranno la serata.“ Protagonista di questo romanzo – afferma Domenico Pisana – è un giudice greco, Filocleone, che l’autore del romanzo ricollega a Cleone, personaggio di una commedia greca di Aristofane(422 A.C), ove viene affrontato il tema della giustizia, soprattutto di come la giustizia veniva amministrata nell’Atene del V secolo. Partendo dal mondo classico, Borzì fa attraversare al personaggio del suo romanzo un po’ di secoli, fino ai nostri giorni, arrivando perfino al caso Tortora al fine di dare una visione più equa, più umana, più attenta della giustizia. Dunque un romanzo che affronta un tema particolarmente rilevante nel nostro tempo e che cerca di far comprendere come oggi i codici penali abbiano tutto ridotto a un mero meccanicismo, dimenticando che l’applicazione della norma di per sé dovrebbe garantire giustizia”.

Salvatore Borzì è Dottore di ricerca in Filologia greca e latina. Insegna Lettere al Liceo classico “Gulli e Pennisi” di Acireale. E’ autore di studi su Leopardi, Sciascia, nonché curatore di numerose voci per il Dizionario patristico e di antichità cristiane, edito dalla Marietti nel 2007, e della silloge Grecia. Poesia in due atti di Silvestro Neri.

Per la Bonanno ha pubblicato il volume Sull’importanza della letteratura. C’è ancora speranza di salvezza per l’uomo(2011). E’ autore della traduzione di Eusebio, Storia ecclesiastica, I-IV, edita da Città Nuova e già alla seconda edizione. Ha pubblicato il saggio Leopardi e i volti di Dio(2015), che ha ricevuto il XXVIII premio “Anassilaos” per la saggistica 2016. L’alunno del tempo è il suo primo romanzo.

 

Leggi tutto

Franco Monaca chiude la stagione dei “sabati letterari” del Caffè Quasimodo di Modica

MODICA (di Elisa Montagno) – “Flora Pomona”: è questo il titolo del romanzo dello scrittore Franco Monaca, che sarà al centro del XVI “sabato letterario” del Caffè Quasimodo di Modica, che si terrà alle ore 17,45 al Palazzo della Cultura il prossimo 26 maggio, e con il quale si conclude la Stagione culturale 2017-2018 del circolo culturale modicano.
La serata, che sarà coordinata da Antonella Monaca, vedrà un intervento della poetessa e scrittrice Grazia Dormiente, mentre Domenico Pisana, Presidente del Caffè Letterario Quasimodo, terrà una conversazione sul romanzo con l’Autore; Giovanna Drago, della Compagnia teatrale “I Caturru” , e Carmelo Di Stefano leggeranno alcuni brani tratti dal romanzo.
“Con quest’ ultima sua opera, Franco Monaca propone ai suoi lettori un romanzo di sapore romantico, ove trovano spazio atmosfere d’annunziane e rivisitazioni di grandi autori della narrativa come , ad esempio, Vitaliano Brancati; l’autore ambienta la sua opera tra la Parigi e la Sicilia degli anni ’50, raccontando la storia intrigante e fascinosa di Flora Pomona, una donna che vive esperienze amorose tra compromessi e monotonie rimanendo però fedele ai suoi doveri matrimoniali. Franco Monaca attraverso la sua narrazione coglie l’occasione per mettere in rilievo problematiche legate alla concezione vetero-maschilista del tempo, al valore dei diritti civili, al senso della relazione sentimentale che trova, nella storia di Flora con Henri, giornalista francese e impegnato socialmente, un fisionomia veritativa quando i due realizzano viaggi a più riprese in paesi esotici.”
L’incontro sarà arricchito da intermezzi musicali a cura del “Duo Colombo – Cannizzaro” al pianoforte.
Franco Monaca è nato a Roma nel 1937 e ha trascorso l’infanzia e la prima adolescenza nell’area iblea. Assistente di Storia Moderna e Contemporanea presso l’Università La Sapienza di Roma negli anni Sessanta, impegnato nella vita politica e culturale romana, ha dedicato la sua attività allo sviluppo del Mezzogiorno del nostro Paese, nel solco dell’insegnamento dei grandi Meridionalisti.
I suoi numerosi viaggi in Europa, in Africa e in America Latina lo hanno messo in contatto con grandi personaggi della storia del Novecento, tra i quali Ernesto Che Guevara, di cui ha tradotto Guerra de guerrillas. Ha già pubblicato “I segreti del barone” e “Vita e segreti di donna Esmé”.
Leggi tutto

Il destino errabondo dei popoli del Mediterraneo al Caffè Quasimodo di Modica

MODICA (Di Elisa Montagno) – Lo scorso sabato al Caffè Letterario Quasimodo di Modica è stato presentato il romanzo “Mare con mare” del poeta e scrittore ragusano Giovanni Occhipinti. Una serata gradita dal pubblico, nella quale la puntuale, accurata e profonda analisi fatta dalla poetessa del Gruppo Quasimodo, Grazia Dormiente, ha evidenziato come tre mondi, Terra – Mare – Cielo, in cui Tu, il protagonista nato dalla feconda immaginazione di Giovanni Occhipinti, dissemina incontri reali e immaginari, interpella con domande ancora aperte la coscienza civica, religiosa e sociale di ogni uomo. Lo stesso rapporto con il tempo, fondato su costellazioni di “ricordi” e su “figure” dotate di un’aura magica, è alimentato – ha proseguito la Dormiente – dalle ardite e originali proiezioni che promanano dai paesaggi costieri.
Nel corso della serata il M. Sergio Carrubba ha conquistato il pubblico con le sue composizioni musicali tratte da un suo CD, una delle quali intitolata proprio “migranti”, mentre Giovanna Drago e Franca Cavallo hanno letto alcuni brani del romanzo.
E’ intervenuto alla presentazione anche il fotografo pozzallese Massimo Assenza, il quale ha dato la testimonianza del suo rapporto con l’autore con l’ausilio di un Video contenente la sua mostra “Sbarchi”, realizzata in alcuni centri dell’area iblea, mentre Domenico Pisana, Presidente del Caffè Quasimodo, ha messo in risalto come Occhipinti offra al lettore, con un linguaggio letterario affabulante e carico di connotazioni metanarrative, uno spaccato di quell’umanità in fuga che grida al cielo il bisogno di giustizia, e come nel personaggio protagonista del romanzo ci sia un rispecchiamento della persona stessa dell’autore. Ha concluso l’incontro Giovanni Occhipinti, il quale ha tracciato le coordinate di fondo del suo volume e il senso letterario e metafisico della sua narrazione.
Leggi tutto
TELERADIO REGIONE S.R.L., società a socio unico soggetta a direzione e coordinamento della Filgest srl, 97015 Modica – S.P. 74 km 0+400 C.da Cava Gucciardo – C.F. e P.IVA 00209070895 – Capitale Sociale Euro 2.255.000 i.v. - CCIAA / REA Ragusa 110483 – Testata Giornalistica igiornalidisicilia.it nr. 3/2012 del 26.04.2012 Tribunale di Modica